DE POLI

"Irrazionale non aprire
le piscine termali"

18/05/2020 18:56

"Riaprono le piscine di acqua dolce degli hotel e non le piscine termali: che senso ha questa decisione? Il Governo, anziché dare certezze a un settore come quello termale, ha adottato una scelta irragionevole e assurda che, adesso, rischia seriamente di far implodere un intero comparto. Dopo due mesi e mezzo di lockdown, proseguire con il blocco degli stabilimenti termali vuol dire condannarli al fallimento". A sostenerlo è il senatore Udc Antonio De Poli secondo cui "le Terme, da sempre, sono sinonimo di salute e di benessere". "Stiamo dalla parte dei Comuni termali e a fianco di tutti i sindaci e, in modo particolare, dei primi cittadini di Abano Terme e Montegrotto Terme, Federico Barbierato e Riccardo Mortandello, i quali giustamente si sono stancati di questo caos. Il termalismo sta vivendo una situazione di grande difficoltà insieme al tutto il settore del turismo. Serve un piano strategico per rilanciare questo comparto che è completamente paralizzato", conclude.


 
Nessun commento per questo articolo.