IL COMUNICATO

"Amo Padova" contro i
Centri Sociali in Comune

22/10/2018 08:32

L’associazione socio-culturale Amo Padova, che alle elezioni comunali aveva sostenuto con forza la candidatura di Sergio Giordani, ha deciso di spiegare in un comunicato perché l’aver ospitato i centri sociali a Palazzo Moroni è stato un errore. In particolare spiegano che non ci sarebbe stato nulla di male, ma gli attacchi alle forze dell’ordine sono ingiustificabili.

“La sicurezza nelle città passa certamente attraverso progetti di riqualificazione – si legge nel comunicato firmato dal presidente Giulio De Agostini -, rigenerazione e “vitalità” urbana da sviluppare con processi partecipativi autentici, come questa amministrazione ha già avviato e favorito in molti quartieri, a cominciare dalla già tanto bistrattata Arcella, ma il servizio di controllo e di presidio del territorio attraverso le forze dell’ordine non è segno di autoritarismo (come falsamente vorrebbero avallare coloro che fanno dell’antagonismo, delle occupazioni abusive e talora di vere e proprie manifestazioni di violenza, le loro bandiere) bensì semplicemente di rispetto della legalità quale baluardo fondamentale della democrazia. Chi vuole essere parte attiva della maggioranza non può dimenticare che il governo della città comporta per chi lo esercita prima di tutto il rispetto di tante sensibilità e perciò un impegno quotidiano per ricondurre ad armonia e condivisione le tante opzioni per dare a Padova un futuro di ampia prospettiva in un quadro di serena e solidale convivenza”.


 
Nessun commento per questo articolo.