POLITICA

Giovani amministratori
del PD a Roma

17/10/2018 15:18

"Si sono autoconvocati domenica scorsa a Roma, oltre 70 giovani da ogni angolo d'Italia. Giovani amministratori, dirigenti nazionali del Pd e della Giovanile, militanti, esponenti di storiche associazioni di centrosinistra. L'unico denominatore comune quello generazionale: tutti under 35, molti ventenni, di ogni sensibilità e provenienza, da chi ha seguito l'avventura di Renzi a chi si colloca nella sinistra dem, cattolici e laici, lavoratori, studenti e ricercatori". Lo si legge in una nota.

"Tra i tanti presenti, dall'eurodeputato di La Spezia Brando Benifei, al vicentino Giacomo Possamai, da Vittorio Ivis, 27 anni, segretario provinciale a Padova, a Marco Schirripa, dirigente nazionale di Reggio Calabria. Da Caterina Conti, 32 anni, di Trieste, che siede in Direzione Nazionale Pd, al lucano Michele Masulli, 27 anni, Presidente Nazionale dei Giovani Democratici. E ancora Margherita Colonnello, 26 anni consigliere comunale Padovana, Giacomo Fisco, 23 anni, giovane consigliere comunale a Varese, Vittorio Pecoraro, di Cosenza. L'obiettivo dichiarato era chiamare a raccolta una generazione che nel Pd c'è ma che allo stesso tempo si sente confinata nelle tante isole locali. Schiacciata da un correntismo verticale e sfrenato e da un congresso che pare già polarizzarsi con le vecchie glorie di sempre con un partito che dopo la sconfitta del 4 marzo stenta a trovare una via che unisca coraggio, rinnovamento e soprattutto unità", prosegue la nota.

I "ragazzi di Centofiori" si riconvocheranno tra il 10 e 11 novembre prossimo "in forma pubblica e aperta. Saremo centinaia da tutta Italia, per mettere a disposizione della nostra comunità una riflessione che non si può più rinviare perchè o si cambia o si muore - spiegano -. Ad oggi l'intenzione è di fare pesare per il bene del Pd temi fin qui sottaciuti, con proposte radicali. Ma se dall'assemblea di novembre possa partire anche una candidatura che sparigli le carte, in una fase in cui ancora nulla è deciso, questo nessuno può dirlo, nè la porta è chiusa a prescindere".


 
Nessun commento per questo articolo.