L'INTERVENTO

West Nile, via allo
sfalcio straordinario

13/09/2018 10:18

Continua la lotta contro la febbre del Nilo: non solo disinfestazioni da parte dei Comuni con il supporto della Regione, ma anche sfalci dell’erba per evitare che le zanzare trovino luoghi umidi dove riprodursi e stare.

E’ così che anche il Consorzio Bacchiglione entra in azione mettendo in atto degli sfalci e pulizia straordinari lungo gli argini e i fossati di competenza. Così facendo si dovrebbe combattere la nascita di nuove zanzare che potrebbero rendersi protagoniste della diffusione del virus. L’Ulss 6 nei giorni scorsi ha comunicato che i casi di contagio nel territorio di competenza sono arrivati a 101.

Le zone di maggior interesse per gli sfalci sono quelle vicino alle scuole e quelle nelle vicinanze di grossi centri abitati. La collaborazione tra gli enti mira a risolvere quanto prima il problema riducendo i casi di contagio.

Va ricordato che fino ad ora i casi di decesso, 4 a Padova, 12 in tutta la Regione, riguardano persone anziane affette da gravi patologie e che la maggior parte delle persone infette, l’80%, non presenta sintomi. Tra quest’ultimi comunque ci sono febbre, mal di testa e dolori muscolo-articolari.


 
Nessun commento per questo articolo.