DECIMA EDIZIONE

Future Vintage Festival
Ritorno con polemica

09/09/2019 16:14

"Miss Keta è una figura fittizia, grottesca che vuole raccontare in modo dissacrante ed esagerato un mondo che lei stessa vive e partecipa. Dal nostro punto di vista la sua è critica sociale dissacrante, satirica e ci è sembrato interessante inserire nel palinsesto un contenuto di questo tipo. Questo non significa legittimare certi fenomeni ma avere l'occasione per poterne parlare senza filtri e con un atteggiamento "Be Dissident" come è il payof di questa edizione", così Alberto Bullado, organizzatore del Future Vintage Festival in replica alla richiesta del consigliere d'opposizione Alain Luciani di annullare il concerto della cantante Miss Keta in calendario per sabato 14 settembre. Alain Luciani in un lungo intervento ha ricordato che “Miss Keta deve il suo nome alla chetamina, una delle droghe più pericolose e diffuse fra i giovani" e già il nome dell'artista dovrebbe "fare sorgere qualche dubbio sull’opportunità di realizzare un simile evento".


 
Nessun commento per questo articolo.