INCONTRO A ROMA

Bando periferie: i
soldi arrivano a Padova

12/09/2018 08:46

Saranno diluiti in 3 anni ma arriveranno. I 18 milioni che Padova aveva ottenuto partecipando al Bando Periferie non rimarranno più bloccati, il premier Giuseppe Conte ha garantito che i fondi verranno sbloccati.

E’ il risultato ottenuto dai sindaci dell’Anci, tra cui Sergio Giordani, dopo più di un mese di proteste. Ieri a Roma i primi cittadini delle città metropolitane d’Italia hanno incontrato il Presidente del Consiglio spiegando le loro ragioni, e dopo un lungo dibattito è arrivata la soluzione del problema: la settimana prossima verrà firmato un decreto legge con il quale si stanzieranno i primi soldi.

A Padova pare che arriveranno prima di altri comuni in quanto i progetti sono già stati messi in gara e quindi la tempistica di realizzazione delle opere è molto avanti. I 18 milioni chiesti dalla città servono per la realizzazione del Parco Tito Livio che sorgerà dove oggi c’è Piazzale Boschetti, per la ristrutturazione del Castello Carrarese, per la riqualificazione del Parco delle Mura, per la realizzazione della pista ciclabile in via Bembo, per l’ampliamento della scuola Montegrotto, per l’ampliamento del centro sportivo Memo Geremia e per l’installazione di nuove telecamere di videosorveglianza.

Soddisfatto il sindaco Sergio Giordani rientrato in tarda mattinata in città. "Sono soldi destinati alle periferie, ogni comune avrebbe presentato ricorso al Tar. Sono soddisfatto ma aspetto di vedere ora cosa succederà", commenta il primo cittadino che ringrazia tutti i dipendenti comunali che, per chiudere i progetti e metterli in gara, hanno duramente lavorato per tutta l'estate.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.