SICUREZZA

Maschio Gaspardo contro
i crimini informatici

14/02/2018 13:48

Il Protocollo è stato siglato nella sede della Questura patavina, dal Questore di Padova, Paolo Fassari, da Emanuela Napoli, Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per il Veneto di Venezia e in rappresentanza della Maschio Gaspardo, Mirco e Andrea Maschio, rispettivamente Presidente e Consigliere d’Amministrazione della Maschio Gaspardo S.p.A. L’Accordo prende le mosse dalla necessità di garantire un’elevata sicurezza al Paese e al suo sistema economico e sociale, ormai fortemente basato su sistemi informatizzati, mediante la cooperazione mirata, di pubblica utilità, tra Enti pubblici e privati, così come previsto dal quadro Strategico Nazionale e dal Piano Nazionale per la Protezione Cibernetica e la Sicurezza Informatica.

Una tematica di grandissima rilevanza nel contesto attuale in cui servizi indispensabili ai cittadini vengono erogati da enti governativi, pubblica amministrazione, infrastrutture critiche e imprese attraverso reti e sistemi informativi. Incidenti informatici che impattino tali infrastrutture e servizi possono avere conseguenze economiche molto rilevanti, a livello di nazione, di industrie e di singoli cittadini.

Il Protocollo ha lo scopo di sviluppare collaborazioni, condividere procedure e informazioni utili così da poter aumentare la capacità di prevenzione e contrasto dei reati e dei crimini informatici, istituzionalmente demandati alla Polizia Postale e delle Comunicazioni, di estrema rilevanza nell’attuale contesto socio-politico che richiede costante attenzione ai fenomeni del cybercrime e del cyberterrorismo. Concretamente la collaborazione partirà dalla condivisione ed analisi di informazioni idonee a prevenire attacchi o danneggiamenti che possano pregiudicare la sicurezza delle infrastrutture informatiche dell’Azienda, per arrivare alla segnalazione di emergenze relative a vulnerabilità, minacce ed incidenti in danno della regolarità dei servizi di telecomunicazione e all’identificazione dell’origine degli attacchi subiti dalle infrastrutture tecnologiche. L’accordo prevede, infine, la realizzazione e la gestione di attività di comunicazione fra le parti in caso di situazioni di emergenza. “Il progetto di collaborazione alla base dell’odierno Accordo, ispirato al principio di sicurezza partecipata”, afferma il Questore di Padova, Paolo Fassari “ha il fine di innalzare il livello di prevenzione e contrasto della Polizia di Stato, attraverso l’attività svolta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, verso i crimini informatici che incidono gravemente in termini economici sulle aziende, oltre che sulla percezione di sicurezza dei cittadini. Una costante sinergia tra Istituzioni e società civile, attraverso la condivisione informatica e la collaborazione operativa, rende maggiormente efficace e adeguata l’azione di prevenzione della Polizia di Stato al cybercrime” conclude Fassari. “Alla Polizia Postale e delle Comunicazioni”, dichiara il Dirigente del Compartimento del Veneto, Emanuela Napoli, “spetta il compito di garantire l’integrità e la funzionalità della rete informatica per la protezione delle infrastrutture critiche del Paese. L’odierno Accordo con Maschio Gaspardo, rappresenta un ulteriore intesa a livello regionale, per implementare le attività di prevenzione e contrasto dei crimini informatici”. “La sicurezza informatica rappresenta oggi un asset competitivo fondamentale per le aziende come Maschio Gaspardo a elevato contenuto tecnologico e che operano a livello globale, ha dichiarato Mirco Maschio, Presidente del Gruppo Maschio Gaspardo. “In questa ottica è da diversi anni che il nostro Gruppo investe in cyber security adottando misure di prevenzione e protezione adeguate per difendere i propri dati aziendali. Questo importante protocollo d’intesa ci consente di innalzare ulteriormente il livello di prevenzione e contrasto delle minacce informatiche grazie alla  competenza specialistica della Polizia Postale e alla condivisione sinergica delle conoscenze sviluppate negli anni in questo ambito.” 



 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA