CRIMINALITA'

Taser, all'Arcella
il primo arresto

06/11/2018 14:11

Puntano la pistola elettrica contro il rapinatore violento che si nascondeva nel balcone del vicino. Il questore fassari commenta: "In casi come questo il taser è la risposta giusta".

Solo quando gli hanno puntato addosso la pistola elettrica si è arreso. Dopo aver sbattuto la porta in faccia agli agenti, ferendone uno alla mano (fratturata) e aver spruzzato contro di loro dello spray urticante barrivandosi in casa, si è lanciato nel balcone del vicino. Un salto dal quarto al terzo piano della palazzina di via Viotti, all'Arcella, nel frattempo circondata da volanti.

E' questo il primo arresto padovano con l'uso del taser, a due mesi dall'introduzione di un'arma che per il questore Paolo Fassari è "Uno strumento utile in casi di soggetti particolarmente aggressivi".

Dopo la rapina con accoltellamento di domenica sera in via Cavallotti, i poliziotti scoprono il covo dove si nascondeva il tunisino pluripregiudicato, irregolare che occupava abusivamente l'appartamento costringendo la proprietaria a vivere altrove. In casa sono stati trovati cellulari, coltelli, droga e soldi.

GIARDINI DELL'ARENA

Arrestato anche l'aggressore dei Giardini dell'Arena: si stratta di un maliano che aveva ferito uno straniero colpendolo a sangue con una catena per legare le bici finito in area rossa all'ospedale per le ferite riportate. Il giovane africano si trova ora in carcere, si tratta di un richiedente asilo.




 
Nessun commento per questo articolo.