COMUNALI 2019

Fecchio 4 volte sindaco
Correzzola lo premia

30/05/2019 16:01

Non per scaramanzia ma "per correttezza" aveva preparato gli scatoloni per lasciare il posto eventualmente ad un commissario, perchè di avversari alla corsa a sindaco non ne aveva Mauro Fecchio. In quanto unico candidato, avrebbe dovuto lasciare il suo ufficio solo se non avesse raggiunto il 50% + 1 delle preferenze tra gli elettori. Ma è stato plebiscito, alle urne ci sono andati in massa e lui senza indugi è stato rieletto per la quarta volta di fila facendo arrivare a 20 anni gli anni di amministrazione oltre ai successivi 5 tutti da svolgere.

Mario Fecchio, 39 anni, due figli, nella vita assicuratore ma soprattutto sindaco. Sindaco di Correzzola: 5200 abitanti, 9 frazioni, si estende su circa 43 chilometri, sfiora Chioggia, il cuore pulsante è la Corte Benedettina che i monaci di S.Giustina di Padova acquistarono nel 1129 dalla contessa Giuditta Sambonifacio. Innamorato della Corte è il 4 volte primo cittadino e una volta vicesindaco; sulla sua scrivania ci sono carteggi antichi che ne ricostruiscono la storia e le fasi di un lungo restauro, che mandato dopo mandato, Fecchio e la sua squadra hanno realizzato.

E adesso il sindaco ha un altro sogno: restaurare la parte mancante dell'antico edificio.

"La soddisfazione più grande in tutti questi anni di amministrazione? Quando la casa editrice Feltrinelli con l'autore Paolo Rumiz hanno scelto la nostra Corte per presentare il libro "Il filo Infinito" che parla della storia dei monasteri in tutta Europa. Per è stata la soddisfazione, dal punto di vista amministrativo, politico e culturale più grande",racconta Mauro Fecchio, contento della fiducia confermata ancora una volta dai suoi cittadini. "Ho sempre lavorato ed ho sempre tenuto stretto il mio posto di lavoro per sentirmi più libero, meno vincolato. Il sindaco lo faccio passione", spiega. Una passione evidentemente apprezzata e preziosa in un paese nel quale Fecchio non ha rivali.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.