BAMBINI

Terrore ad Arquà, si
rovescia scuolabus

17/05/2019 18:28

Il terrore, improvviso, nel silenzio dei colli. La pace interrotta dalle urla strazianti di 20 bambini, il cui ritorno a casa da scuola si trasforma in un incubo, alle 13.30 di quello che non è più un tranquillo venerdì. Salita del Sassonero, Arquà Petrarca, Colli Euganei: il teatro di una "strage sfiorata", secondo i testimoni. Uno scuolabus sbanda, lungo la curva, sbatte contro il guard rail e poi cade di lato, si accascia sull'asfalto tra il rumore di vetri rotti e l'odore intenso di benzina sull'asfalto. Lì dentro ci sono bimbi dai 7 ai 14 anni. Sono shockati, hanno paura ed iniziano ad urlare. L'autista, un 51 enne di origini rumene, prende e se ne va. Non soccore nessuno, ma si defila e, a piedi, raggiunge Este, dove ha lasciato la macchina, prima di iniziare a lavorare. I Carabinieri lo fermano, gli fanno l'alcol test. E' positivo. Ma torniamo a quella curva sui colli. Arrivano subito i primi soccorritori. Sono i residenti di alcune case, vicine al luogo dell'incidente. Aiutano i piccoli ad uscire, assieme ai più grandi di loro. Giungono le ambulanze, i vigili del Fuoco, la Polizia e i Carabinieri. Sette bambini vengono portati in ospedale, a Schiavonia. Un miracolo vuole che nessuno si sia fatto male gravemente. Tra gli studenti dello scuolabus, lo shock e gli abbracci dei genitori. E' finito l'incubo. E' finito.


M.C.


 

Leggi anche:

Nessun commento per questo articolo.