NUOVE NORMATIVA

Case popolari, giro
di vite della Regione

11/10/2018 08:48

C’è una nuova legge regionale che regola le assegnazioni delle case popolari e la cosa sta creando qualche preoccupazione all’assessore al sociale Marta Nalin in quanto molti padovani che oggi risiedono in questi edifici presto potrebbero dover lasciare l’alloggio.

La nuova normativa va a modificare i requisiti per l’assegnazione, la durata del contratto e le modalità di calcolo del canone mensile. Una decisione che non solo avranno conseguenze su colore che attendono un alloggio, ma anche per chi abita già negli edifici pubblici. Tara i nuovi requisiti per l’assegnazione dei punteggi ci sono: la residenza in Veneto da almeno 5 anni anche non continuati negli ultimi 10 anni e la situazione economica del nucleo famigliare rappresentata dall’Isee. Il tetto da non superare è quello dei 20.000 euro annui di reddito, il che vuol dire che se qualche anziano ha messo da parte qualcosa potrebbe per poche centinaia di euro dover cambiare casa.

Tra gli altri cambiamenti ci sono la base minima di canone d’affitto che è stata fissata a 40 euro e che il contratto non sarà più a tempo indeterminato, ma di 5 anni e rinnovabile solo se si rispettano i requisiti richiesti.


 
Nessun commento per questo articolo.