ASSESSORI ALL'AMBIENTE

Allarme inquinamento
Il dibattito è aperto

14/03/2019 18:29

Dopo il primo incontro nello scorso settembre a Padova, continua il lavoro del tavolo tra gli assessori all’Ambiente dei capoluoghi di provincia del Veneto che si sono ritrovati oggi a Treviso. "Abbiamo fortemente voluto questo tavolo e ora, grazie alla disponibilità di tutti i colleghi della Regione, il lavoro entra sempre più nel vivo – spiega l’assessora Chiara Gallani – Dopo l’incontro di Verona a gennaio ci siamo dati dei compiti per casa molto specifici. Padova si è presa l’onere di un’analisi tecnica delle ordinanze di applicazione dell’Accordo Padano, per arrivare ad una applicazione omogenea. Sulla base di questo lavoro ogni Amministrazione lavorerà per arrivare a una condivisione dettagliata dei regolamenti da condividere con le rispettive Giunte Comunali. L’aria è un bene di tutti quindi servono azioni comuni per migliorarne la qualità". La messa in comune di politiche per limitare l’inquinamento atmosferico non riguarda solo le ordinanze di limitazione della circolazione e nell’uso di impianti termici, che scadranno il prossimo 31 marzo, ma anche altri aspetti: "C’è stata la disponibilità di tutti a sottoscrivere un Protocollo Aria per mettere assieme azioni e provvedimenti da applicare in tutti i Comuni". Si parte con la sensibilizzazione di negozi e pubblici esercizi per diffondere la buona pratica di tenere chiuse le porte sia in inverno che in estate, per evitare spreco energetico e inquinamento: "Come già anticipato in Consiglio Comunale in risposta a un’interrogazione del consigliere Marinello – prosegue Chiara Gallani – abbiamo pensato a un modo di incentivare chi tiene le porte chiuse attraverso un’adesione volontaria che sarà valorizzata. Su questo tema partirà un concorso di idee per realizzare il logo dell'iniziativa: abbiamo immaginato il coinvolgimento delle categorie economiche e delle Camera di Commercio con cui ci confronteremo. Abbiamo inoltre condiviso azioni positivi anche in termini di riforestazione e contribuirò condividendo quello già avviato con i primi boschi urbani padovani". Quello di Treviso è stato il terzo incontro tra assessori all’Ambiente, un tavolo ormai aperto e che continuerà a lavorare anche dopo il 31 marzo.


 
Nessun commento per questo articolo.