UNIVERSITà

La biblioteca del Santo
nel catalogo web

14/09/2018 17:51

Oltre 800 libri (dei quali 600 di epoca medioevale) oltre 260 icunamboli – 3,200 edizioni del 16esimo secolo e una notevole collezione di opere ebraiche – entrano a far parte del catalogo universitario del sistema bibliotecario nazionale. Significa che preziose opere finora rimaste nascoste tra gli scaffali dell’antica biblioteca pontificia antoniana, potranno essere consultate da studiosi da tutto il mondo. Il presidente della Veneranda Arca di Sant’Antonio e il rettore dell’Università di Padova hanno firmato l’accordo che sancisce l’adesione della biblioteca pontificia all’Opac – un unico catalogo in linea - condiviso da tutte le biblioteche. Due ricercatori avranno il compito di studiare e catalogare tutte le opere rimaste finora segrete.

La biblioteca antoniana ebbe origine nella prima metà del 13 secolo e si è conservata integra fino ai nostri tempi, sfuggendo a razzie e confische. Il primo nucleo della raccolta libraria si ricollega all’attività didattica avviata da sant’antonio nel convento. Due donazioni: un codice del 1237 contenente sermoni e una bibbia parigina in 25 volumi del 1240.


 
Nessun commento per questo articolo.