Monselice: riaperto il parcheggio della Rocca

05/06/2020 15:19

A Monselice, dal 3 giugno, è nuovamente fruibile per il pubblico il parcheggio di Cava della Rocca. Si sono conclusi, infatti, gli interventi intrapresi dalla Regione del Veneto tramite la società in house “Immobiliare Marco Polo” a cui è stata affidata la gestione del complesso monumentale della Rocca di Monselice. Le opere di riqualificazione e sistemazione dell’area di sosta appena portate a termine hanno compreso anche la realizzazione di un adeguato impianto di illuminazione e del sistema di videosorveglianza che sarà attivo 24 ore su 24, a maggior sicurezza dei visitatori, degli utenti e dei loro mezzi.

Nella definizione delle modalità di fruizione dell’area sono state tenute presenti le esigenze del tessuto urbano e le necessità dei cittadini con un’attenzione particolare a coloro che vivono o lavorano nel centro storico della cittadina euganea. Queste, come lo stesso tariffario, sono il risultato della sintesi delle istanze raccolte dall’Immobiliare Marco Polo con un’attenta analisi che ha coinvolto l’Amministrazione comunale e le associazioni che rappresentano il sistema produttivo locale.

“Un nuovo tassello di un importante riqualificazione di tutto il complesso è stato raggiunto – sottolinea il vicepresidente della Regione del Veneto, Gianluca Forcolin, assessore al Patrimonio -. Ringrazio la società Marco Polo ed il suo amministratore unico, Aldo Rozzi Marin, per il prezioso lavoro portato avanti. La sistemazione del parcheggio di Cava della Rocca riqualifica il servizio offerto a 360 gradi: da un lato infatti è funzionale ai visitatori dell’importante complesso storico dall’altro favorisce l’accessibilità complessiva del centro storico monselicense. L’apertura del parcheggio proprio in questi giorni è anche un augurio in questa difficile fase di ripresa economica. Nel rispetto di tutte le condizioni di sicurezza, infatti, il Castello può tornare nuovamente a rivivere e ad accogliere visitatori e turisti”.

“Sul Colle, intanto, proseguono le opere di manutenzione e posa della scala esterna – conclude il Vicepresidente Forcolin – la struttura che consentirà, già a partire dalla prossima stagione estiva, l’accesso al Mastio Federiciano. Altri importanti interventi di conservazione e restauro del complesso monumentale, inoltre, sono in fase di avvio. L’impegno che la Regione ha dimostrato fino ad oggi non si ferma, nella certezza della rilevanza che la Rocca ha per la storia, la cultura e le potenzialità turistiche di tutto il Veneto”.

Email inviata con successo

Strade chiuse in città per lavori, ecco dove

05/06/2020 11:24

Saranno chiuse temporaneamente al traffico veicolare:

- via Dei Fabbri, in prossimità del numero civico 9, lunedì 8/06/2020, dalle ore 13.30 alle ore 19.00, per un trasloco presso un immobile;

- via Giovanni Battista Tiepolo, tratto prospiciente il numero civico 42, da mercoledì 17/06/2020 a venerdì 19/06/2020, dalle 8.00 alle ore 18.00, per la soppressione di una presa del gas.

- via Boccalerie, lunedì 8/06/2020, dalle ore 7.30 alle ore 13.00, per un trasloco presso un immobile;

- via Altinate, tratto compreso tra via Degli Zabarella e via C. Cassan, lunedì 8/06/2020, dalle ore 7.00 alle ore 9.00, per un trasloco presso un immobile;

- proroga chiusura di via Giovanni Anghinoni fino a venerdì 12/06/2020, per un intervento urgente di manutenzione in un tratto della rete del gas.

Email inviata con successo

Ponte di Bovolenta illuminato per l'Arma

05/06/2020 10:38

L’amministrazione Comunale di Bovolenta, in occasione del 206° Anniversario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri, ha illuminato il ponte di quel centro abitato con i colori istituzionali (Rosso e Blu), per ringraziare tutti i militari del lavoro svolto quotidianamente a favore della comunità locale.

Email inviata con successo

Grandine nella Bassa Padovana

05/06/2020 10:20

La grandine non si ferma e dopo aver colpito mais, soia, orzo e vigneti nel feltrino ha segnato le coltivazioni della bassa padovana.

"A macchia di leopardo – dice Coldiretti Veneto - la tempesta si è abbattuta sulle colture difese nelle serre e dalle reti protettive. Mentre nella provincia di Belluno i tecnici sono in fase di monitoraggio dei danni ad Anguillara Veneta alcuni agricoltori mostrano la quantità di ghiaccio fermata dalle reti antigrandine sui fiori e ortaggi dell’azienda SLE Fiori della giovane floricoltrice Silvia Girotto condotta insieme ai fratelli. I chicchi fitti e sottili hanno interessato zucchine e patate, oltre che i filari di vite, come segnala Condifesa Padova, il consorzio di difesa delle attività e produzioni agricole che ha raccolto le segnalazioni di una breve grandinata anche martedì scorso tra Montagnana e Urbana".

Si tratta dell’ultima spallata del clima impazzito di una maledetta primavera che secondo la Coldiretti ha segnato tutte le produzioni dalla frutta alla verdura, dalla vite ai grandi cereali. "Gli agricoltori cercano di difendersi con impianti e strutture oltre che con le polizze assicurative – sottolinea Coldiretti Padova – ma la furia dei nubifragi è così violenta che squarcia le coperture e distrugge tutto. Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che – conclude la Coldiretti – si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne".

Email inviata con successo

Mascherine a terra, "Emergenza inciviltà"

04/06/2020 23:06

Guanti e mascherine sono già diventati un’abitudine, a tutela della salute di ogni individuo e della comunità.

E sebbene vi siano pure difficoltà nell’approvvigionamento, sono comunque milioni quelli già entrati in circolazione. Purtroppo, però, molte persone si stanno comportando in modo incivile, gettando a terra o abbandonando su strade e marciapiedi questi dispositivi di protezione, dopo averli utilizzati. Nei piazzali di supermercati, fuori dai centri commerciali, svolazzano mucchietti di guanti, spesso in plastica, sgualciti e fatti a brandelli.

L’emergenza Covid-19, che ci ha costretti a riflettere e ad adoperarci per proteggere la nostra salute, non deve farci assolutamente dimenticare, invece, un’altra buona e necessaria abitudine, quella di preservare l’ambiente. Come stabilito dall’Istituto Superiore di Sanità, guanti in lattice e plastica e mascherine, di qualsiasi tessuto, una volta usati, vanno raccolti in un sacchetto e gettati nel Secco Residuo. Solo così potranno essere correttamente smaltiti e non produrranno inquinamento nell’ambiente, né problemi sanitari, come potenziali infezioni.

In questi giorni, in concomitanza con la Giornata Mondiale dell’Ambiente che cade il 5 giugno, Etra ha avviato, sui principali canali d’informazione, una campagna ad hoc, per ricordare a tutti che la salvaguardia della salute passa attraverso il nostro comportamento: proteggendo anche l’ambiente, proteggiamo noi stessi.

Email inviata con successo

Centri estivi al Musme, via alle iscrizioni

04/06/2020 11:48

Dal 22 giugno tornano le proposte del MUSME per passare un’estate all’insegna della scienza e della cultura senza rinunciare al divertimento.

I bambini saranno divisi in piccoli gruppi da 7 partecipanti ciascuno, ognuno con 1 educatore di riferimento in ottemperanza alle vigenti disposizioni. Ogni gruppo avrà un’aula e un bagno dedicati in modo da rispettare le norme igieniche imposte e controllare il ricambio di aria. Durante la giornata (mattina + pranzo + pomeriggio) si alterneranno attività di gioco e laboratori: ogni settimana una novità!

Per tutte le informazioni clicca QUI.

Email inviata con successo

Raccolti 2.000 kg di cibo con 'spesa sospesa'

04/06/2020 11:00

Il coronavirus non ferma la solidarietà anzi spinge molti padovani ad aiutare chi si trova in difficoltà con gesti concreti e quotidiani. Sono ben 2.000 i chili di generi alimentari a “km 0” raccolti finora nei mercati di Campagna Amica e distribuiti ai padovani che si trovano in stato di necessità.

Lo afferma Coldiretti Padova a due mesi dall’avvio nei mercati di Campagna Amica l’operazione “Spesa Sospesa del Contadino” per raccogliere frutta, verdura, formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, olio, vino per aiutare a superare l’emergenza economica e sociale provocata dalla diffusione del coronavirus e dalle necessarie misure di contenimento. Un risultato ottenuto grazie alla generosità degli agricoltori e dei frequentatori e sostenitori delle fattorie accreditate alle rete di Campagna Amica.

La raccolta è partita a fine marzo dal Mercato Coperto di Campagna Amica e prosegue ogni mercoledì pomeriggio e sabato mattina durante l’orario di apertura del mercato. La formula è semplice: i clienti fanno la spesa per sé e scelgono di acquistare alcuni prodotti da destinare ai pacchi della “spesa sospesa”. Al termine di ogni turno di apertura i pacchi di alimenti donati a chi si trova in stato di necessità vengono consegnati ai volontari del Centro Servizi Volontariato di Padova. L'iniziativa infatti aderisce da subito al progetto “Per Padova noi ci siamo” del Centro Servizio Volontariato, Comune e Diocesi: una cordata di solidarietà impegnata nel sostegno delle fasce più svantaggiate della popolazione.

I prodotti alimentari freschi vengono destinati al Banco Alimentare mentre le associazioni della rete del progetto “Per Padova noi ci siamo” raccolgono i prodotti non deperibili. La “spesa sospesa” si tiene anche al mercato di Campagna Amica di Montegrotto Terme, ogni martedì mattina, con la consegna ad ogni appuntamento di oltre 80 kg di prodotti al Comune che provvede a distribuirli a chi si trova nel bisogno. Inoltre Coldiretti ha donato alla Caritas di Padova quasi 600 kg di pasta “Le stagioni d’Italia” mentre a Cittadella, ogni giovedì mattina, al termine del mercato di Campagna Amica, gli agricoltori regalano alla Caritas locale il prodotto fresco e invenduto, per lo più ortofrutta per alcune decine di chili.

“In questo periodo difficile per tutti i nostri agricoltori vogliono fare qualcosa di concreto e dare un segnale di attenzione e vicinanza alla società, alle famiglie che si trovano in difficoltà e faticano persino a provvedere alla necessità come la spesa alimentare – spiega il Presidente di Coldiretti Padova Massimo Bressan -. L’impegno per la raccolta e la distribuzione ha coinvolto la macchina della solidarietà cittadina e di questo ringraziamo la rete costruita dal Csv di Padova con le istituzioni e le associazioni per unire le forze e ottenere un buon risultato. Le richieste arrivano da persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita così problematiche - spiega -, con richieste di aiuto da parte di padri e madri che non sanno come sfamare i figli e si vergognano di trovarsi per la prima volta in questo tipo di difficoltà. Ci sono infatti coloro che hanno perso il lavoro e non possono utilizzare lo smart working, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie".

In tutto questo c’è un aspetto positivo: un’indagine nazionale di Coldiretti – Ixè rivela che quasi 4 italiani su 10 (39%) hanno dichiarato di partecipare a iniziative di solidarietà per aiutare chi ha più bisogno attraverso donazioni o pacchi alimentari, anche utilizzando le operazioni di aiuto messe in campo dagli agricoltori con la spesa sospesa, come sperimentiamo a Padova. "Un altro servizio che mettiamo a disposizione gratuitamente per i nostri clienti – conclude Bressan – è la consegna a domicilio della spesa a km zero, che si può ordinare compilando il modulo disponibile sul nostro sito padova.coldiretti.it”.

Tornando alla solidarietà, Coldiretti ricorda che è possibile inoltre contribuire anche una donazione tramite bonifico e Campagna Amica provvederà con questi introiti ad acquistare presso i suoi agricoltori dei prodotti di qualità che saranno consegnati gratuitamente alle famiglie più bisognose. Al momento dell’offerta, sarà fondamentale indicare nella causale, oltre a Spesa Sospesa Campagna Amica, anche il nome, cognome e indirizzo comprensivo del comune di residenza e della provincia dove far arrivare la spesa IBAN: IT43V0200805364000030087695.


Email inviata con successo

Cantina di Vo' dona vino ai carabinieri

04/06/2020 09:40

Il sindaco di Vo' Giuliano Martini ringrazia i militari dell’Arma che definisce ‘angeli custodi’. “Ci sono sempre stati: prima durante e dopo l’emergenza”, dice.

A loro 50 bottiglie del vino Made in Vo’ a simbolico riconoscimento del lavoro svolto. Vino consegnato dalle cantine sociali di Vo’ nel giorno della festa nazionale dell’Arma. A ricevere il dono il comandante provinciale Col. Luigi Manzini.

Email inviata con successo

Punti prelievo: accesso solo su prenotazione

04/06/2020 09:00

Per evitare assembramenti e code nelle sale di attesa, cambiano le modalità di accesso ai Punti Prelievo dell'Ulss 6 Euganea: da questa settimana e fino a nuove disposizioni, sarà possibile effettuare il prelievo solo su prenotazione tramite call center telefonico oppure online, via Web o chat.

COME PRENOTARE

Per effettuare un prelievo è necessario prenotarlo, tramite:

- Prenotami.Cloud per i Distretti Padova Bacchiglione, Terme Colli, Piovese e Alta Padovana;

- Servizio Zero Coda per il Distretto Padova Sud;

- via call center chiamando il numero 049 7445983 da lunedì a venerdì 8.30-18.30 e sabato 8.30 - 12.30;

- via chat da lunedì a venerdì 8.30-18.30 e sabato 8.30 - 12.30.

Il numero di utenti prenotabili e l'orario di attivtà di ogni punto prelievo sono stati determinati per evitare assembramenti e code nelle sale di attesa.

Email inviata con successo

Trebaseleghe, scatta la 'raccolta di vicinato'

03/06/2020 14:10

L’hanno chiamata “raccolta di vicinato”. Come a dire che qualsiasi abitante dei quartieri potrà, volendo, fare la propria parte, collaborando ad una tre giorni tutta dedicata all’ambiente, rigorosamente evitando assembramenti.

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, che si celebrerà venerdì 5 giugno prossimo, sabato 6 e domenica 7 tutti gli abitanti di Trebaseleghe sono chiamati a partecipare alle giornate ecologiche indette dall’Amministrazione Comunale, capitanata dal Sindaco Antonella Zoggia, che ha raccolto l’appello di molte associazioni del territorio. Saranno coinvolte tutt’e quattro le frazioni: Trebaseleghe capoluogo, Fossalta, Silvelle e Sant’Ambrogio, dove lo scorso anno aveva avuto luogo l’iniziativa di successo che ha fatto scaturire la manifestazione allargata di quest’anno.

Ad essere interessate dalle pulizie saranno tutte le zone a rischio, con un occhio di riguardo per le aree verdi. È prevista la partecipazione di qualche decina di volontari, che saranno supportati dalla Protezione Civile, chiamati all’opera tramite tutti i social network locali.

Etra fornirà il supporto tecnico alla manifestazione, fornendo pinze, guanti, rastrelli e grandi sacchi per raccogliere i rifiuti. “Puntiamo” dicono gli organizzatori “soprattutto al coinvolgimento delle famiglie: per rispettare il distanziamento sarà opportuno che piccolissimi nuclei di volontari, possibilmente familiari, si occupino ciascuno di altrettanto piccole porzioni di territorio”. Al termine i rifiuti raccolti verranno conferiti in luoghi baricentrici delle frazioni “in modo che tutti possano vedere il frutto della barbarie di chi, ancora oggi, non rispetta l’ambiente, patrimonio di tutti”.

Il personale di Etra si occuperà del corretto smaltimento dei rifiuti.

Email inviata con successo