PALAZZO MORONI

Matteo Cavatton entra
in Fratelli d'Italia

15/11/2019 18:20

Matteo Cavatton ha ufficializzato il suo ingresso in Fratelli d'Italia che a Palazzo Moroni diventa così il partito della minoranza con più consiglieri. Se n'è parlato in Sala Gruppi, in Comune: presenti, al fianco di Cavatton, il commissario del movimento Elisabetta Gardini, il coordinatore regionale Sergio Berlato e i consiglieri comunali Cappellini e Turrin. "Non era un segreto che volessi entrare in FdI - ha spiegato Cavatton - La mia è una lunga attività politica in città. Oggi busso per entrare in una casa nuova e ringrazio chi mi ha accolto a braccia aperte perché dopo tre anni di non appartenenza ad alcun schieramento, l’ingresso in un nuovo movimento poteva essere più difficile. La condivisione di valori e di visioni e di progettualità hanno contribuito a rendere più agevole il percorso. Dopo l'esperienza di Libero Arbitrio, con Turrin e Cappellini torniamo ad una unità anche più formale e diventiamo il gruppo di minoranza più numeroso". Al consigliere viene chiesto quale tipo di rapporto instaurato recentemente con l'ex sindaco Bitonci, di cui è stato assessore. Cavatton taglia corto. "Lo valuto e lo apprezzo per quello che fa e penso che la cosa sia reciproca”. Cavatton, nonostante la grande esperienza non sarà il capogruppo: nel recente passato era stata nominata Elena Cappellini. "Io voglio fare il preparatore atletico - spiega Cavatton - dopo venti anni di politica ora non ho bisogno di mostrine".

Si dice soddisfatta Elisabetta Gardini: "In Comune, la nostra è già la forza più attiva di opposizione: con l'ingresso di Cavatton c'è l'ambizione di diventare prima forza politica del centrodestra della città. Con Lega manterremo un rapporto di collaborazione e coordinamento". Le fa eco Sergio Berlato: "Da coordinatore regionale devo far crescere il partito e Padova dà soddisfazione. L'appuntamento è con le prossime elezioni regionali: costruiremo una lista competitiva. Puntiamo a oltre il 10% in Veneto. A tutti i livelli ci inpegneremo a unire tutto il Centrodestra: perché dove va unito, vince".

Molti soddisfatti dell'ingresso di Cavatton anche gli altri due consiglieri di FdI. "Da capogruppo sono orgogliosa dell’ingresso di Cavatton perché ci dà la possibilità di dare qualità e sostanza alla nostra azione politica con la sua esperienza - ha spiegato Cappellini - Chi sa fare, può contrastare meglio questa Giunta. C’è possibilità di crescita e la presenza di Cavatton spero diventi garanzia di proposte condivise". Aggiunge poi Turrin: "La nostra è una amicizia ventennale che va oltre alla condivisione di una vita politica. C'è stata anche la fondazione di Libero Arbitrio. Sono convinto che l'ingresso di Matteo Cavatton darà slancio al dibattito politico in città".


 
Nessun commento per questo articolo.