DECRETO RILANCIO

Sindaci: "Nessun
strumento per i Comuni"

11/05/2020 12:22

I sindaci delle sette città capoluogo di Provincia del Veneto esprimono "preoccupazione sui contenuti del piano adottato dal Governo per il dopo coronavirus".

Lo affermano, in una nota comune dopo una riunione in videoconferenza, i primi cittadini Mario Conte (Treviso e Presidente Anci Veneto), Luigi Brugnaro (Venezia), Sergio Giordani (Padova), Federico Sboarina (Verona), Francesco Rucco (Vicenza), Jacopo Massaro (Belluno) ed Edoardo Gaffeo (Rovigo). "Siamo molto preoccupati - prosegue la nota - le misure contenute nella bozza del decreto rilancio non forniscono strumenti e risorse sufficienti ai sindaci, così come i provvedimenti per la scuola o il rilancio di turismo e cultura ci sembrano ancora lontani dai bisogni concreti delle realtà territoriali. Chiediamo al premier Conte di essere ricevuti e ascoltati. E' assolutamente necessario tenere aperto il dialogo e trovare le forme per uscire insieme dalla crisi. Non c'è più tempo da perdere", concludono.

"A distanza di due settimane dalla prima richiesta di confronto con il presidente del Consiglio, ora abbiamo l'urgente necessità di essere ascoltati". I sindaci delle Città capoluogo di Provincia del Veneto esprimono preoccupazione sui contenuti del piano adottato dal Governo per il dopo Coronavirus: "Siamo molto preoccupati: le misure contenute nella bozza del 'Decreto rilancio' - rilevano - non forniscono strumenti e risorse sufficienti ai sindaci e così come i provvedimenti per la scuola o il rilancio di turismo e cultura ci sembrano ancora lontani dai bisogni concreti delle realtà territoriali. Chiediamo al premier Conte di essere ricevuti e ascoltati. E' assolutamente necessario - concludono - tenere aperto il dialogo e trovare le forme per uscire insieme dalla crisi. Non c'è più tempo da perdere".


 
Nessun commento per questo articolo.