LETTERA VERSO ROMA

Ciclosteffetta per
Giulio Regeni in città

24/09/2018 08:42

Ieri sera è arrivata a Padova, facendo tappa davanti a Palazzo Moroni, la ciclostaffetta "A Roma per Giulio". Quattro ciclisti sono partiti nella mattinata di ieri da Fiumicello, il paese dove viveva Giulio Regeni, e in alcune tappe giungeranno a Roma per consegnare alle istituzioni una lettera dei familiari di Giulio nella quale si fa il punto delle azioni fatte fino ad oggi per arrivare alla verità sul suo omicidio e quelle che bisognerebbe intraprendere per sbloccare la situazione con il governo egiziano. La ciclostaffetta è un’iniziativa di FIAB (federazione Italiana Amici della Bicicletta) di Monfalcone, e arrivati in città i quattro staffettisti sono stati accolti dal sindaco Sergio Giordani e dagli assessori Francesca Benciolini e Chiara Gallani.

Nel suo intervento di benvenuto il sindaco ha detto: "Idealmente la lettera inviata dai genitori porta in calce anche la firma di tutti i padovani, perché è intollerabile che un omicidio così violento rimanga senza colpevoli. Il significato di questa staffetta, così come delle altre manifestazioni in ricordo di Giulio, come lo striscione che anche noi esponiamo ancora sul Palazzo Municipale verso Piazza delle Erbe, è proprio quello di impedire che al Cairo come a Roma, venga meno la pressione dell’opinione pubblica che vuole, insieme alla famiglia, che le responsabilità siano accertate in maniera chiara. Di fronte a fatti come questo, non c’è real politik, non ci sono ragioni economiche o di rapporti diplomatici che tengano. Non ci stancheremo mai di ripetere: Verità per Giulio Regeni.”

Il sindaco come decine di altri cittadini ha poi firmato l'appello al Governo perché la ricerca della verità continui senza sosta.


 
Nessun commento per questo articolo.