ECONOMIA

Provocazione Cgia:
"Evasione al -25%?"

30/05/2020 11:45

L'evasione fiscale potrebbe essere scesa in questi 3 mesi di lockdown del 25%, ovvero di 27,5 miliardi di lire. Lo afferma la Cgia di Mestre, svelando subito che si tratta di una 'provocazione', ovvero una stima basata sul fatto che è considerazione molto diffusa tra l'opinione pubblica che "il popolo degli evasori nel Paese è costituito quasi esclusivamente da lavoratori autonomi". Cgia ricorda che le stime Mef parlano di un 'nero' di 110 mld l'anno. Dopo 3 mesi di lockdown che ha interessato la gran parte delle piccole e piccolissime attività economiche italiane, a esultare - dice Cgia - sarebbe il fisco che avrebbe visto "diminuire" di 27,5 miliardi di euro l'evasione fiscale. Se fosse vero, aggiunge la Cgia, che il mancato gettito sia riconducibile in massima parte ad attività dove c'è un rapporto commerciale diretto con il cliente finale (come avviene per edili, idraulici, orafi, elettricisti, parrucchieri, estetisti, baristi etc.) e che i 3 mesi di chiusura hanno interessato proprio tali attività, con buona approssimazione l'evasione dovrebbe essere scesa del 25%.


 
Nessun commento per questo articolo.