CORONAVIRUS

Speranza: "Sfida si
vince solo assieme"

27/02/2020 09:19

"Questa sfida si può vincere solo insieme, non dovremo mai dimenticarlo". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella sua informativa al Senato sul coronavirus.

"Esprimo gratitudine agli uomini e alle donne che stanno fronteggiando l'emergenza a tutti i livelli, penso ai medici, agli infermieri, alla protezione civile, ai volontari, alle forze dell'ordine, agli amministratori locali a tutti i livelli, ai cittadini" ha detto il Ministro ricevendo l'applauso dall'Aula.

EVOLUZIONE

"L'evoluzione non si presta a facili previsioni, a questa incertezza però si contrappone la certezza che il coronavirus comporta sintomi lievi, dal paragone con le altre epidemia è evidente. Dal coronavirus si guarisce, il tasso di mortalità è legato in gran parte a situazioni pre esistenti in pazienti anziani. Con la piena fiducia nella nostra comunità scientifica e la solida collaborazione istituzionale supereremo tutti insieme questa emergenza. L'Italia è più forte del coronavirus" ha spiegato Speranza.

"NON E' MOMENTO DEI LOCALISMI"

"Non è il momento dei localismi, di inutili egoismi o protagonismi particolari. Una leale e proficua collaborazione istituzionale è indispensabile per battere il Coronavirus nei prossimi mesi. Per me unità significa abbassare le bandierine di parte e privilegiare sempre ed innanzitutto gli interessi generali. È con questo spirito - ha proseguito il ministro - che in questi giorni abbiamo lavorato gomito a gomito con i presidenti e gli assessori alla sanità delle nostre regioni che voglio, ancora una volta, ringraziare pubblicamente. Lo stesso possiamo e dobbiamo fare anche in Parlamento, in un rapporto di chiara e limpida sinergia istituzionale tra chi ha la responsabilità del governo nazionale e chi, opposizione in Parlamento, guida una parte significativa delle regioni italiane". L'articolo 117 della nostra Costituzione, ha rilevato Speranza, "definisce competenze concorrenti tra stato e regioni nel governo del servizio sanitario che a maggior ragione in una situazione di emergenza nazionale richiedono una solida ed efficiente collaborazione con un asse di comando chiaro e determinato".


 
Nessun commento per questo articolo.