COLDIRETTI

Riapertura ristoranti
"salva agroalimentare"

16/05/2020 11:21

La riapertura di bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie e gelaterie avrà un effetto valanga sull’agroalimentare veneto che fattura già 6,4 miliardi di euro. Lo dice Coldiretti in riferimento all’annuncio della ripresa fissata per lunedi 18 maggio prossimo delle attività di ristorazione decisa dal Governo con l’accordo delle regioni. Il lungo periodo di chiusura – sottolinea la Coldiretti – ha pesato su oltre 60mila imprese agricole che producono dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco.


La data è strategica anche per oltre mille agriturismi veneti che, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse – continua la Coldiretti – i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza fuori dalle mura domestiche. A maggiore garanzia degli ospiti è stato elaborato da Terranostra il protocollo nazionale per la sicurezza anti Covid-19 per le presenze estive nelle campagne italiane. Con l’arrivo della bella stagione – conclude la Coldiretti - sostenere il turismo in campagna significa anche evitare il pericoloso rischio di affollamenti con la valorizzazione dei percorsi naturalistici e degli spazi a tavola dove assaggiare le specialità della tradizione contadina dell’enogastronomia Made in Italy.




 
Nessun commento per questo articolo.