TECNOLOGIA

Abano, vigili
con droni e fototrappole

03/12/2019 17:20

Abano Terme. Presto gli agenti della Polizia Locale avranno ulteriori strumenti tecnologici per sorvegliare il territorio e dichiarare guerra a chi abbandona i rifiuti. I vigili di Abano Terme con droni per controllare dall’alto il territorio e fototrappole per immortalare i furbetti dei rifiuti, numerosi in piazza Mercato, Monteortone, via Nazioni Unite. Per chi abbandona l’immondizia la sanzione è di 171 euro. Approvando il nuovo regolamento comunale il comandante della Polizia Locale Francesca Aufiero e il sindaco Federico Barbierato stringono un patto, parola d’ordine tecnologia.

Le 12 bodycam da mettere sulla divisa, la telecamera tattile per controllare i quartieri dall’auto non bastano. Arriveranno entro fine anno 2 fototrappole mobili da installare nella aree rifiuti e da gennaio alcuni agenti seguiranno dei corsi per conseguire il patentino per telecomandare i droni, considerati piccoli velivoli a tutti gli effetti.

Il sindaco spiega come “la sicurezza di cittadini e turisti della località termale sia altrettanto importante del tema ambiente”.

Si punta sulla strumentazione di ultima generazione e i vigili di Abano saranno i più tecnologici della provincia. Intanto, c’è fermento al comando della Polizia Locale: entro l’anno finiranno i lavori di ristrutturazione della sede. Il fermento si respira.


 
Nessun commento per questo articolo.