FESTA DELLE PALME

Ramoscelli d'ulivo al
cielo per il Vescovo

15/04/2019 10:41

E' diventato un rito, oramai, in Piazza delle Erbe: piazza simbolo della Festa delle Palme padovana. Anche ieri, nel pomeriggio di domenica, quattromila persone si sono radunate in centro storico per incontrare il Vescovo Claudio Cipolla in uno dei momenti più partecipati nell'avvicinamento alla Pasqua. Giovani e giovanissimi per lo più, che hanno accolto il monsignore sventolando migliaia di ramoscelli d'ulivo.

Realizzata dall’Azione cattolica di Padova in collaborazione con la diocesi, la Festa delle Palme è stato come sempre un appuntamento di gioia: ragazzi, educatori e famiglie quest'anno hanno voluto riflettere sul...gusto della vita: tanti ingredienti diversi, essenziali e importanti, ma a dare il vero gusto ne serve uno di speciale – è stato detto in Piazza – Ci vuole un pizzico di Gesù. Così, la Festa Diocesana delle Palme è stato un momento di chiesa che si sviluppa prima nella dimensione parrocchiale e poi con tutta la diocesi sotto un unico filo conduttore. A simboleggiare il tema, quest'anno, un cup cake che ogni ragazzo ha costruito e poi appeso al rametto d’ulivo. Sul retro una frase sul gusto che la loro vita ha o vorrebbero che avesse, e un augurio di buona Pasqua. Un segno individuale per ciascun ragazzo che ha fatto diventare la piazza un grande vassoio invitante, colorato e variegato. "La festa si inserisce al termine del periodo di Quaresima – ha detto Andrea Barzon, responsabile Acr – al cui centro c’è la riflessione sul digiuno, un digiuno che aiuta a valorizzare l’essenziale. Digiunare dai cibi, ma anche da quegli atteggiamenti che portiamo attorno alla tavolo e possono essere nocivi, come guardare la televisione o il telefono anziché raccontarci come è andata la giornata. La tavola familiare come la tavola eucaristica, in entrambe si presume la presenza di un Dio che si dona. La scelta del cup cake rappresenta l’insieme e la diversità di ingredienti che ognuno di noi porta nella propria famiglia e poi anche nella propria comunità. La panna è ciò che dà gusto". Dopo il ritrovo in Piazza, la rituale processione per le vie del centro storico, quindi la benedizione dei ramoscelli d'ulivo.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.