Abbracci virtuali con tablet a Schiavonia

26/03/2020 12:09

Basta digitare il numero di un proprio caro sulla schermata principale del tablet, pigiare il dito sul tasto verde di avvio della videochiamata e in un attimo compaiono i volti e le voci di mariti, mogli, nipotini, figli.

È la magia della tecnologia ai tempi del Coronavirus, che a dispetto dell’isolamento sociale riesce ad abbattere le distanze e a tenerci comunque vicini, in un caldo abbraccio “virtuale”.

Succede nel reparto Covid-19 dell’Ospedale di Schiavonia e qui, grazie a un progetto ribattezzato dall'Ulss 6 “Empatia Euganea”, sono stati consegnati ai pazienti isolati dei tablet appositamente configurati per effettuare videochiamate in pochi passaggi, facili da replicare in autonomia o con il supporto del personale di corsia.

L’obiettivo è fare in modo che anche i ricoverati sprovvisti di dispositivi propri o semplicemente meno avvezzi alle tecnologie digitali possano tenersi in contatto con i rispettivi congiunti, gratuitamente e per l’intero periodo dell’ospedalizzazione.

"Abbiamo voluto rispondere così al virus della solitudine, con un servizio semplice ma essenziale, capace di gettare un ponte di speranza tra i pazienti isolati in ospedale e i loro familiari, che tanto ne attendono il ritorno a casa. Se da una parte il rischio d’infezione impone di rimanere fisicamente distanti, dall’altra possiamo ricorrere alla tecnologia per impedirgli di dividere i rapporti umani" ha dichiarato il DG Domenico Scibetta.

Email inviata con successo

CIA: "Nei campi servono migliaia di mascherine"

26/03/2020 11:39

Nei campi serve 1 mascherina al giorno per 1,3 milione di agricoltori italiani che non possono certo fare smart working.

Lo fa sapere Cia-Agricoltori Italiani che chiede al governo e alla Protezione Civile di tenere in considerazione le esigenze del settore agroalimentare nella ripartizione dei dispositivi, dopo avere assolto alla domanda prioritaria di ospedali e presidi sanitari. Senza mascherine, guanti, tute, occhiali, cuffie, infatti, non sarà possibile garantire la fornitura delle materie prime indispensabili per il Paese e si rischia di bloccare tutta la filiera, lasciando vuoti gli scaffali dei supermercati.

Secondo Cia, servono chiarezza sui canali di approvvigionamento dei dispositivi di protezione per le imprese agricole e certezza che le modalità di distribuzione non siano rallentate da pratiche burocratiche farraginose. In molte colture, anche in campo aperto, spiega Cia, non è facile rispettare la distanza interpersonale di sicurezza, come anche in altri luoghi di lavoro lungo la filiera: da magazzini agli spogliatoi, alle lavorazioni di confezionamento dei prodotti.

Gli imprenditori sono quotidianamente impegnati a seguire le procedure di condotta necessarie a garantire la salute dei lavoratori nelle attività agricole, ma senza dispositivi tutto questo è di difficile attuazione.

Email inviata con successo

Psicologi Università offrono consulenza

26/03/2020 10:31

Gli psicologi dell'Università di Padova hanno attivato un punto di ascolto online per aiuto nell'emergenza da Cornavirus. "Qualsiasi persona - sottolinea una nota dell'Ateneo padovano - anche la più equilibrata, in tali condizioni può sentire che le ansie, i pensieri crescono, affollano la mente e rendono difficile affrontare e riorganizzare la vita quotidiana nei necessari cambiamenti richiesti di questo periodo. Parlare e confrontarsi all'interno della propria cerchia familiare o amicale può essere faticoso, può portare ad attriti e malumori e può rischiare di essere una inutile trasmissione incontrollata di pensieri e sensazioni negativi. Confrontarsi con un esperto, invece, può consentire la possibilità di uno spazio più libero e autorizzato per comunicare a se stessi e all'altro eventuali malesseri, dubbi, disagi".

Il servizio è curato dai Dipartimenti di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione e dal Dipartimento di Psicologia Generale. Per accedervi bisogna scrivere all'indirizzo mail [email protected], descrivendo in poche parole la propria richiesta e i propri bisogni lasciando il proprio numero di telefono e contatto Skype.

A breve sarà anche attivata una linea telefonica aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00 per coloro che non hanno supporti tecnologici.

Email inviata con successo

Social: "Rischio crash se il virus avanza"

26/03/2020 07:47

Da quando il Coronavirus ha colpito l’Italia, le chiamate di gruppo su Messenger e WhatsApp sono aumentate, in termini di tempo, di oltre il 1.000%. Lo rende noto Facebook in un post firmato da due vicepresidenti, Alex Schultz e Jay Parikh.

Il tempo trascorso dagli italiani sulle app dell’ecosistema Facebook - che comprende Instagram, Messenger e WhatsApp - è aumentato del 70% dall’inizio della crisi, si legge nel post. Nell’ultimo mese lo scambio di messaggi è cresciuto del 50%, mentre le visualizzazioni delle dirette - Instagram e Facebook Live - sono raddoppiate nell’arco di una settimana.

Il problema è rappresentato dalle chiamate vocali e, soprattutto, nelle videochiamate. Cioè le funzioni che richiedono più dati. In questo senso, Zuckerberg ha spiegato come il traffico degli ultimi giorni sia più che raddoppiato rispetto al normale e "se simili incrementi dovessero verificarsi anche in nazioni non ancora interessate da restrizioni analoghe a quelle italiane, il rischio che i server vadano completamente in tilt potrebbe rivelarsi più concreto del previsto. Per il momento – ha dichiarato Zuckerberg – non ci troviamo ancora di fronte a una massiccia epidemia nella maggior parte dei Paesi del mondo. Ma se ciò accadrà, allora dovremo davvero assicurarci di esserne all’altezza dal punto di vista delle infrastrutture".

A livello globale, "la crescita d’uso causata dal Covid-19 non ha precedenti in tutto il settore, stiamo riscontrando nuovi record di utilizzo quasi ogni giorno", hanno aggiunto Schultz e Parikh. "Mantenere la stabilità durante questi picchi di utilizzo è più difficile del solito ora che la maggior parte dei nostri dipendenti lavora da casa".

Tuttavia, assicurano, "stiamo lavorando per mantenere le nostre app funzionanti senza problemi, rendendo i nostri sistemi più efficienti e aggiungendo la capacità richiesta".

Email inviata con successo

Anche Birrolandia raccoglie fondi

25/03/2020 16:35

Sono molti i locali padovani che si danno da fare per raccogliere fondi ed aiutare la sanità. Tra questi, Birrolandia, che dopo la chiusura per decreto ora effettua consegne a domicilio: i 2 euro per la consegna saranno devoluti interamente alla lotta contro il Covid19.

Email inviata con successo

Cappella degli Scrovegni la messa sarà online

25/03/2020 09:34

Ogni 25 marzo l'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova apre le porte della Cappella degli Scrovegni per una messa in occasione dell'anniversario della consacrazione alla Vergine Annunciata del capolavoro di Giotto.


Quest’anno il Vescovo Claudio Cipolla celebrerà la Santa Messa dalla Cappella degli Scrovegni, come ogni anno accade dal 1305, ma a porte chiuse. Sarà però trasmessa in diretta alle ore 11 sul canale: https://youtu.be/OozRovPRbkM


Inoltre l’Università di Padova pubblicherà sul proprio canale youtube, il filmato promosso dalla Commissione scientifica interdisciplinare per la conservazione e gestione della Cappella degli Scrovegni istituita dal Comune di Padova.


Il filmato, intitolato La Cappella degli Scrovegni in Padova, storia, restauro, conservazione, è stato realizzato e prodotto dall’Università di Padova, a cura dell’ufficio digital learning e multimedia, con riprese eseguite lungo l’arco di due anni, e montaggio di documenti d’epoca. Frutto di una ricerca attenta presso numerosi archivi e biblioteche, ripercorre le vicende della storia conservativa del monumento attraverso le principali campagne di restauro, documentate dall’Ottocento ai giorni nostri, e presenta per la prima volta rimontati anche spezzoni di filmati d’epoca dell’archivio storico dell’Istituto Luce.


Nato dalla stretta collaborazione tra Comune di Padova, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso e Università di Padova, il progetto scientifico, a cura di Monica Pregnolato e Giovanna Valenzano, illustra come nell’ambito della salvaguardia della Cappella dell’Arena si sia passati dai diversi restauri d’emergenza al concetto di tutela programmata e preventiva, per preservare e trasmettere al futuro, anche con l’ausilio della ricerca scientifica e delle nuove tecnologie, questo straordinario monumento d’arte e di storia, che riveste un valore universale.


Regia di Marco Toffanin


Voce italiana Vittorio Attene


Voce inglese Daisy Tennant.


La versione italiana è stata proiettata nella sala multimediale dei Musei Civici agli Eremitani il giorno 12 settembre 2019 in apertura dell’incontro della Commissione Scrovegni con l’esperto di ICOMOS, in città per la visita di valutazione della candidatura "La Cappella degli Scrovegni di Giotto e i cicli affrescati del Trecento a Padova" per l’iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.


La versione italiana e inglese sarà visibile dal canale youtube dell'Università di Padova e raggiungibile da link anche dal sito web www://padovaurbspicta.org e da quello della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso e Università di Padova del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed il Turismo.


Il 25 marzo 1305 avveniva la consacrazione della Cappella degli Scrovegni. L'edificio era stato dedicato alla Vergine Annunciata esattamente due anni prima, al termine dell'€edificazione.

In soli due anni Giotto porta a termine il ciclo di affreschi che rendono magnifico il monumento voluto dal banchiere Enrico Scrovegni: sull'arco trionfale dipinge proprio la scena dell'Annunciazione, in ricordo della titolazione della Cappella.


Per rendere la cerimonia inaugurale ancora più sontuosa e solenne, il proprietario riuscì a ottenere in prestito dalle autorità veneziane "de pannis sancti Marci" che probabilmente erano le reliquie delle vesti dell'evangelista Marco.



Email inviata con successo

Mascherine filtranti consegna porta a porta

24/03/2020 15:35

I volontari della Protezione civile di Montegrotto Terme hanno iniziato la distribuzione a domicilio del primo lotto di mascherine filtranti per la riduzione del contagio da Coronavirus arrivate dalla Regione Veneto attraverso la Provincia di Padova.

“Abbiamo cominciato dalla contrada della Volpe, ossia la zona di via Caposeda e strade laterali, la distribuzione del primo lotto di 900 mascherine assegnate al nostro Comune. Ne attendiamo una per ogni cittadino, circa 11.000, e speriamo che il quantitativo totale arrivi quanto prima” afferma la Consigliera delegata alla Protezione Civile, Silvia Bonuglia.

Le mascherine, suddivise in buste nominative per nucleo familiare, vengono consegnate abitazione per abitazione dai volontari della Protezione civile, muniti di guanti e mascherina. Vengono lasciate nell’androne dei condomini o nelle cassette della posta.

“Si tratta - afferma il sindaco Riccardo Mortandello - di un grande sforzo organizzativo per la nostra amministrazione che è molto impegnata anche per i servizi di consegna di spesa e farmaci a domicilio. Per il confezionamento delle buste per i singoli nuclei familiari si sono adoperati in prima persona assessori e consiglieri comunali, assieme ai volontari della Protezione civile che ringrazio per il fondamentale apporto che anche in questa occasione ci stanno dando”.

Le mascherine filtranti distribuite gratuitamente, secondo le indicazioni regionali, non sono da considerare presidi medici; mirano ad assicurare maggior protezione in caso di uscita dalla propria abitazione, fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza minima di un metro tra le persone; sono strettamente personali e non è consentito un utilizzo promiscuo, anche tra i componenti dello stesso nucleo familiare; non sono lavabili.


Assieme alle mascherine, il Comune consegnerà anche un volantino con le indicazioni dei numeri di telefono per il servizio di spesa e farmaci a domicilio, con l’indicazione dei negozi aperti e disponibili alle consegne a casa e con i consigli per l’uso delle mascherine. In particolare in questo caso si raccomanda di scriverci il nome sopra al primo utilizzo in modo da evitare lo scambio tra componenti della stessa famiglia.

Email inviata con successo

Risolvere i conflitti sostegno ai genitori

24/03/2020 13:52

Una équipe di educatori, psicologi e psicoterapeuti del progetto Network euganeo, selezionato da "Con i Bambini" nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, è a disposizione per sostenere le famiglie di Abano e Teolo nei propri compiti in questo difficile momento.

In particolare l’equipe si occupa di sostenere la funzione genitoriale, aiutando a mediare i conflitti che possono insorgere in questo periodo, accogliendo le difficoltà e ove presenti anche vissuti emotivi intensi.

E’ un momento di grande incertezza e alle famiglie viene richiesto un notevole sforzo adattativo sia nel riorganizzare la quotidianità sia nello svolgere funzioni genitoriali abituali sostituendosi anche alla funzione che sino a poco tempo fa era di competenza della scuola. La scuola sta ripensandosi e riorganizzando se stessa entrando il più possibile nelle nostre case. Tutto ciò sta avvenendo grazie alla tecnologia che oggi permette di non rimanere del tutto paralizzati da questa situazione.

L’equipe di educatori, psicologi e psicoterapeuti del progetto Network Euganeo utilizza quella stessa tecnologia per continuare a sostenere le famiglie nei propri compiti evolutivi.

I colloqui possono avvenire via Skype o Whatsapp e a titolo completamente gratuito.

Email inviata con successo

Bando rottamazione: scadenza il 5 maggio

24/03/2020 12:12

“A seguito dell’emergenza COVID-2019 e i conseguenti diversi provvedimenti emanati, abbiamo deciso di prorogare la possibilità di presentare le domande per il bando per la rottamazione degli autoveicoli inquinanti di 30 giorni, fissando la scadenza al 5 maggio 2020. L’obiettivo è di non limitare la possibilità di partecipazione dei cittadini al bando in corso per la concessione di incentivi che possono arrivare fino a 4.500 euro per la rottamazione di veicoli inquinanti con conseguente acquisto di nuova auto”.

A dirlo l’assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin, che allo stesso tempo annuncia anche un’altra importante iniziativa per migliorare la qualità dell'aria promossa, su sua proposta, dalla Giunta regionale. È stato, infatti, approvato un bando che prevede la concessione di contributi per installare dei preriscaldatori sui mezzi di trasporto pubblico con l'obiettivo di abbattere le emissioni inquinanti. "L'iniziativa riguarda la conduzione di un'attività sperimentale - spiega Bottacin - con il coinvolgimento delle società di trasporto pubblico operanti sul territorio regionale, volta a verificare la possibilità di abbattimento delle emissioni inquinanti nei motori a ciclo diesel utilizzati nel parco mezzi circolante".

"Si tratta di un'attività sperimentale, - spiega l'assessore Bottacin – nella quale sono coinvolte le società di trasporto pubblico operanti sul territorio regionale. L’obiettivo è verificare la possibilità di abbattimento delle emissioni inquinanti nei motori a ciclo diesel utilizzati nel parco mezzi circolante”.

In particolare, il bando prevede di assegnare un contributo economico alle aziende di trasporto pubblico che metteranno a disposizione alcuni loro mezzi, di varie classi emissive, per la sperimentazione. La Regione attribuirà un contributo pari a 2.500 euro per ciascun veicolo sottoposto a sperimentazione a ristoro dei costi che le aziende aderenti dovranno sostenere per l’acquisto e l’installazione dei preriscaldatori oltre ai costi per il trasferimento dei mezzi scelti verso i laboratori di ricerca che ARPAV indicherà. “Abbiamo affidato al nostro braccio operativo di ARPAV le attività di direzione della sperimentazione – precisa l’assessore regionale all’ambiente - l'obiettivo è provvedere ad una adeguata organizzazione e al controllo tecnico”.

L’attività di sperimentazione, al fine di ottenere un congruo volume di dati, avrà una durata di diciotto mesi; entro i successivi sei mesi ARPAV dovrà poi trasmettere la relazione con la valutazione sull’efficacia della installazione dei preriscaldatori sui veicoli. Le aziende di trasporto pubblico interessate potranno presentare istanza di contributo alla Direzione Ambiente della Regione del Veneto, fornendo un elenco indicativo dei mezzi disponibili alla sperimentazione. "Noi non ci fermiamo, anzi aumentiamo le molteplici azioni antismog già in campo - conclude Bottacin – questo nell'ambito di una strategia mirata a combattere quotidianamente le emissioni nocive in atmosfera".

Email inviata con successo

Agenzia Entrate: uffici chiusi fino al 3 aprile

24/03/2020 11:24

L’Agenzia delle entrate-Riscossione comunica che è stata prolungata fino al 3 aprile la chiusura al pubblico dei propri sportelli presenti su tutto il territorio nazionale, prevista inizialmente fino al 25 marzo.

POTENZATI I SERVIZI WEB: SPORTELLO DIGITALE E ASSISTENZA H24

Durante il periodo di chiusura al pubblico degli sportelli, il personale dell’Agenzia, attraverso attività di back office, sta garantendo l’operatività e la fruibilità dei servizi online, disponibili h24 sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e sull’App Equiclick.

In tale situazione straordinaria, quindi, i contribuenti hanno a disposizione un vero e proprio sportello digitale con i consueti canali di assistenza che, per l’occasione, sono stati potenziati con nuovi indirizzi email per eventuali richieste urgenti e indifferibili, relative, ad esempio, a procedure avviate prima del periodo di sospensione.

Inoltre, sul portale di Agenzia Riscossione sono disponibili i chiarimenti e le risposte alle domande più frequenti (Faq) relative alle nuove disposizioni introdotte in materia di riscossione dal decreto legge “Cura Italia”. Il provvedimento, infatti, prevede una serie di misure fiscali a favore di cittadini e imprese, come la temporanea sospensione dell’invio degli atti di riscossione, la sospensione dei pagamenti di cartelle, avvisi di addebito e avvisi di accertamento esecutivi affidati all’Agente della riscossione, comprese le relative rateizzazioni, nonché il differimento, al 31 maggio 2020, della rata della “Rottamazione-ter” ", scaduta il 28 febbraio 2020, e quella del "Saldo e stralcio” in scadenza il 31 marzo 2020. Sul portale è comunque disponibile un’apposita sezione sull’emergenza COVID-19 con tutte le informazioni utili.

Per informazioni e assistenza è disponibile anche il contact center di Agenzia delle entrate-Riscossione, attivo tutti i giorni 24 ore su 24 e, con operatore, dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 18, al numero unico 06 01 01, sia da telefono fisso che da cellulare, secondo il proprio piano tariffario.

Email inviata con successo