Villa Draghi Monster House per Halloween

23/10/2019 11:51

“Una vecchia dimora dalle fattezze moresche irta in cima a un colle, abbandonata da anni, se potesse raccontarci la sua storia… “. A Montegrotto Terme, nei giorni della festa di Halloween, dal 31 ottobre al 3 novembre, Villa Draghi diventerà teatro di un’eccezionale performance interattiva con una trentina attori dedicati a spaventare gli spettatori in tutti i modi.

“Monster house”, questo il titolo dell’evento, è un’iniziativa di Flash Dance Academy con l’amministrazione comunale di Montegrotto Terme. Si tratta di un riadattamento dei più celebri racconti e film di ambientazione gotica in un’unica trama. Lo spettacolo dura poco più di un’ora e andrà in scena ogni giorno in tre turni, dalle 19 alle 22.30 giovedì 31, dalle 17 alle 22 gli altri giorni.

Gli spettatori si raduneranno al rustico di villa Draghi. Ad aspettarli all'ingresso dei cancelli della villa ci sarà uno strano personaggio, la guida per l’intero spettacolo, e un trenino che li porterà in cima al colle. “Ripetiamo molto volentieri - commenta il sindaco Riccardo Mortandello - l’esperienza dello scorso anno di utilizzo di villa Draghi come ambientazione di uno spettacolo di Halloween, che quest’anno sarà di ispirazione gotica. Credo sia una preziosa occasione di valorizzazione della villa, che può aiutare a farla conoscere e apprezzare anche dai turisti oltre che dai residenti. Le iniziative di questo tipo, organizzate da associazioni del territorio come Flash Dance Academy, hanno una buona ricaduta sull’animazione del nostro Comune e di tutta la destinazione turistica Terme e Colli ed è un vero piacere sostenerle”.

Monsters house è uno spettacolo dove non vi è il classico punto di vista dallo spettatore verso il palcoscenico, ma è lo stesso spettatore a far parte della scena, perché la storia è si sviluppa in un itinerario studiato all’interno della villa dove ogni stanza è un set che rappresenta un pezzo della favola e gli attori interagiscono con lo spettatore rendendolo cosi parte della favola stessa. L’itinerario sarà condotto da un attore guida che a sua volta sarà anche colui che scandirà i tempi dei gruppi che si susseguiranno, uno ogni ora.

Per partecipare allo spettacolo i minori di 14 anni dovranno essere accompagnati da un adulto, genitore o tutore. Lo spettacolo è a numero chiuso (45 persone a turno) ed è necessario prenotare il proprio posto sul sito www.monstershouse.it. la partecipazione viene garantita per tutte le persone che prenoteranno attraverso la pagina di Monstershouse su Eventbrite. E’ possibile acquistare anche in loco ma soltanto previa disponibilità di quel turno. Il costo del biglietto è di 12 euro.

Email inviata con successo

Pink Run: Despar consegna 75.000 euro

23/10/2019 11:32

La pioggia dello scorso maggio non ha impedito agli oltre 7.500 iscritte alla Pink Run 2019 di percorrere gli 8 chilometri simbolo della solidarietà e della vitalità del mondo del volontariato padovano.

Il bilancio dell’iniziativa, di cui Aspiag Service, la concessionaria Despar per il Triveneto e l’Emilia Romagna, è stata main sponsor, è più che positivo, e sembra essere decisamente di buon auspicio per la prossima edizione della Pink Run: l’evento ha permesso, infatti, di raccogliere oltre 75.000 euro, che verranno destinati a due differenti progetti dedicati, da una parte, a sostenere la ricerca sulla talassemia, e dall’altra a prevenire e curare con diagnosi precoce i tumori al seno.

L’obiettivo dell’iniziativa, fin dalla sua prima edizione, è duplice, in quanto si propone di avvicinare le donne al running, e contemporaneamente di sostenere le onlus del territorio. “Sono felice di aver potuto patrocinare la Pink Run – ha dichiarato l’Assessore allo Sport del Comune di Padova, Diego Bonavina, durante la conferenza stampa a Palazzo Moroni -. Considero importantissima questa manifestazione: basti pensare che l’Italia è al quartultimo posto in Europa, per pratica sportiva. Il 72% degli italiani non fa sport, e le donne sono quelle che lo praticano di meno”.

Le quote d’iscrizione sono state devolute alla Lilt Padova, e all’Associazione veneta per la Lotta alla Talassemia, due soggetti importanti, che si occupano concretamente di incentivare la ricerca per sconfiggere i tumori e le malattie rare. In particolare, una parte del denaro raccolto verrà utilizzato per una borsa di studio destinata alla dottoressa Giulia Geranio, che si prenderà a cuore la ricerca e l’assistenza nell’ambito della cura della talassemia. Si tratta di una malattia genetica rara che, fino a qualche decennio fa, non consentiva agli ammalati di arrivare all’età adulta e che oggi, proprio grazie alla ricerca, vede le donne affette dalla patologia, raggiungere la possibilità di diventare mamme, e proseguire la propria vita.

La seconda parte della donazione, invece, verrà utilizzata per un ambizioso programma di diagnosi precoce di tumore al seno: verranno coinvolte le donne tra i 40 e i 50 anni, alle quali verrà sottoposto un questionario per valutare possibili fattori di rischio, legati alla familiarità e agli stili di vita. Il progetto prevede di coinvolgere 100 pazienti per i primi due anni, che avranno la possibilità di effettuare gratuitamente gli esami clinici necessari.

Fabio Donà, Direttore Marketing di Despar, sottolinea il valore rappresentato da questa partecipazione, per il gruppo che rappresenta: “E’ un appuntamento immancabile per noi. Una giornata di festa che vede protagoniste le donne, e che rappresenta valori fondamentali come l’altruismo e l’impegno. Continueremo a rinnovare il nostro supporto a questo evento, così vicino ai temi in cui crediamo”.

Grazie alla Pink Run, in 10 anni sono stati raccolti oltre 320.000 euro, devoluti a 15 progetti che hanno visto coinvolte le associazioni di volontariato che operano del territorio.

Chiuso il bilancio della decima edizione, gli organizzatori sono già in moto per l’anno prossimo: il 9 e 10 maggio 2020, appuntamento in Prato della Valle con il running padovano.

Email inviata con successo

Bitonci alla Commissione sul sistema bancario

23/10/2019 09:17

Massimo Bitonci è stato chiamato dal Presidente della Camera dei Deputati a far parte della Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema Bancario e Finanziario. Ad annunciarlo è stato lo stesso con un post su facebook: "Sono stato chiamato a far parte della Commissione Parlamentare di inchiesta sul sistema Bancario e Finanziario. Visto quello che è successo in Italia in questi anni, ci sarà da lavorare parecchio!"

Email inviata con successo

Cimice asiatica: 80 mila euro per azinde

22/10/2019 11:56

La legge di bilancio 2020 metterà a disposizione una prima dotazione finanziaria di 80 milioni di euro in favore delle imprese che abbiano subito danni da cimice asiatica. Parola di ministro Teresa Bellanova che ha in capo il dicastero delle Politiche agricole e ha sottolineato l’impegno del Governo nel supportare il settore primario, specie sul fronte della cimice asiatica.

Il Ministero si farà promotore di una sessione dedicata della commissione politiche agricole per condividere con le regioni il metodo e i nuovi obiettivi per avviare la riforma del fondo di solidarietà nazionale e verrà convocato un tavolo di confronto con l'associazione bancaria italiana, per verificare la possibilità di fare una moratoria sui mutui.

Email inviata con successo

Strade chiuse i città per lavori, ecco dove

21/10/2019 15:40

Per un intervento di manutenzione alla condotta del gas viene disposta la chiusura temporanea al traffico veicolare di via Girolamo Frigimelica, martedì 22/10/2019 (o mercoledì 23/10 in caso di maltempo), dalle 8.30 alle ore 18.00.

Per lavori viene chiusa temporanea al traffico veicolare via Cesare Cremonino, nel tratto compreso tra il numero civico 54 ed il termine della via, martedì 22/10/2019, dalle ore 9.00 alle ore 11.00.

Per lavori viene chiusa temporaneamente al traffico veicolare via Rudena, nel tratto compreso tra le vie Cappelli e Bellano, giovedì 24/10/2019, dalle ore 9.00 alle ore 11.00 e istituito temporaneamente il senso unico alternato regolamentato da movieri nei tratti di via Rudena compresi tra l’area di cantiere e le vie Bellano e Cappelli, per il transito dei residenti e per l’accesso alle proprietà private.


Email inviata con successo

Montegrotto: 115mila € per la videosorveglianza

21/10/2019 15:12

Un nuovo progetto complessivo per fare di Montegrotto Terme un comune all’avanguardia nel campo della videosorveglianza con telecamere a 360 gradi in alcuni nodi della città, telecamere fisse in altri luoghi particolarmente sensibili, varchi che fotografano le targhe di tutte le auto in transito e le inviano alla Polizia locale e un ponte radio in grado di trasmettere i dati, appena sarà attivo il sistema provinciale, anche alla Questura e alla Prefettura. È quanto approvato dalla Giunta comunale che ha stanziato 115 mila euro. "Pur partendo dal presupposto - spiega il sindaco Riccardo Mortandello - che siamo un’isola felice, con calo costante di reati confermato da Prefettura, abbiamo deciso di investire ulteriormente su nuove tecnologie legate alla videosorveglianza che superano quelle del passato, tuttora operanti nel nostro territorio, e creano rete con tutte le videosorveglianze degli altri Comuni, della Questura e della Prefettura. Serve un’evoluzione nel concetto di sicurezza che deve essere sempre più integrata in modo da creare ostacolo alla criminalità e aumentare la percezione di sicurezza. Spesso la sicurezza esiste, ma è poco percepita”.

Il progetto, aggiuntivo e parallelo alla rete di videosorveglianza già esistente, prevede di estendere la copertura con telecamere a 360 gradi nel parcheggio antistante gli impianti sportivi di via del Santo e in piazza della Libertà a Turri e con telecamere fisse presso il palazzetto dello Sport di via Lachina (dove ci saranno due telecamere e le ricetrasmittenti in grado di funzionare da ponte radio per tutte le telecamere). Saranno inoltre installati alcuni varchi per la lettura delle targhe all’incrocio tra via Caposeda e via Circonvallazione Ovest, all’incrocio tra via Catajo e Circonvallazione Ovest, e all’incrocio tra via Vivaldi e via Roma.

Nel progetto sono previste anche l’installazione di telecamere a 360 gradi in via Papa Giovanni presso il parcheggio del cimitero comunale, in via Oriana Fallaci a Turri, il parcheggio Busitalia in via dell’Artigianato, il parcheggio di fronte all’ufficio tecnico del Comune in piazza Roma e con telecamera fissa sulla rotatoria in corrispondenza dei due incroci tra le vie Caposeda -corso delle Terme - via Roma, e un ulteriore varco per le targhe all’incrocio tra corso delle Terme e via Vivaldi/Fasolo. Verranno installate non appena saranno reperite le risorse finanziarie necessarie. “È volontà dell’amministrazione - spiega il vicesindaco Luca Fanton - portare a termine il progetto. Servono altri 60 mila euro per il completamento, e altri 45 mila euro per rimodernare telecamere già in funzione. Confidiamo di poter avere entro la fine del mandato le risorse per concludere questo importante progetto di controllo del territorio”.

Email inviata con successo

Tre appuntamenti a teatro alla Paltana

21/10/2019 08:43

Arrivano tre appuntamenti da non perdere al Piccolo Teatro di via Asolo (zona Paltana) nelle prossime tre serate, martedì 22, mercoledì 23 e giovedì 24 ottobre.

Domani martedì 22 alle ore 17 e alle 21.15 la proiezione del documentario d'arte "Tintoretto - un ribelle a Venezia" con la voce narrante di Stefano Accorsi e la partecipazione speciale di Peter Greenway. Doc-film dedicato alla figura di un pittore straordinario, mutevole e cangiante, istintivo e appassionato, a 500 anni dalla nascita (biglietti da € 6 a € 8).

Mercoledi 23 alle ore 21.15 la proiezione del film "Dolor y gloria" di Pedro Almodovar, con Antonio Banderas, premiato a Cannes come migliore attore protagonista, nell'ambito dei "Mercoledì d'essai" con l'approfondimento a cura del team di "Cinema in prospettiva" (biglietti da € 4 a € 6).

Giovedì 24 alle ore 20.30 in diretta via satellite, dalla Royal Opera House di Londra, proiezione dell'opera buffa "Don Pasquale" di Gaetano Donizetti, con Bryan Terfel, direzione d'orchestra di Evelino Pido' e regia del veneziano Damiano Michieletto, che illustra magistralmente il rapporto tra generazioni(biglietti da € 10 a € 12).

Email inviata con successo

8 novembre sciopero contro la guerra

18/10/2019 11:59

"Come Rete della Conoscenza, aderiamo convintamente a Fridays for Peace riconoscendo nel pacifismo un tratto fondamentale di un movimento per la giustizia climatica e ambientale. L'Europa sta restando a guardare mentre a poche centinaia di chilometri si sta consumando una tragedia di cui è corresponsabile. Il nostro Paese ha esportato armi alla Turchia per centinaia di milioni di euro e ancora oggi continua a fornire a Erdogan le stesse armi con cui questi sta massacrando la popolazione curda. Serve un'inversione di tendenza radicale: stop alle spese militari, stop all'acquisto di F35 e all'export di armi, servono finanziamenti per la riconversione ecologica, l'istruzione, il welfare e il lavoro". Lo afferma Giacomo Cossu, coordinatore nazionale di Rete della Conoscenza.

"A partire dalle scuole e dalle università vogliamo costruire una cultura di pace e di solidarietà. In tutta Italia stiamo facendo prendere posizione agli atenei contro questa guerra, fino ad oggi abbiamo spinto alcune tra le più importanti università del Paese a schierarsi dalla parte della popolazione curda", dichiara Camilla Guarino, coordinatrice di Link Coordinamento Universitario.

I senati accademici de La Sapienza, dell'Università e del Politecnico di Torino e dell'Università di Bari hanno approvato le mozioni di condanna all'aggressione turca ai danni del Rojava; nei prossimi giorni si esprimeranno decine di atenei a partire da Padova, Bologna, Catania, Lecce. "Nelle scuole già in questi giorni stiamo prendendo posizione non solo in difesa del Rojava ma contro ogni forma di guerra e di sopruso dei popoli. L'8 Novembre scenderemo in piazza come studentesse e studenti da tutta Italia con lo slogan "Change the School to Change the System" ed i nostri cortei per costruire una scuola del futuro si apriranno proprio con azioni di condanna all'aggressione turca: siamo pronti ad occupare anche le nostre scuole per resistere assieme ed immaginare una società del futuro, senza guerre di potere e senza disuguaglianze sociali: tutto il mondo della formazione deve schierarsi!", concludono gli studenti.

Email inviata con successo

Olio dei Colli, poco ma di ottima qualità

18/10/2019 11:31

Dopo il “rimbalzo” del 2018 con +40% di produzione, l’olivicoltura si prepara ad una annata “scarica”, come sta avvenendo in tutta la regione. Anche sui Colli Euganei la stima è di una quantità quasi dimezzata di olive da raccogliere ma la resa sarà ottima, come l la qualità .Sono queste le stime di Coldiretti Padova e di Aipo, Associazione interregionale produttori olivicoli in vista del porte aperte “Olio del cittadino” organizzato da Coldiretti in tre frantoi dei Colli Euganei domenica 20 ottobre.

Gli olivicoltori sui Colli Euganei sono circa 650 e su oltre 450 ettari di terreno coltivano più di 100 mila piante di ulivo. L’anno scorso la produzione di olive aveva superato i 20.500 quintali, quest’anno invece si attesterà a poco più di diecimila, anche se non è escluso che qualche uliveto possa rendere di più. Resa e qualità saranno comunque ottime

“L’inverno tiepido, le abbondanti e violente precipitazioni di maggio – spiega Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova - e l’eccessivo innalzamento delle temperature di giugno hanno reso precario l’andamento produttivo dell’olivicoltura anche sulle nostre colline. Alla riduzione delle rese contribuisce, altresì, l’insorgenza di parassiti emergenti, fungini e non, la cui identificazione ha messo a dura prova tanto le conoscenze scientifiche degli esperti agronomi di Aipo, quanto quelle dei maggiori centri universitari italiani. I nostri olivicoltori hanno tuttavia ottenuto buoni livelli produttivi tanto da prevedere una buona resa in olio che, unita alle scorte di extra vergine d’oliva di alcuni oleifici del territorio, contribuirà a limitare i danni di quest’annata di magra fisiologica. Ci attendiamo quindi un ottimo olio – conclude Bressan - frutto della cura minuziosa che ogni singolo produttore presta nelle delicate fasi di raccolta, di trasporto delle olive al frantoio, di lavaggio del prodotto e di molitura che deve essere immediata; un’attenzione che non si riscontra in altri paesi del mondo”.

Proprio per conoscere da vicino l’attività dei frantoi e degustare l’olio dei Colli Euganei c’è un appuntamento da non perdere, domenica 20 ottobre, con “L’olio del cittadino”, l’iniziativa organizzata da Coldiretti Padova nei frantoi Evo del Borgo, Colli del Poeta e Valnogaredo. Fin dal primo mattino i visitatori potranno cimentarsi nella raccolta delle olive, quindi assistere alla molitura e alla produzione dell’olio, fino alla degustazione finale abbinata a prodotti del territorio. Un esperto racconterà come vengono raccolte le olive e come viene rispettata la pianta, soffermandosi anche sulle proprietà dell’olio extravergine d’oliva. La partecipazione è gratuita, consigliata la prenotazione presso i frantoi. Valnogaredo tel 0429 647224, Evo del Borgo tel. 340 7232645, Colli del Poeta 0429 777357.

Email inviata con successo

Lunedì 21 ottobre Consiglio Comunale

18/10/2019 11:23

Lunedì 21 ottobre alle 18.00 è stato convocato il Consiglio Comunale di Padova. Ci saranno diverse interrogazioni da parte della minoranza e poi si parlerà di oneri di urbanizzazione secondaria, bilancio di previsione, varianti delle aree edificabili, piano della ciclabilità, affidamentodella gestione del teatro delle Maddalene di Padova, mozioni inerenti al Kurdistan, alla residenzialità stabile in città, sostegno ai caregiver e alle persone con disabilità.

Email inviata con successo