CONVEGNO AL SAN GAETANO

Nordest terra di
conquista per le mafie

14/03/2018 17:30

In Veneto è la ‘ndrangheta la mafia più pericolosa. La mafia calabrese quella più attiva a Nordest, ma allo stesso tempo non si sottovalutano le presenze di altre mafie e organizzazioni criminali straniere. Dalle investigazioni emerge un quadro criminale composito, in cui comunque in questi territori c’è spazio di manovra per tutti. Quando mancano pochi giorni alla XXIII edizione della giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, le cui commemorazioni avranno luogo in tutto il territorio nazionale il 21 marzo 2018, Padova ha ospitato un convegno al Centro Culturale San Gaetano organizzato da Libera e le realta sindacali delle forze dell’ordine per discutere della portata del fenomeno mafioso nei nostri territori.

“Libera: Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” ha scelto Foggia quale piazza ove realizzare la manifestazione nazionale mentre, per la regione Veneto, sarà la città di Padova ad ospitare le varie iniziative.

Al centro del convegno il riutilizzo a fini sociali dei beni confiscati alle mafie; il rapporto tra mafia e corruzione; la presenza delle mafie nei contesti connotati da povertà ed ingiustizia sociale; il caporalato in agricoltura e nella logistica oltre alla problematica delle c.d. agromafie; le caratteristiche della presenza della ’ndrangheta nel nord Italia; - le dinamiche di relazione sussistenti tra le mafie ed il tessuto economico-sociale del Veneto.


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA