Nuovi camici ai medici per empatia pazienti

05/12/2019 07:32

Alleviare la sindrome da camice bianco, migliorando l'immagine dei medici e l'empatia con i giovani pazienti. E' l'obiettivo del progetto presentato oggi a Padova dall'istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza, che ha ricevuto in dono cento nuovi camici (bianchi da un lato e stampati con immagini laboratoriali dall'altro) dalla Federazione Veneta Bcc.

I nuovi camici prendono spunto da quelli già in uso negli ambienti del volontariato e sono identificati dalle icone delle sei aree di ricerca dell'istituto (oncologia pediatrica, medicina rigenerativa, nanomedicina, genetica e malattie rare, medicina predittiva, immunologia e neuroimmunologia). "I medici possono scegliere tra diversi tipi di stampe, per esprimere la loro personalità o per fare un regalo a un paziente - spiega Alessandro Galeazzo, ideatore del progetto -. Tutto il materiale è personalizzabile, anche con emoticon e temi dedicati al Natale; un modello è totalmente reversibile, e quindi si può indossare anche nelle occasioni più formali".

La donazione della Federazione Veneta Bcc vale 12 mila euro ed è un regalo di compleanno per i 25 anni della Fondazione Città della Speranza, che festeggerà la ricorrenza lunedì 16 dicembre.

Email inviata con successo

Lavatrice e asciugatrice alle Cucine Popolari

04/12/2019 11:56

È un sogno che si è avverato: ora molte delle persone senza fissa dimora o disagiate che frequentano le Cucine economiche popolari potranno lavare e asciugare velocemente i loro vestiti, a volte l’unico cambio disponibile.

Il tutto è stato reso possibile grazie alla generosità delle aziende del territorio padovano. Lo scorso anno, infatti, Assindustria Venetocentro, in occasione del Gran Galà natalizio aveva raccolto fondi per sostenere un progetto di solidarietà proposto dalle Cucine economiche: l’acquisto e l’installazione – appunto – di una lavatrice a grande capacità e di un’asciugatrice in un nuovo spazio dedicato.

Così giovedì 5 dicembre, alle ore 12.45, la presidente di Assindustria Venetocentro Maria Cristina Piovesana, il presidente vicario Massimo Finco e il direttore generale Giuseppe Milan saranno alle Cucine dove pranzeranno insieme agli ospiti, alla direttrice suor Albina Zandonà, a don Marco Cagol, vicario episcopale per i rapporti con il territorio della Diocesi di Padova. "Sono molte – ricorda don Marco Cagol, vicario episcopale per i rapporti con il territorio – le imprese del territorio che nel silenzio aiutano e sostengono le attività delle Cucine economiche popolari. Ci sembra giusto ringraziare per questa generosità e dare riscontro, in particolare, della realizzazione di questo progetto che avevamo nel cuore: offrire la possibilità di lavare i propri indumenti in lavatrice e non a mano e permettere alle persone che si servono abitualmente di questo servizio, di avere anche un piccolo spazio per riporre il proprio – e a volte unico – cambio pulito. È una risposta a un bisogno elementare non scontato, che tocca profondamente la dignità della persona e risponde a un’esigenza intima profonda: potersi presentare anche esteriormente dignitosi e puliti, primo passo per acquisire più considerazione di sé e per facilitare l’interazione con altre persone. Quindi davvero grazie ad Assindustria Venetocentro e a quanti tramite loro hanno contribuito a questo sogno".

"Le Cucine economiche popolari – dicono Maria Cristina Piovesana e Massimo Finco, presidente e presidente vicario di Assindustria Venetocentro – sono un esempio fulgido di quella carità vissuta, semplice e accogliente che papa Francesco continuamente ci ricorda ed esprimono l’anima più bella, religiosa e laica insieme, della nostra comunità. Per noi è una gioia e un orgoglio vivere questa giornata insieme e portare alle persone che si servono abitualmente di questa opera un segno utile di condivisione e vicinanza, a nome di tanti imprenditori che nel silenzio aiutano e sostengono le attività delle Cucine popolari e della loro Associazione. Impegno, condivisione, responsabilità debbono tradursi in gesti anche semplici ma concreti, attenti alle tante situazioni di disagio intorno a noi, rispettosi della profonda dignità della persona. Diversamente resterebbero retorica. Possono vincere la paura nelle nostre società e ricostruire quel senso di comunità necessario anche per una crescita più giusta, inclusiva e solidale. È questo l’esempio che ci danno ogni giorno le Cucine popolari e di cui ringrazieremo don Marco Cagol e suor Albina".

Email inviata con successo

Venerdì consegna del Premio Gattamelata

04/12/2019 10:55

Nell’ambito delle manifestazioni per la "Giornata internazionale del volontario", venerdì 6 dicembre 2019 alle ore 18 nella Sala della Gran Guardia in piazza dei Signori, si terrà la cerimonia per la consegna del Premio Gattamelata 2019.

Il premio, che quest’anno è stato realizzato dall’illustratore Claudio Calia, è stato istituito dal CSV provinciale di Padova per promuovere la cultura e la pratica del volontariato e della solidarietà a livello nazionale. “Il premio, giunto alla XV edizione, è diventato negli anni un evento a carattere nazionale – ha detto l’assessore al volontariato Cristina Piva - che vuole mettere in evidenza, nella giornata internazionale del volontariato, il valore delle azioni di responsabilità e testimonianza civile che sanno portare valore aggiunto, contaminando positivamente la società".

Saranno premiate quattro categorie di soggetti che si sono distinti nel corso del 2019 per l’attività di impegno sociale e di solidarietà: volontario, associazione, impresa e istituzione.

Nell’ambito del Novembre patavino, al termine dell’evento è prevista la degustazione offerta dal Consorzio Vini Colli Euganei e dalla Pasticceria Giotto dal Carcere di Padova.

La partecipazione è gratuita, su iscrizione: novembrepatavino.eventbrite.com

Email inviata con successo

Mazzari premiato per il progresso economico

04/12/2019 09:11

A dire il vero ne sarebbero bastati 35, ma la "Premiazione del Lavoro e del Progresso economico 2019", iniziativa della Camera di Commercio di Padova giunta alla sua 66^ edizione, per la Pasticceria Mazzari è stata la classica ciliegina sulla torta (e mai modo di dire fu più appropriato) di 50 anni di attività raggiunti e valicati da qualche mese a questa parte.

Pur abituati ai riconoscimenti, Vasco, Maurizio e Giulia Mazzari (che con Enrico compongono le due generazioni che hanno proseguito ed ampliato l'attività del capostipite Diego, scomparso qualche anno fa) non hanno potuto nascondere l'emozione quando Antonio Santocono, presidente della Camera di Commercio; Sergio Giordani, sindaco di Padova e Roberto Boschetto, presidente di Confartigianato Padova; hanno consegnato l'attestato che certifica quanto il concorso intende evidenziare, ovvero l'acquisizione di "meriti particolari grazie alla correttezza commerciale e all’impegno imprenditoriale".

"Un'azienda che viene premiata per la sua lunga esperienza - hanno evidenziato i titolari della pasticceria di via dell'Ippodromo, a Mortise - è sicuramente un vanto per chi la conduce ma ancora di più è il nostro ringraziamento verso la numerosa e affezionata clientela che, con la sua fiducia, ci ha permesso di raggiungere un nuovo importante traguardo che, ovviamente, vogliamo sperare non sia l'ultimo".

Email inviata con successo

Move4free da Padova arriva in Europa

04/12/2019 08:15

Il progetto MOVE4FREE, lanciato il 6 aprile 2018 in occasione della giornata mondiale dell’attività fisica, ha lo scopo di promuovere l’attività motoria come strumento fondamentale per lo sviluppo fisico e sociale della persona. La proposta, promossa dall’Associazione Life At Best di Padova rivolge il proprio sguardo verso le persone diversamente abili, perché l’attività fisica possa confermarsi un elemento di inclusione e di integrazione.

MOVE4FREE si rivolge a tutti quei centri fitness che, tra i propri servizi, propongono il personal training. L’obiettivo del progetto è il coinvolgimento del maggior numero di strutture possibile, perché l’offerta di questo servizio GRATUITO possa essere ampia e distribuita in modo capillare sul territorio.

Il progetto è stato presentato nella sede del parlamento europeo a Bruxelles grazie all’iniziativa dell’Europarlamentare della Lega Gianantonio Da Re e da Davide Meneghini, consigliere comunale di Padova.

Email inviata con successo

Progetto SWOT ospite a Padova

03/12/2019 12:52

Si apre domani, alle ore 10, in Sala Paladin la tre giorni padovana del Progetto Europeo “SWOT, School as a Wheel oh Togetherness” cofinanziato dal programma Europeo Erasmus+ nell’ambito dell’Azione KA2.

European Union Erasmus Project "The Role of School in Immigrant Students' Integration to Society- SWOT" è un progetto di ricerca sviluppato simultaneamente in tre paesi (Turchia, Italia e Germania), il cui scopo è quello di esplorare e conoscere le esperienze scolastiche degli studenti immigrati di prima generazione e dei richiedenti asilo al fine di sviluppare un manuale di buone pratiche da utilizzare per l'inclusione degli studenti immigrati nelle scuole degli Stati membri dell'UE.

Gli obiettivi specifici del progetto sono molteplici e vanno dal rivelare i problemi comuni a livello scolastico per quanto riguarda la questione dell'integrazione e dell'inclusione degli studenti immigrati di prima generazione e dei richiedenti asilo, al considerare il ruolo delle scuole nelle questioni migratorie da una prospettiva multiculturale. Lo scopo è determinare e descrivere le buone pratiche scolastiche inclusive esistenti e valorizzarle, sviluppare un nuovo modello scolastico inclusivo, fornire dati per la regolamentazione e la standardizzazione delle pratiche scolastiche in tutta Europa.

Partecipano al progetto, come capofila il Dipartimento di Scienze dell'Educazione - Anadolu Üniversitesi (Turchia) e la Direzione provinciale dell'istruzione nazionale di Eskişehir (Turchia) per l’Italia GEA Cooperativa Sociale di Padova e per la Germania IKS - Interkulturelle Schule Rhein-Main. La fase operativa del progetto è partita lo scorso giugno con attività di ricerca sul campo in tutti e tre i Paesi e l’incontro transnazionale che si apre a Padova domani è lo step intermedio di confronto e elaborazione dei dati raccolti prima del meeting finale che si terrà il prossimo aprile a Francoforte.

All’incontro di apertura in Sala Paladin partecipa l’assessore alle politiche scolastiche del Comune di Padova Cristina Piva che porta anche il saluto dell’amministrazione e della città agli ospiti stranieri. I lavori si sposteranno poi, giovedi 5 dicembre all’Università di Padova presso la Facoltà di Scienze della formazione in Via Beato Pellegrino e venerdì 6 all’ Istituto Comprensivo Donatello in Via Pierobon.

I lavori saranno inframezzati da visite al Palazzo della Ragione, Palazzo Bo dell‘Università e Cappella degli Scrovegni.

Email inviata con successo

Filomena Lamberti in visita in Provincia

03/12/2019 12:35

Il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui e il vicepresidente Vincenzo Gottardo, hanno accolto nella sede di piazza Bardella, Filomena Lamberti, la donna vittima di violenza, sfigurata con l’acido dal marito nel 2012.

Filomena è a Padova per raccontare le sue sofferenze e la sua esperienza in occasione della presentazione del suo libro “Un’altra vita”. Una donna che porta sul proprio volto la prova di un amore malato, di una violenza inaudita, ma che nel contempo dimostra la capacità di riemergere da una vita fatta di maltrattamenti. “La violenza sulle donne – ha detto Fabio Bui – è ancora una grande piaga della nostra società. Ogni giorno in Italia e nel mondo sentiamo casi di donne abusate e aggredite dai propri uomini, spesso all’interno delle mura domestiche. L’occasione di incontrare Filomena Lamberti è stata quindi propizia per accogliere la sua esperienza e riaccendere l’attenzione su questo problema purtroppo così attuale”.

Il racconto di Filomena fa rabbrividire, anche perché è una violenza che è durata più di trent’anni, compiuta dal marito che la picchiava anche in presenza dei loro tre figli. Non è mai riuscita a denunciarlo, non riusciva a separarsene per diversi motivi, uno tra questi la mancanza di indipendenza economica e il fatto di non poter più avere un tetto sopra la testa.

“Il nostro obiettivo – ha detto Vincenzo Gottardo - è quello di collaborare per porre fine a questi crimini ingiustificabili e per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non possiamo continuare a veder crescere il numero delle donne che subiscono violenza. Ogni donna che subisce soprusi deve avere il coraggio di rivolgersi ai centri specializzati, denunciare e farsi aiutare. Il suo libro non è un romanzo, è il coraggio di testimoniare”.

Email inviata con successo

Montegrotto: lavori alla rete idraulica

03/12/2019 11:56

Il Presidente del Consorzio di bonifica Bacchiglione Paolo Ferraresso assieme al consigliere Matteo Rango ha incontrato giovedì scorso il Sindaco di Montegrotto Terme, Riccardo Mortandello, per fare il punto sullo stato dei lavori per la messa in sicurezza degli argini del Rialto, il cui progetto è stato presentato lo scorso giugno a Montegrotto Terme.

Le lavorazioni in corso riguardano la pulizia e la rimozione della vegetazione dalla cinta muraria storica del castello del Catajo lungo la strada provinciale SP63. A partire da lunedì 2 dicembre 2019 fino al 20 dicembre 2019 la strada rimarrà chiusa al traffico per permettere lo svolgimento dei lavori. "Sono molto soddisfatto nel veder realizzati i lavori attesi da tempo in questa zona. Come amministrazione siamo molto favorevoli a interventi di questo tipo sul territorio in quanto sono fondamentali per ridurre il rischio idraulico. Questo è un chiaro esempio di come la filiera Comune, Consorzio Bacchiglione e Stato funzioni, – afferma Riccardo Mortandello, Sindaco di Montegrotto Terme – siamo fiduciosi che l’efficace collaborazione che si è creata sarà un buon esempio per realizzare in futuro altri interventi".

L’intervento prevede il ripristino e l’adeguamento delle arginature ed è volto alla risoluzione delle criticità idrauliche nella porzione di valle del bacino Colli Euganei. Il Consorzio Bacchiglione ha ricevuto il finanziamento di 2.500.00, 00 euro, con fondi della Protezione Civile Nazionale assegnati dalla Regione del Veneto in conseguenza degli eccezionali eventi meteorologici dell’autunno 2018. "La vera forza di questo intervento è la funzione che ha per il territorio, il Consorzio Bacchiglione svolge in questo intervento un ruolo di Protezione Civile, per risolvere in maniera definitiva la criticità di questa zona. I lavori sullo scolo Rialto rientrano all’interno di un progetto più ampio – afferma il Presidente del Consorzio di bonifica Bacchiglione Paolo Ferraresso – che si pone come obiettivo la messa in sicurezza del bacino idraulico Colli Euganei e, in particolare del comune di Montegrotto Terme".

Email inviata con successo

Ulss 6: cambia l'orario per il ritiro referti

03/12/2019 08:51

Per ritirare un esame di laboratorio con esenzione agli Ospedali Riuniti Padova Sud i nuovi orari sono: da lunedì a venerdì 7.30 - 8.30 e 17.30 - 18.30, sabato 8.00 - 9.00. Al totem elimina coda premere il tasto dedicato "Laboratorio Analisi ritiro referti esenti“.


Email inviata con successo

Premio Galileo, ecco i cinque finalisti

02/12/2019 18:29

Selezionata oggi dalla Giuria scientifica del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica la cinquina che accede alla fase finale del concorso. I cinque volumi prescelti sono "Il giro del mondo in sei milioni di anni" (Il Mulino) di Guido Barbujani e Andrea Brunelli; "Senza confini. Le straordinarie storie degli animali migratori" (Codice Edizioni) di Francesca Buoninconti; "La trama della vita. La scienza della longevità e la cura dell'incurabile tra ricerca e false promesse" (Marsilio Editori) di Giulio Cossu; "Il senso perfetto. Mai sottovalutare il naso" (Codice Edizioni) di Anna D'Errico; "Cybercrime. Attacchi globali, conseguenze locali" (Hoepli) di Carola Frediani.

La cerimonia di consegna del Premio Galileo si terrà l'8 maggio 2020 a Padova, nell'Aula Magna del Palazzo del Bo.

Email inviata con successo