V FORUM

Economia e lavoro: ponte
tra Italia e SudAmerica

29/10/2019 14:33

Record di presenze, e di partecipazione: il quinto forum italia-America Latina registra il tutto esaurito con l'arrivo di quasi centocinquanta tra autorità, personalità politiche, imprenditori, mediatori commerciali arrivati in Veneto da venti paesi dell'America Latina. Dall'Argentina al Messico, dalla Colombia al Venezuela: un ponte da decine di ore di volo per scambiare esperienze e intavolare collaborazioni. Una volta atterrati, via a un tour tra le eccellenze produttive venete. Nella giornata di lunedì, gli ospiti stranieri sono stati accompagnati per un tour tra aziende del trevigiano, attorno alle colline del Prosecco, tra quelle legate al distretto della scarpa di Montebelluna, passando per le aziende innovative della provincia padovana e i centri turistici delle Terme.

Un confronto per migliorare competitività e sostenibilità delle piccole-medie imprese, superando tensioni internazionali e complessità della comunicazione. Spiega Franco Conzato, direttore di Padova Promex, azienda speciale della camera di commercio di Padova, uno degli enti organizzatori. "Hanno materie prime e una bellissima struttura ambientale, ma necessitano tecnologia. Dall'America Latina, si ricerca partner capaci di fornire tecnologie personalizzate che possano fare un salto in avanti alle aziende di quei paesi. Le nostre piccole-medie imprese sono pronte a fornire quanto serve loro".

Il quinto forum Pymes, promosso dall'organizzazione internazionale Italo-Latina Americana, in collaborazione con l ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale ha trovato nell'università di Padova un forte sostegno, e una casa prestigiosa. La prima giornata di lavori è stata ospitata in Sala dei Giganti, in Palazzo Liviano

"Il rapporto con Iila e università di Padova nesce nel primo forum, in Messico, nel 2015 - spiega Giovanni Luigi Fontana, referente del rettore per i rapporti con l'America Latina - Edizione dopo edizione abbiamo incentivato la collaborazione sistematica tra realtà formative e di produzione, occupandoci di alta formazione e aiutando nei rapporti tra le aziende coadiuvati da Promex". Cooperazione, quindi, come parola d'ordine, anche nella capacità di fare trasferimento tecnologico e sostenere processi di sviluppo territoriale. In questo senso anche l'intervento del rettore Rizzuto, che ha firmato due accordi volti all'approfondimento di modelli di formazione, e business fortemente innovativi.


 
Nessun commento per questo articolo.