IL CASO

Amore Gay: scoppia una
rissa tra le famiglie

12/08/2019 09:07

Scoppia la rissa tra due famiglie tunisine a causa dell'amore gay tra i loro figli.

Il fatto è successo sabato sera poco prima della mezzanotte in Prato della Valle e per bloccarli è servito l'intervento della polizia. Entrambi 30enni avevano deciso di manifestare il loro amore e la loro omosessualità che però non è stata accettata. E' così che tre cugini hanno accoltellato uno dei due facendolo finire in ospedale. Da li è scoppiata una vera e propria rissa con 3 persone finite all'ospedale tra cui un poliziotto. Prima le minacce di lasciare in pace il cugino, poi il furto del cellulare e del portafoglio, poi spintoni, schiffi fino all'accoltellamento. Il tutto sotto gli occhi increduli e impaurtiti dei passanti che hanno assistito alla scena e chiamato gli agenti.

Identificati, è emerso che tutti sono irregolari in Italia e ora rischiano l'espulsione. La coppia aveva deciso di venire in Italia per sentirsi liberi visto che in Tunisia si richia il carcere fino a 3 anni.

Il tunisino aggredito è stato dimesso con 15 giorni di prognosi e mentre attendeva le cure con il fidanzato è arrivato un altro ragazzo per aggredirlo, la polizia tenta di bloccarlo ma ferisce un agente che rimedia 5 giorni di prognosi. L'aggressore è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Gli agenti ora tentano di fare chiarezza sull'aggressione: sembra che sia stata la famiglia a chiedere il regolamento dei conti.


 
Nessun commento per questo articolo.