ROMA

Blocco bando periferie,
Giordani: Andremo al Tar

04/09/2018 17:16

Le opere previste si faranno comunque. Ma il sindaco di Padova Sergio Giordani è andato a Roma, assieme ad altri 96 primi cittadini da tutta Italia, in prima fila per avere i 18 milioni del bando periferie, bloccati dal Governo con il decreto mille proroghe. L’audizione si è tenuta alla Camera dei Deputati, assieme ai vertici dell’Anci. L’amministrazione vorrebbe usare quei soldi per alcune opere ritenute importanti per la città: il parco delle mura, nuove piste ciclabili, il restauro della scuola Monte Grappa 5 milioni verrebbero destinati alla riqualificazione del Castello dei Carraresi. altre risorse verrebbero impiegate per il nuovo Parco al Posto di Piazzale Boschetti.

"Come ha detto il presidente dell'Anci - dichiara Giordani - si tratta di uno scippo alla città. I contratti si rispettano. Senza quei soldi, sarebbero a rischio anche 10 milioni di investimenti privati per le zone da riqualificare. Se sarà necessario, faremo ricorso al Tar, perchè siamo convinti di avere ragione". A parlare alla conferenza stampa dopo l’audizione è stato il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, che ha detto: “Dal Governo non abbiamo avuto risposte precise. Tutti i sindaci, da Nord a Sud, vogliono reagire. Staremo addosso al governo e al parlamento, tutti i giorni, finché non ripristineranno i fondi".


 
Nessun commento per questo articolo.