Nuove panchine e cestini a Montegrotto

14/11/2018 12:37

Montegrotto Terme si rifà il look sostituendo panchine cestini vetusti nel centro storico, tra via Aureliana, piazza Carmignoto, in via Scavi e nel parco lungo corso delle Terme, nei pressi di piazza Mercato.

“In questi giorni - annuncia Omar Turlon, consigliere comunale di maggioranza molto attento al territorio - il Comune di Montegrotto Terme ha fatto installare 20 nuove machine in ferro verniciato e 30 nuovi cestini dei rifiuti per sostituire l’arredo vetusto e arrugginito che era presente nel nostro territorio”.

Particolare attenzione è stata posta al parco nei pressi di piazza Mercato: “Questo luogo era da tempo - afferma Lodino Zella, consigliere comunale con delega alle manutenzioni - in stato di abbandono e ci siamo adoperati per una riqualificazione complessiva : abbiamo provveduto alla sostituzione di tutti i lampioni con lampade a led, abbiamo illuminato la statua della colomba della pace e ora cambiato tutto l’arredo urbano. Presto sarà ripulita e verrà rimesso in ordine anche il verde con potature degli alberi, rimozione delle erbacce selvatiche e sistemazione delle aiuole e dei percorsi. Vogliamo che quest’area torni ad essere non solo accessibile, ma apprezzata sia dai cittadini sia dai turisti” spiega il consigliere comunale Omar Turlon che assieme al collega Lodino Zella ha seguito il progetto.

Altri lavori sono stati eseguiti in via Capossieda: è stata tolta la staccionata in legno lungo la pista ciclabile ormai vecchia e anche e pericolosa a causa degli atti vandalici subiti nel tempo. La parte finale verrà presto sostituita con pali e staccionata in plastica riciclato, in modo da dividere in modo sicuro la pista dal profondo fossato che la costeggia.

Lavori di pulizia del verde sono in corso in via Catullo, nel parcheggio nel campetto da basket e nell’area verde adiacente. “Come richiesto dai residenti - precisa Turlon - la recinzione perimetrale tutta rotta del campetto sarà sostituita”. In via Configliacchi saranno inoltre sostituiti completamente tutti lampioni con nuove lampade a LED lampioni vecchi di trent’anni con una linea aerea molto vicina ai fabbricati.

Email inviata con successo

Attestato per Combattenti e Reduci

14/11/2018 08:16

La Federazione Provinciale dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, in occasione del raduno nazionale dell’Ass.ne Nazionale Combattenti e Reduci che si svolgerà sabato e domenica prossimi, per ricordare tutti i Caduti della città di Padova ha istituito un “attestato ricordo” nominativo per i familiari che ne facciano richiesta. L’Amministrazione Comunale, al fianco dell’Associazione, è partecipe dell’iniziativa.

L’attestato verrà consegnato il 17 novembre presso il Tempio Sacrario della Pace di Padova, durante il corso della Cerimonia dedicata dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci al ricordo dei Caduti della Prima guerra mondiale, che avrà inizio alle ore 16.30.

Per poter ritirare l’attestato i Familiari dei Caduti dovranno farne richiesta alla Federazione di Padova dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci – 049/661770 – mail: ancrpd@gmail.com.

Email inviata con successo

Fiera del nocciolo a Borgo Veneto

13/11/2018 13:20

Si chiama corilicoltura e anche per gli imprenditori agricoli padovani rappresenta un’opportunità concreta. Si tratta della coltivazione del nocciolo ed è una delle nuove strade percorribili dagli imprenditori agricoli per differenziare la propria attività e il proprio reddito, investendo su un prodotto in continua ascesa, richiesto dalle principali aziende italiane di prodotti dolciari, tra le quali Ferrero, Novi e Loacker, per citare alcune fra le più note.

Per conoscere i dettagli dal punto di vista colturale, le prospettive commerciali e le opportunità di un percorso di filiera dedicato alla nocciola, Coldiretti Impresa Verde Padova organizza la giornata di formazione e confronto con gli esperti del settore giovedì 15 novembre a Borgo Veneto, nella sala consiliare di Saletto, in via Roma, a a partire dalle 9. Lorenzo Martinengo, coordinatore dei tecnici dell’Agenzia 4A di Coldiretti Cuneo, provincia in cui la coltivazione del nocciolo si è affermata con decisione e con ottimi risultati, illustrerà le migliore tecniche di coltivazione, raccolta e trasformazione del nocciolo. Nel pomeriggio è in programma la vista nell’azienda agricola di Alberto Alfonso di Megliadino San Fidenzio, già impegnata nella coltivazione del nocciolo.

L’iniziativa rientra nell’attività formativa dedicata da Coldiretti Impresa Verde Padova alle filiere innovative in agricoltura, “Impresa Inn-formata”, finanziata dalla Regione con il Fondo Sociale Europeo. Sarà l’occasione per approfondire e discutere insieme gli aspetti legati allo sviluppo, anche nella nostra regione e provincia, della filiera del nocciolo, rivolta soprattutto all’industria dolciaria e alla pasticceria artigianale.

"Un ettaro di noccioleto - ricorda Coldiretti Padova - ha una capacità produttiva variabile tra i 20 ed i 25 q.li per ettaro; il prezzo medio delle nocciole degli ultimi 10 anni è stato di 250 euro al quintale circa. In condizioni agronomiche adeguate, il noccioleto entrerà in produzione al quinto anno, raggiungendo la produzione di regime dall’ottavo-nono anno; la vita di una pianta di nocciolo monocaule è stimabile in 40/50 anni. L’obiettivo è arrivare, come in altre regioni, alla stipula di un contratto di filiera basato, tra l’altro, su un prezzo minimo garantito, così come su premialità per quegli imprenditori agricoli capaci di esprimere produzioni di eccellenza. Sviluppare e potenziare una filiera italiana tracciata e di qualità della nocciola - conclude Coldiretti - rientra tra gli obiettivi di tutela e valorizzazione dell’agroalimentare che Coldiretti persegue da tempo, anche tenuto conto del proliferare nel corso degli anni di prodotto estero nel nostro Paese, spesso con caratteristiche e qualità molto lontane dalle nostre".

Email inviata con successo

Kylie Minogue, un concerto spettacolare

13/11/2018 12:04

Oltre due ore di balli, coreografie e le hit del passato e del presente. Kylie Minogue ieri sera ha incantato e conquistato Padova e l'Italia intera.

Oltre 600 eventi dal 2009. Con questo risultato il Gran Teatro Geox guarda al 2019, anno che si annuncia decisivo per la struttura, già riferimento e tappa imprescindibile dei tour di molti artisti italiani e internazionali. Internazionale sarà, quest’ano più che mai, il ruolo del teatro, che il prossimo 7 novembre festeggerà il proprio nono compleanno. Dopo l’inaugurazione della nona stagione con Luca Carboni, Spandau Ballet, Ben Harper, John Butler Trio, Brit Floyd, e Kylie, sono attesi gli arrivi di Bryan Adams, Ara Malikian e DSL - Dire Straits Legacy.

Lo aveva detto Valeria Arzenton, ad inizio stagione: “Grazie all’accordo siglato con Ticketmaster Italia innalzeremo il livello di servizio della nostra biglietteria, contribuendo a rendere ancora più appagante la fruizione del live. Il nostro pubblico potrà godere per la prima volta di una “biglietteria sartoriale” con servizi e attività studiati per ogni esigenza”.

Le performance di Kylie nel corso degli anni sono state celebrate a livello mondiale, quest’anno i suoi show includono brani di Golden, il suo album più personale finora. Golden è stato pubblicato da BMG negli scorsi mesi, ed è il primo album della popstar su questa etichetta. Ha esordito al #1 della UK Albums Chart, sesto progetto di Kylieche occupa la prima posizione in classifica. I suoi primi singoli sono Stop Me From Fallinge Dancing, il cui video ufficiale ha sfiorato i 12 milioni di visualizzazioni.

Email inviata con successo

Montegrotto European Town of Sport 2020

13/11/2018 11:15

Parte da Roma, dalla sede del Coni al Foro Italico, l’avventura di Montegrotto Terme che si prepara a diventare nel 2020 “European Town of Sport”. Il sindaco Riccardo Mortandello e l’assessore allo Sport Pierluigi Sponton hanno partecipato alla cerimonia di premiazione presieduta dal presidente del Coni Giovanni Malagò e dal direttore Aces Italia Gianfrancesco Lupatelli. Il lavoro per le iniziative da costruire assieme alle associazioni del territorio inizia ora, ma si pensa già ad allargare la visuale a tutta la destinazione turistica Terme e Colli. “Anche per la tematica dello Sport grazie al lavoro dell’assessore Sponton - spiega il sindaco Mortandello - abbiamo alzato il livello di discussione, concentrandoci su dinamiche più ampie di promozione sportiva, addirittura calibrate a livello nazionale. Agiremo con impegno per fare in modo che essere “European town of Sport” possa portare vantaggi ai cittadini e possa aprire la nostra città turistica anche a dinamiche europee oltre che nazionali. Questo sarà - prosegue il sindaco - il primo passo: la grande ambizione è far diventare tutto il comprensorio delle Terme e dei Colli una comunità legata allo Sport che oltre incentivare ed educare chi vive nel nostro territorio, può rappresentare anche un volano economico per far arrivare nella nostra destinazione un turismo a vocazione sportiva, per mettere l’accento sulle possibilità “rigeneranti” delle Terme e dei Colli per il fisico di atleti agonisti e non”.

“Tutto il 2019 - aggiunge l’assessore allo Sport. Sponton - sarà dedicato alla preparazione degli eventi per il 2020. A noi interessa lo sport, il binomio sport benessere e lo sport come attività di base per tutti i cittadini. Lo sport unisce e fa bene ai cittadini. Quindi accanto ai grandi eventi, tesi anche al rilancio del termalismo, puntiamo a coinvolgere fin da ora le società sportive che sono il vero motore del territorio”.

Il presidente del Coni Giovanni Malagò ha accolto i primi cittadini delle città che sono state insignite del titolo nel 2018, nel 2019 e che lo saranno nel 2020, tra le quali nel Veneto Bassano del Grappa, ricordando che lo sport “si fa nei territori e che la vera forza del Paese è la distribuzione capillare”. “Investire nello sport conviene, sia dal lato sociale, sia dal punto di vista economico”, ha detto agli intervenuti.

Email inviata con successo

Fuoriclasse 2018 a Federica Pellegrini

13/11/2018 08:20

Ritorna, in grande spolvero, il Premio Fuoriclasse, l’iniziativa nata da Roberto Castagner ‘per premiare uomini e donne che per capacità, volontà e passione riescono a raggiungere nuovi traguardi nel campo dell’innovazione del prodotto, dello spettacolo, dello sport, della scienza, della moda della cultura e della solidarietà, arricchendo così l’intera società’.

Nato nel 2007 con l’assegnazione al giornalista Vittorio Feltri, il Premio Fuoriclasse nelle edizioni successive ha visto alternarsi personaggi del calibro di Marcello Lippi, Virna Lisi, Alberto Bauli, Carlo Rubbia, Anna Fendi, Red Canzian, Bruno Vespa, Arrigo Cipriani e, lo scorso anno, ad Andrea Bocelli.

Quest’anno la Giuria del Premio ha decretato che il Premio Fuoriclasse 2018 venisse assegnato a Federica Pellegrini, ‘portabandiera del “Made in Italy” nel mondo grazie ai suoi prodigiosi successi nel nuoto ma campionessa anche di stile essendo donna tenace, libera ed elegante. Una vera fuoriclasse del nostro tempo, esempio virtuoso per tutti, specialmente per i giovani’. L’evento avrà luogo come di consueto nel corso di una serata conviviale alla quale, oltre alle autorità, ai giornalisti e agli storici imprenditori veneti, risultano invitati tutti i precedenti Fuoriclasse e i membri della giuria, presieduta da Giovanni Rana, che Castagner ha battezzato ‘Fuoriclasse ad honorem’. Sul palco, allestito tra gli alambicchi e i tavoli dove si consumerà la cena placée curata da 5 chef, la campionessa Federica Pellegrini verrà eccezionalmente intervistata da Red Canzian per la parte più personale legata alla famiglia, all’infanzia, alla sfera dei sentimenti, e dal noto giornalista sportivo Stefano Arcobelli per la parte più attinente la carriera.

A proposito della cena, insieme a Celeste dell’omonimo Ristorante di Venegazzù, Vittorino Palazzi di Castelbrando, Alessandro Rorato de Le Marcandole, Paolo Lai delle Beccherie, contribuirà al menù anche lo chef pugliese Emanuele Natalizio, patron del ristorante il Patriarca di Bitonto che preparerà per tutti le sue celebri ‘orecchiette rivisitate’.

PROGRAMMA

Mercoledì 14 novembre 2018 alle ore 19.30 - Distilleria Castagner - S.P. 15 Cadore Mare Km.9,6 - Via Roma, Fontanelle (TV). Ore 20.00 cena. Ore 21.30 premiazione.

Email inviata con successo

Divieto di circolazione euro 0: serve proroga

12/11/2018 16:52

Le problematiche riguardanti il trasporto pubblico locale rispetto alla delicata questione dei provvedimenti sui divieti di circolazione dal 1 gennaio del prossimo anno dei veicoli di classe M2 e M3 Euro 0 alimentati a benzina o gasolio (Legge 190/2014 comma 232) sono stati portati dal presidente di Confservizi Veneto Massimo Bettarello all’attenzione dell’assessore ai trasporti della Regione Veneto Elisa De Berti.

Il presidente ha infatti trasmesso una comunicazione, evidenziando che nel parco delle aziende di trasporto operanti in Veneto risultano ancora in esercizio non poche unità rientranti nella limitazione disposta dal provvedimento. La circostanza è in larga parte dovuta, non solo alla cronica difficoltà del settore a reperire le risorse economico finanziarie per i piani di rinnovo del parco, ma anche alla mancata coerenza temporale dei programmi di attuazione degli investimenti con i termini temporali della norma in esame.

In particolare per le imprese che hanno aderito alla convenzione con CONSIP prevista dal DM 25/2017, il piano di consegna più avanzato non sarà in grado di mettere a disposizione dell’esercizio i mezzi prima della tarda primavera del 2019. Alla luce di quanto esposto l’associazione, pur comprendendo e condividendo le finalità della norma, ritiene necessario dar corso ad ogni attività finalizzata ad ottenere l’emissione di un provvedimento di proroga di almeno 6 mesi nei confronti delle aziende che hanno emesso gli ordini per l’acquisizione dei sostituti dei mezzi classificati Euro 0 entro il 31 dicembre 2018, onde dar loro il tempo necessario alla relativa produzione e messa in servizio. In particolare, l’associazione ritiene che la problematica possa trovare evidenza e avviarsi a soluzione alla Conferenza Stato-Regioni.

Email inviata con successo

Nuovo Museo “Morgagni” di Anatomia Patologica

12/11/2018 14:44

Mercoledì 14 novembre alle ore 12.30 verrà inaugurato il Museo “Morgagni” di Anatomia Patologica dell’Università di Padova situato nell’ex Istituto di Anatomia Patologica in via Aristide Gabelli 61 a Padova.

Il Museo, fondato negli anni Settanta dell’Ottocento, viene aperto dopo essere stato del tutto rinnovato sia dal punto di vista strutturale sia da quello scientifico e didattico. Nella sua veste rinnovata, il Museo è dedicato alla figura di Giovanni Battista Morgagni (1682-1771) che a Padova, come docente di Anatomia, fondò l’anatomia patologica e il metodo anatomo-clinico.

Prima della visita guidata prevista alle ore 13.00 sarà illustrato il sistema espositivo innovativo che, allo stesso tempo, rispetta i più rigidi standard di sicurezza e protezione del visitatore e valorizza i reperti. Saranno presenti Giuliana Tomasella, Direttore del Centro di Ateneo per i Musei dell’Università di Padova, Sabino Iliceto, Direttore del Dipartimento di Scienze Cardio-Toraco-Vascolari e Sanità Pubblica, Cristina Basso, Direttore UOC Patologia Cardiovascolare, e Gaetano Thiene, Professore emerito di Anatomia patologica.

Email inviata con successo

Catene e gomme invernali obbligo dal 15 novembre

12/11/2018 13:05

Dal 15 novembre 2018 al 15 aprile 2019 scatta anche per alcuni tratti autostradali gestiti da CAV l’obbligo che riguarda l’utilizzo di pneumatici da neve o catene a bordo.

L’obbligo riguarda tutti i veicoli, ad eccezione dei motoveicoli, che transitato in entrambe le carreggiate dell’autostrada A4: Passante di Mestre e tratto compreso tra Padova Est e Bivio A4/A57 Ovest. Non riguarda, invece, gli altri tratti gestiti da CAV: il raccordo Marco Polo e la A57, quindi sia la Tangenziale di Mestre che il tratto fra la barriera di Venezia-Mestre e l’innesto del Passante ad Arino di Dolo. Nello specifico, i veicoli in transito sulla A4 dovranno obbligatoriamente essere muniti di pneumatici invernali conformi alle disposizioni della direttiva comunitaria 92/23 CE recepita dal decreto del MIT 30.3.1994 e s.m.i. o a quelle dei regolamenti ECE-ONU in materia. Le dotazioni in questione devono essere omologate, recanti cioè le sigle M+S, MS, M-S, M&S (dove M e S stanno per “mud” e “snow”, “fango” e “neve”). Consentite inoltre le gomme cosiddette "termiche", riconoscibili dal pittogramma rappresentato da una montagna a tre punte con all’interno il cristallo di neve (cosiddette “Snowflake”). In alternativa agli pneumatici invernali vige l’obbligo di tenere a bordo del veicolo catene o altri mezzi antisdrucciolevoli omologati e idonei a essere prontamente utilizzati in caso di necessità.

Chi viaggia sprovvisto di pneumatici invernali o catene da neve a bordo in autostrada rischia di incorrere in una sanzione pecuniaria che va da 84 a 335 euro, più una sanzione accessoria consistente nella decurtazione di 3 punti dalla patente e il fermo del veicolo.

Email inviata con successo

Ruba una bici e viene scoperto: denunciato

12/11/2018 11:55

Domanica mattina, lungo via Risorgimento, i carabinieri hanno fermato un 46enne tunisino in sella ad una bici nuova di zecca per un normale controllo. Alla richiesta di spiegazioni l'uomo non ha saputo dare indicazioni sull'origine della provenienza del mezzo ed è così stato denunciato per ricettazione.

I militari sono alla ricerca del proprietario.

Email inviata con successo