DELIRIO AL PRONTO SOCCORSO

Fuori di sè e violento:
bloccato con il taser

05/12/2018 15:07

Lametta alla mano, si taglia e sparge il suo sangue in pronto soccorso urlando di essere sieropositivo: un tunisino di 32 anni, irregolare in Italia, è stato fermato solo con l'utilizzo di un taser, in dotazione ad un agente di polizia accorso all'ospedale di Padova. E' il finale, nel primo pomeriggio di ieri, di un episodio che ha sconvolto il quartiere Arcella: il 32enne, infatti, in evidente stato di alterazione, ha iniziato a tagliarsi le braccia con una lametta lungo il marciapiede in via Annibale da Bassano. A chiamare i soccorsi è stato un cittadino che ha assistito alla scena.

I carabinieri, giunti sul posto, hanno trovato l’uomo in evidente stato psicofisico alterato: minacciava di tagliarsi il collo. Per bloccarlo sono stati necessari i rinforzi che lo hanno fermato, anche grazie all’utilizzo dello spray urticante. Subito dopo è stato portato al pronto soccorso ma è andato di nuovo su tutte le furie così è stato sedato e ricoverato per accertamenti sanitari: qui, l'uso del taser per immobilizzare il 32enne che potrebbe essersi comportato così, secondo le prime ricostruzioni, a causa di un problema sentimentale.


 
Nessun commento per questo articolo.