CIA

Fare reddito con
coltivazioni di bambù

08/02/2019 14:05

Contribuisce a depurare l’aria, tutela il territorio rispetto al dissesto idrogeologico, può essere utilizzato nella bioedilizia, o per un uso estetico o, ancora, come infuso contro i radicali liberi: il bambu’ rientra a pieno titolo nella categoria delle ‘colture alternative’, e racchiude in sé tantissime proprietà straordinarie.

Trattandosi di un sempreverde, il bambù effettua il processo di fotosintesi clorofilliana per tutto l’anno, e una ricerca condotta dall’Università ‘La Sapienza’ di Roma lo battezza come coltura in grado di assorbire la maggior quantità di anidride carbonica. Ma questa è solo la punta dell’iceberg: coltivato nelle zone montane, e vicino ai corsi d’acqua, costituisce una maglia verde reticolata molto forte, che compatta il terreno, contribuendo a difendere il territorio dal dissesto, il tutto a costi nemmeno confrontabili con quelli relativi ad interventi infrastrutturali.

E non si ferma qui: la pianta può essere utilizzata come combustibile nelle stufe a pellet con una riduzione significativa delle emissioni di sostanze inquinanti. Trattandosi di un carbone vegetale, quando brucia non lascia residui dannosi per la salute. Insomma, le proprietà del bambù sono davvero incredibili, e le possibilità economiche che derivano dalla sua coltivazione sono decisamente interessanti. Per queste ragioni, la CIA – Agricoltori italiani di Padova, in collaborazione con l’Associazione BioBambu’ Italia, ha organizzato un incontro in programma per martedì, 12 febbraio alle ore 18.00alla Sala ‘Mario Donati’, sede CIA Padova, Via della Croce Rossa, 112.


 
Nessun commento per questo articolo.