FINANZA

Contraffazione: 10 mila
accessori sequestrati

13/02/2020 13:54

I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Padova, nella giornata di ieri hanno eseguito 14 perquisizioni locali e personali in città e nelle provinciae di Padova, Rovigo, Spinea (VE), Milano, Peschiera Borromeo (MI), Mediglia (MI), Olgiate Olona (VA), Castiglione delle Stiviere (MN) e Bussolengo (VR) con l’ausilio di personale della Compagnia di Melegnano e delle unità cinofile cash-dog di Venezia e Orio al Serio.

Le perquisizioni si inseriscono nell’ambito di una vasta attività di indagine che da mesi ha visto impiegati i militari, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Padova, a contrasto della contraffazione di accessori di abbigliamento di noti marchi del lusso, della ricettazione e del riciclaggio del denaro dall’attività illecita.

Tutti i soggetti interessati sono di etnia cinese ed operano sul territorio nazionale avvalendosi anche di ditte ed esercizi commerciali.

Le indagini condotte dai Finanzieri avevano portato sino ad ora al sequestro di oltre 10 mila accessori di abbigliamento contraffatti che erano pronti per essere sia commercializzati in Italia che esportati nella Repubblica Popolare Cinese, dove esiste una fiorente la richiesta di capi di abbigliamento griffati.

La merce era di buona fattura e, comunque, in grado di essere rivenduta agli occhi degli acquirenti come “originale”. I capi venivano rivenduti dagli indagati in Cina a prezzi che spesso raggiungevano svariate migliaia di euro.

Le operazioni di perquisizione hanno portato al sequestro di ulteriori 11.900 borse, accessori e minuterie contraffatti.


 
Nessun commento per questo articolo.