TRAGEDIA

Rogo alla Grenfell Tower
il ricordo a Londra

14/06/2018 08:41

E’ passato un anno da quando un cortocircuito partito da un frigorifero ha fatto incendiare la Grenfell Tower di Londra dove sono morte 72 persone tra cui Gloria Trevisan di Camposampiero e Marco Gottardi San Stino di Livenza.

La notte tra il 13 e il 14 giugno del 2017 a Londra, nel quartiere Notting Hill nessuno avrebbe mai pensato che si consumasse una tragedia tale. I messaggi di Gloria e Marco ai genitori poco prima di morire sono stati strazianti. Si scoprirà poi che la torre non era sicura, che i materiali con cui è stata costruita erano altamente infiammabili e che i vigili del fuoco al posto di far evacuare le persone gli hanno intimato di star chiuse in casa o di salire addirittura agli ultimi piani.

Ieri mattina le famiglie dei due ragazzi sono volate a Londra per partecipare alla messa celebrata in ricordo delle vittime della tragedia e alla sera hanno assistito al concerto “Per Gloria e Marco” promosso dallo studio di architettura ‘Peregrine Bryant’ dove lavorava Gloria. Oggi alle 12.00 in tutti gli uffici statali si terrà un minuto di silenzio e le scuse del primo ministro britannico Theresa May fanno capire l’entità della tragedia: “Lo Stato non è riuscito ad aiutare le persone quando ne avevano più bisogno. Come primo ministro mi scuso di questo fallimento”.

Ad occuparsi di tutte le pratiche legali è l’avvocato Maria Cristina Sandrin che è spesso nella capitale europea per capire i risvolti delle indagini. Ora si sta cercando di capire a tutti i costi la dinamica dell’incidente.


 
Nessun commento per questo articolo.
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA