LA RICHIESTA

Regioni: salario pieno
per assenze in emergenza

26/02/2020 16:44

Le Regioni chiedono la salvaguardia degli stipendi dei dipendenti che hanno sostato o transitato nella zona rossa e per il personale dei servizi che hanno chiuso a seguito dell'emergenza Coronavirus (dalle scuole ai musei, passando per gli uffici pubblici). Questi lavoratori non sono tenuti, si propone, ad "alcun recupero o ricorso a concessione di permessi retribuiti, fermo restando il diritto alla piena retribuzione", anche in deroga alla legge che per i dipendenti pubblici in malattia prevede, nei primi dieci giorni di assenza, l'esclusione da ogni indennità aggiuntiva.

E' quanto scrive Stefano Bonaccini, presidente della conferenza delle Regioni, in una lettera che a quanto si è apprende è stata inviata ieri al governo, con le osservazioni dei governatori sul dpcm per le aree coinvolte dal Coronavirus.

Questo tipo di assenze, è la condizione posta, "sono computate ai fini retributivi e pensionistici come prestazione effettuata". Le richieste delle Regioni guardano al decreto in preparazione con le misure economiche per le zone in emergenza.


 
Nessun commento per questo articolo.