PALAZZO MORONI

Tram: "Fare piena luce
su causa incidente"

12/06/2019 07:37

"Abbiamo già chiesto e siamo in attesa che chi di competenza faccia piena luce sulle motivazioni che hanno condotto al deragliamento di ieri". Si apre così la nota congiunta di Sergio Giordani e Arturo Lorenzoni, sindaco e vicesindaco di Padova, sul deragliamento del tram che lunedì sera ha portato al ferimento di cinque persone e ha riacceso le polemiche sul progetto della nuova linea Stazione-Voltabarozzo.

Giordani e Lorenzoni assicurano "il massimo sforzo e la massima sicurezza per far diventare sempre più remoti episodi come quello di ieri e garantire la più alta serenità ai passeggeri", grazie anche alla ricerca "di ogni elemento tecnico e strutturale che, sia per quanto riguarda i convogli, sia per quanto riguarda l'infrastruttura, aumenti l'affidabilità della linea che stiamo per andare a mettere in opera, incidendo con le migliorie possibili anche sull'attuale". Giordani e Lorenzoni ricordano che "il tram è il mezzo pubblico più apprezzato dai padovani", quindi denunciano le "incommentabili strumentalizzazioni politiche" seguite all'incidente: "E' sconcertante - si legge - osservare come la Lega e le destre annuncino l'impegno per sottrarre addirittura fondi alla città. Vogliono farci perdere circa 200 milioni di euro potenziali di cui 56 già arrivati da investire in un trasporto pubblico, ecologico ed efficiente, chiesto a gran voce dalla gente, soldi statali pagati anche con le nostre tasse, che questi signori ora tentano di togliere ai padovani tramite i loro dichiarati contatti con il Governo".

Per Giordani e Lorenzoni "siamo al paradosso, minoranze che lavorano contro la città e per portare indietro Padova di trent'anni dentro una battaglia del tutto ideologica".


 
Nessun commento per questo articolo.