Auto: stabile il commercio in Veneto

28/01/2020 13:11

Il 2019 il mercato dell'auto in Veneto si chiude con un complessivo +1,58% per un totale di 150.795 immatricolazioni rispetto alle 148.451 registrate nel 2018.

Raffrontando, però, solo il dato del mese di dicembre dei due anni, il segno è negativo per un punto percentuale (11.312 contro 11.439). Quanto alle province, molto bene Verona, fanalino di coda Belluno. "E' un mercato non florido - osserva Giorgio Sina, presidente del Gruppo Confcommercio Veneto Auto e Moto -. Nel 2019 abbiamo confermato il trend del 2018, segnale di una profonda crisi del settore causata dalla congiuntura economica di incertezza e instabilità alla quale si aggiunge il disorientamento nel consumatore sul modello di alimentazione del veicolo da prediligere".

Circa il 45% dei veicoli in Veneto ha più di 10 anni di vita. E questo significa mezzi più inquinanti. "Le preoccupazioni per una riduzione delle emissioni e per il miglioramento della qualità dell'aria - aggiunge Sina - dovrebbero essere un incentivo per la sostituzione delle auto vecchie con modelli più innovativi". "Non siamo ancora pronti per l'elettrico - spiega Sina - sia in termini di mentalità che di infrastrutture e di autonomia delle batterie. Più promettente nell'immediato futuro potrebbe essere, invece, il mercato dell'ibrido. Tre sono le possibilità: ibrido tradizionale, ibrido 'plug-in' e 'mild-hybrid'. Le auto e i fuoristrada con alimentazione elettrica registrate in Veneto nel 2019 sono state 825 (+194,6% sul 2018). Le ibride immatricolate hanno raggiunto quota 11.046 (+34,6% sul 2018) e rappresentano attualmente il 7,3% del totale. Considerando l'andamento delle immatricolazioni delle singole province del Veneto, si vede che quella che è cresciuta maggiormente è Verona (+7,29%), seguita da Padova (+6,04%) e Treviso (+1,44%). Segno negativo per Rovigo (-0,92%), Vicenza (-1,39%), Venezia (-3%) e Belluno (-8,8%)".

Email inviata con successo

Una padovana con un brano a "Casa Sanremo"

28/01/2020 12:03

S’intitola “Non sai come” il nuovo inedito di Fabiana Mattuzzi. È il quarto singolo della 18enne cantautrice padovana di Tencarola di Selvazzano dopo “Summer Love”, “Frammenti” ed “E77erno”. Realizzata dallo studio di produzione Cosmophonix, la canzone uscirà venerdì 31 gennaio su tutte le piattaforme digitali (Spotify, Apple Music, Google Play, Deezer). «Vedrai che guarirai, ma che ne sai che me ne faccio io del sole e poi ritorni a dirmi che mi vuoi» recitano le strofe del ritornello di “Non sai come”.

"Parla di un vissuto molto intimo e personale", spiega Fabiana, "Di un amore contrastato in cui molti si potrebbero rispecchiare. Ho cercato di scrivere parole forti, dirette, d’impatto.“Non sai come” è stata originariamente concepita per Sanremo Giovani: lo scorso dicembre ho partecipato con questa canzone alle audizioni online durante le quali sono stati scelti i 10 artisti che si esibiranno a Sanremo 2020. Anche se non è stato selezionato tra i 10 per Sanremo, tengo moltissimo a questo pezzo perché sento che racconta veramente una parte di me".

Durante la settimana del festival, dal 3 al 9 febbraio, Fabiana parteciperà a trasmissioni radio e televisive promuovendo il nuovo brano direttamente a “Casa Sanremo”, dove in passato aveva già presentato “Frammenti” accolta da Red Ronnie. La campagna promozionale, inaugurata tramite il tam tam avviato su Instragram, verrà supportata anche da TikTok, il social network del momento in voga soprattutto fra i giovanissimi. Alcuni tiktokers, che contano qualcosa come 100mila follower, balleranno sulle note della canzone, creando un video originale.

Assieme ai ragazzi che collaborano con Cosmophonix, l’artista videomaker (è anche fotografo, musicista, cantante e attore di musical) Peter Marvu ha girato il videoclip di “Non sai come”, la cui uscita è prevista su You Tube per il 14 febbraio in occasione di San Valentino. La location prescelta non poteva che essere il “cuore” di Padova: il video ha immortalato Fabiana sullo sfondo di Prato della Valle, Basilica di Sant’Antonio, Bo e tra le vie del centro storico. "Ho voluto mostrare una parte di me e Padova è la città a cui appartengo", rileva la cantante.

In questo 2020 si preannunciano diverse novità per Fabiana Mattuzzi che oltre a ultimare gli studi al liceo linguistico di Noventa Padovana e all’accademia musicale Ves (Voice Evolution System) di Rimini sta già lavorando a nuovi progetti musicali, affiancata da un team di tutto rispetto. Nei prossimi mesi, inoltre, sarà ancora impegnata in MotoGp, Superbike e Civ (Campionato italiano velocità) nelle vesti di grid girl (“ragazza ombrellino”). Intanto, Fabiana ha vinto la prima edizione di “Youtuber in Prova”, un’innovativa web e social serie che vede protagonisti quattro giovani youtubers (due ragazze e altrettanti ragazzi) al centro commerciale Palladio di Vicenza.

Email inviata con successo

Arce Atlas Gang sul Cavalcavia Borgomagno

27/01/2020 15:36

Appuntamento con musica e performance martedì 28 gennaio alle 15 sul cavalcavia Borgomagno (lato ex hotel Abritto). L'appuntamento nasce da un'iniziativa dell'associazione Le Mille e Una Arcella, patrocinata dal Comune di Padova, e vedrà come protagonisti i rapper padovani Arce Atlas Gang. Il gruppo si esibirà sul cavalcavia, mentre gli street artisti Joys e Made realizzeranno alcune opere.

Ad un anno e mezzo dall 'esordio con A. R. C. E. L. L. A e dopo aver creato il loro studio musicale Atlas Recordz, il 17 gennaio gli Arce Atlas Gang hanno fatto uscire su Spotify il loro primo album "ATLAS 8,5" che racchiude 15 tracce di cui 10 produzioni di Richard Church, due di G Toga e due di Foltrix. Nell'albumo sono presenti anche tre feat sempre con Richard Church e G Toga.

Arce Atlas Gang è un progetto che nasce dalla passione musicale in comune di quattro amici che si sono conosciuti tra le scuole, i parchi e i campetti da calcio dell'Arcella. Dai primi testi registrati con il telefono e da interi pomeriggi passati a fare freestyle con una cassa sopra una panchina nel 2018 hanno deciso di formare Arce Atlas Gang è di raccontare in rima la loro quotidianità in un quartiere che spesso è visto con occhio critico e sempre in mezzo a notizie di cronaca.

Per info: [email protected] - 328-3668446

Email inviata con successo

Giorno della Memoria, il ricordo di Fabio Bui

27/01/2020 12:31

Si è celebrata oggi a Padova la “Giornata della Memoria”. 75 anni dopo la liberazione dei campi di concentramento, il mondo continua a ricordare. Una corona di alloro è stata posta al Tempio dell’Internato Ignoto a Terranegra in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni subiti dal popolo ebraico nei campi nazisti.

Alla cerimonia erano presenti il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui, i consiglieri provinciali Alessandro Luigi Bisato, Loredana Borghesan e tutte le autorità civili, religiose e militari. “Abbiamo il dovere di commemorare – ha detto Fabio Bui – ed oggi siamo qui non solo per ricordare l’immensa tragedia, ma anche per diventare noi stessi nuovi testimoni affinché questa catastrofe sia storia indelebile su cui costruire un mondo di tolleranza e rispetto. Tocca a noi raccogliere i racconti di chi ha vissuto il buio dell’umanità, per spiegare come mai la Shoah è divenuta il simbolo di tutti i crimini commessi contro gli esseri umani. La razionalità, la scientificità e la brutalità con cui è stata programmata e realizzata ci dice che non bisogna limitarsi a condannare, ma è necessario prima di tutto capire. La comprensione del passato permette infatti ai giovani di interrogarsi sui limiti della nostra civiltà, sull’uso della violenza come pratica di potere, sull’aggressività del totalitarismo in tutte le sue forme, sulla cieca brutalità di chi vuol giudicare un uomo non per ciò che è, ma per l’etnia o la comunità cui appartiene. Ai ragazzi dobbiamo trasmettere l’idea che esiste un confine di valori da presidiare perché quanto è accaduto non debba ripetersi mai più. L’unico antidoto per evitare che la storia si ripeta è parlarne, ascoltare le testimonianze, spiegare l’orrore ai nostri figli affinché affrontino la vita con il coraggio di dire no al male. Uno dei massimi testimoni mondiali della Shoah Elie Wiesel dice che “Contro la minaccia dei nuovi odiatori dobbiamo sollevare le nostre voci ed educare le coscienze, far vedere dove porta l’odio. Bisogna denunciare il male spiegandone le radici e le conseguenze”. Per questo come Provincia diamo supporto a tutte le iniziative che mirano a far capire come l’Olocausto non sia un avvenimento lontano: il terrore che lo ha accompagnato è ancora troppo vicino a noi per far finta di niente. Il mio pensiero va all’Internato ignoto sepolto qui a Terranegra e ai tanti cittadini padovani che furono rinchiusi a Villa Contarini Giovannelli Venier di Vo’ Euganeo, trasferiti alla Risiera di San Sabba a Trieste e da lì deportati ad Auschwitz. A tutti loro e a chi, come il nostro concittadino Giorgio Perlasca si opposero rischiando la vita per salvare quella di altre persone, va il tributo della memoria. Sta quindi a ognuno di noi, di fronte al male, scegliere la via del bene”.

Email inviata con successo

Pacco dono per ogni nuovo nato a Montegrotto

27/01/2020 12:04

Un kit di benvenuto verrà recapitato a casa di ogni nuovo bambino o bambina che nascerà a Montegrotto Terme. Il progetto voluto e curato dall’assessora al Sociale Elisabetta Roetta è insieme un omaggio ma anche un servizio perché il pacco conterrà informazioni utili e aggiornate sugli adempimenti necessari per i neogenitori e sui servizi messi a disposizione degli enti pubblici e privati del territorio. “Il nostro - spiega l’assessora Roetta - vuole essere un gesto di accoglienza e affetto per tutti i nuovi nati del nostro comune. La nascita di un bambino è un momento speciale per le famiglie che lo vivono ma è anche un arricchimento e una responsabilità per tutta la comunità. Vogliamo sostenere e condividere con i genitori il percorso di crescita di questi nuovi bambini”.

“Desideriamo - aggiunge il sindaco Riccardo Mortandello - accogliere questi nuovi bambini accompagnando i loro genitori affinché possano trovare risposte sicure e accoglienti ai loro bisogni. Ringraziamo le attività del territorio che ci appoggiano in questa iniziativa con gli omaggi inseriti nel pacco dono. Questa iniziativa è un piccolo passo per la tutela della famiglia e una dimostrazione di attenzione a un problema importante per la nostra regione che presenta tassi di decremento demografico molto preoccupanti”.

Il progetto si avvale infatti della collaborazione delle farmacie (Al Corso, Alle Terme e Colli Euganei), della parafarmacia Il Girasole e dei negozi di abbigliamento per bambini Bimbi belli, Chicco e Nobil Baby di Montegrotto Terme. Contiene alcuni prodotti per l’igiene del neonato, buoni sconto da utilizzare nei negozi di abbigliamento, un libretto con una fiaba e un opuscolo informativo per i genitori.

Nell’opuscolo sono illustrate gli adempimenti burocratici per l’iscrizione al servizio sanitario del nuovo nato e le agevolazioni per i genitori: dai congedi parentali, ai bonus messi a disposizione da vari enti, tra i quali non è sempre facile orientarsi anche per i continui mutamenti. Per il 2020 sono: bonus bebè, bonus mamma domani, bonus asilo nido, e assegno maternità Comune (per le mamme disoccupate e casalinghe), l’assegno di maternità dello Stato, assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli e gli sgravi fiscali per i bambini. Vengono inoltre illustrati i servizi per l’infanzia presenti nel comune di Montegrotto Terme: il micronido comunale “La casa dei Folletti”, l’asilo nido integrato Maria Immacolata, il micronido San Giuseppe e la biblioteca civica che ha un’area riservata appositamente attrezzata per i bambini piccoli.

Email inviata con successo

Il cordoglio dell'Ascom per morte di Grossardi

27/01/2020 12:02

“Lo dico senza retorica: con Bruno Grossardi se ne va un pezzo di storia del commercio padovano”.

Il presidente dell’Ascom Confcommercio, Patrizio Bertin, commenta la scomparsa del noto commerciante di via Altinate con sincera partecipazione. “In tutti questi anni – prosegue Bertin – grazie anche alla vicinanza dei nostri esercizi e alla sua partecipazione alle iniziative di Borgo Altinate, ho più volte avuto modo di cogliere dalle sue parole i suggerimenti e gli stimoli per mantenere al nostro settore quella vitalità che è anche garanzia di sviluppo economico e tenuta sociale della nostra città”.

“All’amico Grossardi – conclude il presidente dell’Ascom Confcommercio – e, in questo triste momento alla moglie Lella, va dunque il ringraziamento per aver fatto del loro lavoro appassionato un esempio per decine di colleghi e un punto di riferimento per tanti padovani che nel loro esercizio hanno trovato non solo la professionalità ma anche la cultura che è insita nel nostro lavoro”.

Email inviata con successo

Martedì a lPollini il piano di Goode

25/01/2020 08:39

Martedì 29 gennaio 2020, alle 20:15, all'Auditorium Cesare Pollini, il pianista Richard Goode si esibirà al pianoforte suonando le musiche di Chopin e Debussy.


Ecco il programma:



Musiche di

Wolfgang Amadeus Mozart Sonata K 533&494

Leos Janacek Nella nebbia

Claude Debussy Images II Libro

Frédéric Chopin Notturno op. 55 n. 2

Frédéric Chopin Mazurka op. 56 n. 2

Frédéric Chopin Tre Mazurche op. 59

Claude Debussy Etude pour les sonorités opposées

Claude Debussy Etude pour les octaves

Claude Debussy Etude pour les arpèges composés

Claude Debussy La soirée dans Grenada (da Estampes)

Claude Debussy L’isle joyeuse



"Tra i pianisti ci sono giovani brillanti e vecchie glorie sapienti che mostrano la loro abilità con naturalezza in tutto quello che fanno, senza esibizionismi o virtuosismi elaborati: Richard Goode è uno di questi “ (The Telegraph, 2012). È questa la cifra del pianista americano, che è riconosciuto oggi come uno dei maggiori interpreti del repertorio classico e romantico, al quale si dedica con una attitudine piena di potere emozionale, di profondità ed espressività. Repertori di cui ha lasciato memorabili testimonianze, anche discograficamente per Nonesuch, come le Partite di Bach, i Concerti di Mozart (con Orpheus Chamber Orchestra), le 32 Sonate di Beethoven e i 5 Concerti incisi nel 2009 con la Budapest Festival Orchestra ed Ivan Fischer. Allievo di E. Szigeti, C. Frank, N. Reisenberg ed infine di R. Serkin, R. Goode è stato, con M. Uchida, direttore artistico della Scuola e del Festival di Marlboro ed è uno stimato docente alla Guildhall School di Londra, al Mannes College di New York, oltre ad essere ospite regolare della Verbier Festival Academy e della serie di masterclass della Wigmore Hall di Londra. Un profilo di grande integrità artistica e morale nel segno della lezione di A. Schnabel e di R. Serkin ma con un interesse, come nel programma qui offerto, anche a repertori diversi da quelli della cultura classica e romantica austro-tedesca. In tal senso esemplare è l’accostamento proposto fra il tardo Chopin e Debussy, che dedicò alla memoria di Chopin i suoi 12 Studi del 1915. Quel Debussy che fu allievo di Mme Mauté de Fleurville(che aveva avuto lezioni da Chopin) e per il quale “Chopin era il più grande di tutti”

Email inviata con successo

Galzignano: mappatura del servizio idrico

24/01/2020 14:24

Inizia questa settimana un’attività di mappatura delle prese del servizio idrico che interesserà tutte le utenze del Comune di Galzignano Terme, promossa da Etra.

La mappatura viene effettuata nell’ambito delle consuete letture periodiche dei contatori e i medesimi addetti della ditta incaricata dell’esecuzione delle letture per conto di Etra spa effettueranno la verifica del posizionamento dei pozzetti o delle nicchie dove trova alloggio il contatore tramite GPS, provvedendo alla mappatura dei contatori e delle prese disponibili, anche con fotorilevazioni. Quindi, collocheranno etichette plastificate che serviranno ad Etra per identificare in modo univoco il manufatto.

I clienti sono pregati di rendere i pozzetti il più possibile accessibili, eliminando eventuali impedimenti, come vasi di fiori, altre suppellettili o attrezzi.

Gli addetti della ditta incaricata da Etra sono identificabili grazie ad un cartellino di riconoscimento. In caso di dubbi, è a disposizione il Numero verde gratuito di Etra per il Servizio idrico 800 566766 (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20), anche solo per una rapida verifica.

Email inviata con successo

Giorno della Memoria, lunedì la cerimonia

24/01/2020 11:11

Lunedì 27 gennaio si terrà la Cerimonia commemorativa del Giorno della Memoria.

Alle ore 9:30 al Tempio nazionale dell'Internato Ignoto, viale Internato Ignoto, 24 (zona Terranegra) la cerimonia inizierà con l’alzabandiera e gli onori ai Caduti, seguirà il saluto del Rettore del Tempio, Don Fabio Artusi e gli interventi del sindaco Sergio Giordani, del presidente della Comunità ebraica di Padova, Gianni Parenzo e del comandante Comando Forze Operative Nord, gen.c.a. Amedeo Sperotto. Accompagnamento musicale a cura della Fanfara dei Bersaglieri in congedo, sezione "Achille Formis" di Padova

Alle 10:30 al Museo dell'Internamento, viale Internato Ignoto, ci sarà la consegna di piccole lapidi che saranno collocate, successivamente, nel pronao del Tempio nazionale dell’Internato Ignoto, in ricordo di internati deceduti. Poi il Prefetto di Padova, Renato Franceschelli consegnerà le Medaglie d’Onore a militari e civili deportati ed internati nei lager nazisti.

Alle 17:00 all’Auditorium del Centro Culturale Altinate/San Gaetano, via Altinate, 71 si terrà il Concerto spettacolo “Musiche della Memoria” di e con Amit Arieli. Ingresso libero.

La giornata si concluderà alle ore 18:30 al Tempio Nazionale dell’Internato Ignoto con la Santa Messa nella memoria dei martiri e per i civili deportati nei lager e la benedizione delle piccole lapidi consegnate in mattinata.

Email inviata con successo

Pulizie intensive: le prossime in via Nazareth

24/01/2020 09:54

Giovedì mattina la zona dell’Arcella è stata interessata dalle “Pulizie Intensive”, il programma messo in campo da Comune di Padova e AcegasApsAmga per restituire ai cittadini le strade in cui si abita o si lavora pienamente igienizzate, a seguito di lavaggio estremamente approfondito. L’intervento si è concentrato in particolare nelle vie Ticino, Menini, Fowst, Tunisi, Dalmazia e Bernina. A partire dalle 5 e fino circa alle 11 di ieri, cinque mezzi e otto operatori si sono impegnati per far risplendere le aree interessate.

L’intervento è iniziato con un’azione di spazzamento meccanizzato con spazzatrice, per poi eseguire un’accurata pulizia delle caditoie. Gli operatori della multiutility hanno inoltre effettuato il servizio di raccolta ingombranti abbandonati in prossimità dei contenitori stradali.

La buona riuscita dell’intervento è stata possibile anche grazie alla collaborazione dei cittadini che, ampiamente informati nei giorni precedenti l’intervento tramite specifica campagna informativa, hanno dimostrato attenzione verso l’iniziativa, permettendo la fluida operatività dei mezzi, liberando le strade dalle auto abitualmente in sosta.

IL CALENDARIO

Il programma di cura dei quartieri padovani, che nel 2019 ha contato circa 650 mila metri lineari equivalenti di superficie igienizzata, vedrà quest’anno un totale di 26 interventi in altrettante zone della città, per far risplendere quelle aree che per criticità di parcheggio o caratteristiche urbanistiche, risultano meno raggiungibili con la normale pianificazione. Sul sito di AcegasApsAmga (sezione Ambiente/Padova), e sul sito di Padovanet, è disponibile e il calendario di massima, con l’indicazione del periodo di intervento e delle strade interessate. Ogni intervento sarà sempre accompagnato da una specifica campagna informativa sulla zona coinvolta.

Nei prossimi giovedì verranno svolte le pulizie in zona Forcellini nelle vie Nazareth e Monaco Padovano.

Email inviata con successo