TRAGEDIA

Sabrina doveva tornare
ma non ce l'ha fatta

28/06/2020 08:58

Sabrina Bullaro, 38 anni, originaria di Padova e malata di fibrosi cistica non ce l'ha fatta. E' scomparsa in Giappone a Tokyo dove si trovava per motivi di studio. Aveva lasciato il suo lavoro per partire e imparare la lingua del paese che tanto l'affascinava.

Era curata in Italia dal Dottor Marco Cipolli, direttore del reparto di Fibrosi Cistica dell’ospedale di Verona, ma il 17 maggio scorso a Tokyo era dovuta ricorrerre alle cure del pronto soccorso in quanto le sue condizioni erano peggiorate, era stata colpita da un abrutta polmonite. A causa del clima umido delle ultime settimane e della scarsa conoscenza della malattia negli ambienti scientifici giapponesi, purtroppo, le sue condizioni si erano sempre aggravate e si era reso necessario il suo immediato rimpatrio.

L’atterraggio del volo che avrebbe dovuto riportare Sabrina in Italia era previsto martedì alle 17 all'aeroporto Catullo di Verona.

Il padre della ragazza, Michele Bullaro, ci ha raccontato al telefono che è andata all'improvviso in bradicardia ed è morta. "L'unica cosa che mi consola è che è riuscita a fare il viaggio che sognava" ha concluso.

Ad avvisare la famiglia della tragedia è stato il console.

Alla sua situazione si era interessato attivamente l’europarlamentare della Lega Paolo Borchia che ha più volte sollecitato il governo affinchè autorizzasse il volo di rimpatrio. Su facebook ha scritto: "Ancora prima che il volo che avrebbe dovuto riportarla a casa atterrasse a Tokyo, il cuore di Sabrina ha smesso di battere. Con gli occhi gonfi di lacrime e un senso di impotenza che mi annienta, abbraccio la sua famiglia".


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.