CRIMINALITA'

Amor Torch viveva
in una casa Ater

12/10/2018 09:55

Il "re delle spaccate" si nascondeva in una casa popolare assegnata alla sorella che però ora vive in Tunisia. L'incubo dei commercianti, ritenuto responsabile di almeno quattro spaccate ma sospettato di averne messo a segno molte di più, abitava in un appartamento di proprietà dell'Ater e gestito dal Comune. In via Varese, alle porte del centro, martedì notte i poliziotti della Squadra Mobile hanno fatto scattare la perquisizione decisiva che ha portato all'arresto di Amor Ben Lazhar Torch e alla scoperta di parte della refurtiva.

L'appartamento risulta assegnato alla sorella di Torch, 51 anni, che però, come ha ammesso l'arrestato, ora vive in Tunisia.

«Non ne sappiamo nulla - replica il presidente dell'Ater di Padova, Gianluca Zaramella - Noi non abbiamo potere giuridico di fare verifiche sugli alloggi». Chi invece ha questo potere è l'amministrazione comunale, che a Padova gestisce attraverso una graduatoria ben 1.600 alloggi popolari di proprietà comunale e 3.500 di proprietà dell'Ater.


 
  • Iskra

    il 13/10/2018 alle 13:46 “Residente Padova”
    meglio di controllare anche Zahran Mohamed ben Salah, figlio della sorella del tunisino! potrebbe essere il suo complice!