PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

Decreto 'lockdown': ok
ordinanze delle Regioni

26/03/2020 07:33

E' in totale di sei articoli il decreto "lockdown" con cui il governo uniforma i precedenti Dpcm sulle misure restrittive per il Coronavirus, alzando le sanzioni pecuniarie per chi viola i divieti.

E, nell'ultima versione del decreto, quella pubblicata in Gazzetta Ufficiale, si dà, di fatto, maggiore libertà di azione alle Regioni: sparisce, infatti, il limite di sette giorni - e quello dell'ok del governo entro 24 ore dall'entrata in vigore - per le misure che, eventualmente, i singoli governatori ritengano di voler mettere in campo su una parte o sull'intero territorio regionale.

I sindaci, invece, "non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze continuabili e urgenti in contrasto con le misure statali o eccedendo alle restrizioni previste dallo stesso decreto. Al comma 1 dell'articolo 3 del decreto, quindi, si dà possibilità alle singole Regioni, "in relazione a specifiche situazioni di aggravamento del rischio sanitario verificatesi nel loro territorio o in una parte di esso, di introdurre misure ulteriormente restrittive", tra quelle elencate nell'articolo 1 del testo. Misure che possono essere attuate "esclusivamente nell'ambito delle attività" di competenza delle regioni, e senza incisione delle attività produttive e di quelle di rilevanza strategica per l'economia nazionale", si legge nel decreto.

Sparisce, invece, la possibilità per i singoli governatori di "sospendere" le restrizioni previste dal decreto legge. Restrizioni che, nella versione finale del testo, sono confermate: dal divieto di assembramenti al divieto assoluto di uscire per i positivi, dalla sospensione di qualsiasi evento culturale, sportivo e religioso alle limitazioni anche per le attività all'aperto.

Confermata anche l'entità delle sanzioni per chi viola le restrizioni: si va da 400 a 3mila euro, con raddoppio dell'ammenda per i recidivi.


 
Nessun commento per questo articolo.