Cardiopatie nei cani, ecco il nuovo test

13/07/2020 11:29

Come per l’uomo, anche nel cane le patologie cardiache rappresentano una delle principali cause di mortalità. Una diagnosi precoce, però, permette di mettere in atto protocolli terapeutici capaci di rallentare la progressione della malattia e migliorare, per quanto possibile, la loro qualità di vita.

L’esame radiografico è un passaggio fondamentale nell’iter diagnostico delle patologie cardiache canine. Il problema nella diagnosi tramite questa metodologia clinica è l’estrema eterogeneità morfologica del “paziente canino”. Nell’uomo, indipendentemente dalle dimensioni corporee, la conformazione del torace e quindi i punti di repere (le coordinate sul corpo per localizzare aree da investigare) sono standardizzati. Nel cane no: il torace di un bulldog, di un levriero o di un bassotto è diverso da razza a razza.

Uno dei segni radiografici più frequentemente associato alla presenza di una patologia cardiaca, nell’uomo come nel cane, è la cardiomegalia: l’ombra radiografica cardiaca risulta di dimensioni elevate per un aumento del volume o della massa del cuore causato da ispessimento delle sue pareti o a dilatazione abnorme delle sue cavità. Nel paziente canino l’interpretazione della cardiomegalia è piuttosto difficoltosa specie per un medico veterinario non specialista che svolge attività ambulatoriale. Se già dagli anni Novanta i medici veterinari “specialisti” utilizzano un sistema quantitativo per valutare le dimensioni del cuore del cane (vertebral heart score), ad oggi manca un ausilio diagnostico rapido e certo che possa aiutare i veterinari generici nella diagnosi. "Per sviluppare e testare questo modello diagnostico legato all’intelligenza artificiale sono state inizialmente recuperate tutte le immagini radiografiche del torace di cane presenti nell’archivio dell’O.V.U.D. e su di ognuna di esse è stato calcolato il vertebral heart score classificandole come normale o affetto da cardiomegalia - dice Tommaso Banzato del MAPS e autore responsabile della ricerca pubblicata -. L’algoritmo su cui abbiamo lavorato, basato sulle reti neurali convoluzionali cioè sistemi di intelligenza artificiale utili ad analizzare le immagini, è stato allenato per riconoscere la cardiomegalia su un pool di immagini radiografiche acquisite con l’apparecchio radiologico in uso all’O.V.U.D. fino al 2018. Successivamente l’algoritmo è stato testato su un pool di immagini acquisite con l’apparecchio radiologico in uso dal 2018 ad oggi. Questo passaggio è necessario per verificare la reale capacità dell’algoritmo di riconoscere le lesioni anche su immagini radiografiche ottenute con un macchinario diverso da quello usato per acquisire le immagini radiografiche con le quali è stato allenato, rendendolo pertanto utilizzabile in qualsiasi sede. Abbiamo verificato che l’algoritmo è capace di intercettare le anomalie cardiache, la cardiomegalia, con un’accuratezza di oltre il 92%. I risultati di questo studio, che rappresentano un’assoluta novità scientifica nella letteratura internazionale medico veterinaria, - continua Tommaso Banzato - aiuteranno il medico veterinario “generico” che si occupa di animali da compagnia: l’intelligenza artificiale ci dà la possibilità di creare strumenti sempre più efficienti nell’assisterlo nel suo complesso lavoro quotidiano".

L’equipe di Diagnostica per Immagini dell’Ospedale Veterinario Universitario Didattico (O.V.U.D.) del Dipartimento di Medicina Animale Produzioni e salute dell'Università di Padova - MAPS - sta lavorando ad una implementazione di questo strumento che permetta di individuare automaticamente la presenza di altre lesioni toraciche (polmonari e pleuriche) nel cane e anche nel gatto. Ciò permetterà al medico veterinario di avere a disposizione una gamma di soluzioni che gli permettano di svolgere il proprio lavoro con maggiore efficienza ed autonomia. "Questo lavoro è il frutto di una costante crescita scientifica dei giovani colleghi di MAPS che hanno coniugato l’attività di ricerca senza mai venir meno all’attività assistenziale dell’O.V.U.D. o sul territorio, anche durante il lockdown - commenta Alessandro Zotti, Direttore del Dipartimento MAPS -. L’attività assistenziale nonché i risultati di ricerca nei diversi campi della medicina animale conseguiti in questi ultimi anni sempre più contribuiscono a fare dell’O.V.U.D. il Policlinico Universitario degli animali come è nella Mission del nostro dipartimento".

Email inviata con successo

Dal 12 al 20 settembre torna fiera Antiquaria

13/07/2020 11:13

Dopo il lockdown che in marzo ne ha impedito lo svolgimento, dal 12 al 20 settembre 2020 Antiquaria Padova sarà la prima manifestazione fieristica a inaugurare nel Veneto la ripresa delle attività fieristiche del post pandemia. La 36^ edizione organizzata dalla società padovana Nord Est Fair, con 80 espositori di tutta Italia, ma anche dall’estero (tra le prime adesioni anche quella di un antiquario che arriva dalla Svezia) occuperà il padiglione 1 della Fiera di Padova.

Antiquaria Padova 2020 sarà un selezionato concentrato di arte di altissimo livello, che attraverso differenti stili dimostra come il gusto per il bello è stato declinato nelle varie epoche, dal Rinascimento fino al Novecento: mobili, porcellane, dipinti, statue in legno e marmo, oggettistica, tessuti, stampe, cornici, cristalli, pregiati argenti, arazzi, tappeti persiani di alta manifattura, stoviglie, gioielli. I pezzi più antichi partono dal 1450.

Oltre ai capolavori materiali, come consuetudine all’interno fiera sarà presente l’area servizi per l’arte antica che propone analisi, restauro e consulenza per le opere d'arte: con certificazioni di autenticità ed indirizzi diagnostici, restauro dipinti su tela e tavola, scultura lignea, affreschi e dipinti murali, su tappeti e arte tessile, consulenze a richiesta di espositori e visitatori.

Tra gli espositori che hanno scelto di esserci, dal 12 al 20 settembre ad Antiquaria Padova 2020 si contano alcuni degli antiquari più prestigiosi d’Italia, tra i quali: Tornabuoni Arte antica (Firenze), Studiolo Fine Art (Milano), Cecchetto e Prior (Treviso), Phidias (Reggio Emilia), Barbara Cesaro (Padova), E.L.A. Antichità (Bergamo), Lombardo&Partners (Torino).

Padova Antiquaria si terrà al padiglione 1 della Fiera di Padova con accesso da via Tommaseo. Orari sabato e domenica 10-20, feriali 15-20. Ingresso 8 euro, ridotto 4 euro (over 65, gruppi di 10 persone, forze dell’ordine, studenti, diversamente abili, ragazzi dai 13 ai 17 anni), gratis sotto i 12 anni. Informazioni sul sito http://www.antiquariapadova.com/

Email inviata con successo

Amici della Musica con AMUR: due concerti

12/07/2020 16:13

Fanno parte anche gli Amici della Musica di Padova, rappresentanti del Veneto insieme alla Società del Quartetto di Vicenza, di AMUR: il Comitato nato nel maggio 2020 che riunisce alcune fra le più importanti società concertistiche italiane nel settore della musica classica con il fine di promuovere attività e obiettivi comuni. Amur vuole valorizzare la programmazione concertistica dei suoi membri attraverso strumenti di comunicazione condivisi, ma anche creare opportunità di collaborazione e progettazione. Preceduto dall’esperienza quinquennale della Rete di Associazioni Musicali in Rete (da cui il nome “AMUR”), il Comitato si forma proponendosi come forza propulsiva e propositiva per una risposta concreta e nazionale alla vita culturale. Il valore del fare sistema, che ha sempre accomunato le istituzioni coinvolte, si tramuta in impegno comune: le istituzioni intendono stimolare ulteriori adesioni e unioni virtuose in Italia e all’estero. Con il desiderio di dare risposta immediata alla crisi del settore musicale, il Comitato AMUR organizza quindi tra luglio e settembre 2020 il suo primo progetto: “Musica con Vista”, un festival all’aperto in 16 tappe (tra Friuli-Venezia Giulia e Campania, Veneto e Emilia Romagna, Lombardia e Umbria), alla riscoperta della bellezza di parchi, cortili, giardini e chiostri e della musica di giovani talenti italiani, in piena sicurezza. Otto enti concertistici per un’offerta nazionale della musica da camera ed un festival diffuso per riaprire l’Italia della musica: Società dei Concerti di Trieste per il Friuli-Venezia Giulia, gli Amici della Musica di Padova e la Società del Quartetto di Vicenza per il Veneto, la Società del Quartetto di Milano e Fondazione La Società dei Concerti di Milano per la Lombardia, la Fondazione Musica Insieme di Bologna per l’Emilia Romagna, la Fondazione Perugia Classica Onlus per l’Umbria, l’Associazione Alessandro Scarlatti di Napoli per la Campania. I concerti curati dagli Amici della Musica di Padova si terranno giovedì 16 luglio alle ore 18.00 al Chiostro Albini dei Musei Civici Eremitani con gli archi del Quartetto Scimemi (musiche di Mozart e Mendelssohn) e domenica 2 agosto, alle 19.00, al Parco di Villa Frassanelle, a Rovolon (PD), con VenEthos Ensemble (musiche di Mozart e Beethoven). I musicisti che si esibiranno sono stati selezionati dagli enti membri del Comitato e dal partner di progetto Le Dimore del Quartetto.

I concerti si svolgeranno nel rispetto delle misure di sicurezza. Il pubblico potrà prenotare i propri biglietti online al fine di evitare assembramenti all’ingresso. In considerazione dell’emergenza sanitaria Covid-19 il Festival Musica con Vista potrà subire variazioni.

Email inviata con successo

Carmignano: contributi per rottamazione caldaie

10/07/2020 14:20

Promuovere misure ed attività per il miglioramento della qualità dell'aria: è questo l’obiettivo del contributo previsto dalla Giunta del Comune di Carmignano di Brenta destinato a chi sostituisce le vecchie caldaie nelle abitazioni con apparecchi ad alta resa. “Abbiamo emesso un bando che prevede finanziamenti per incentivare la sostituzione di impianti di riscaldamento o di caldaie installate da almeno 10 anni con una caldaia di nuova fabbricazione, ad alto rendimento energetico e a basso livello di emissione di sostanze inquinanti climalteranti– spiega il Sindaco Alessandro Bolis – Nel 2019 abbiamo erogato 30 mila euro e hanno aderito alla misura 39 cittadini. Una somma di tutto rispetto se rapportata al numero di abitanti: nel 2019 abbiamo erogato 3,9 euro ad abitante a Carmignano, rispetto ai circa 10 centesimi dell’analogo contributo erogato da parte della Regione e ai circa 10 centesimi da parte della Provincia di Padova”.


La domanda per accedere al finanziamento può essere presentata fino al 31 agosto 2020 per installazioni dal 1 gennaio al 31 agosto 2020. Il criterio per l'ammissione al contributo è l’ordine cronologico di ricezione delle domande all'ufficio protocollo e comunque fino ad esaurimento dei fondi.


“A Carmignano di Brenta le emissioni di CO2 derivanti dalle abitazioni private concorrono per il 15,19% alle emissioni complessive e quindi quello dello svecchiamento del parco caldaie è un settore prioritario di intervento – commenta l’Assessore all’Ambiente Andrea Bombonati -. Ma non è l’unica misura che stiamo mettendo in campo per abbassare i consumi e le emissioni. Interverremo piantando nuovi alberi, incrementando le piste ciclabili, diminuendo l’impatto ambientale nell’ambito dei rifiuti e del consumo dell’acqua, del suolo e dell’energia”. “Interventi previsti dal nostro Piano di adattamento ai cambiamenti climatici – conclude il Sindaco Alessandro Bolis - un documento di cui pochissimi Comuni si sono dotati che mira a rendere nel medio periodo il nostro territorio resiliente agli effetti negativi dei cambiamenti climatici che prevede 50 azioni concrete entro il 2030”.


Maggiori informazioni sul bando caldaie nel sito Internet del Comune.

Email inviata con successo

Il Lecture Douglas Zipes ad una anatomopatologa

09/07/2020 10:46

Il premio Lecture Douglas P. Zipes è conferito dalla Heart Rhythm Society- USA, la Società leader mondiale nel settore cardiologico delle malattie aritmiche viene attribuito, sulla base di una selezione da parte di un comitato di esperti internazionali, ad un ricercatore che si sia distinto per aver fornito un contributo significativo e unico nel campo dell’elettrofisiologia e del pacing cardiaco come ricercatore di base. Con la scelta della Professoressa Cristina Basso del Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari - Università degli Studi di Padova e Direttore UOC Patologia Cardiovascolare- Azienda Ospedaliera di Padova, per la prima volta, il premio viene conferito non ad un cardiologo clinico ma ad un anatomopatologo.


Ciò sottolinea la rilevanza degli studi clinico-patologici nel campo della morte improvvisa giovanile condotti a Padova grazie al sostegno costante di Regione Veneto, Università e CARIPARO, con implicazioni di diagnosi precoce e prevenzione. Il prestigioso riconoscimento internazionale premia in particolare l'identificazione della nuova sindrome del prolasso valvolare mitralico aritmico. Una malattia delle valvole del cuore che invece di dare problemi di flusso come avviene di solito si può accompagnare in un piccolo sottogruppo di pazienti alla instabilità elettrica del cuore a rischio di cortocircuiti e morte improvvisa.


Lo studio anatomopatologico prima delle giovani vittime di arresto cardiaco, spesso donne, e la correlazione clinica con la risonanza magnetica cardiaca poi, grazie alla collaborazione con la clinica cardiologica di Padova (prof.ssa Perazzolo Marra), ha permesso di individuare i fattori di rischio e l'iter diagnostico e terapeutico da seguire nei pazienti che ne sono affetti.


Il premio avrebbe dovuto essere consegnato in occasione del congresso annuale della Società scientifica che doveva tenersi a san Diego in California. L'emergenza COVID non ha consentito la premiazione in persona. La lettura è disponibile nel web e pertanto accessibile da tutti al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=2p_6jt52WSw&feature=youtu.be


Cristina Basso è Professore Ordinario di Anatomia Patologica presso il Dipartimento di Scienze Cardiologiche, Toraciche e Vascolari dell'Università degli Studi di Padova. Direttore della UOC di Patologia Cardiovascolare dell'Azienda Ospedaliera di Padova; e Responsabile del Registro Regionale “Patologia Cardio-cerebro-vascolare” della Regione Veneto. Laureata in Medicina, Specialista in Malattie Apparato Cardiovascolare e Anatomia Patologica, e Dottore di Ricerca in Scienze Cardiologiche. Ha trascorso soggiorni all’estero presso il National Heart and Lung Institute, London, UK; la Mayo Clinic, Rochester, USA; la Minneapolis Heart Institute Foundation, Minnesota, USA; e l’University of Texas Medical Branch at Galveston, USA. Conduce ricerche di carattere correlativo anatomo-clinico e traslazionale sulle malattie cardiovascolari. Ha pubblicato >380 papers in peer reviewed journals con IF totale 2645, Contemporary H-Index (Scopus): 71 e N.Citazioni (Scopus):21093; 6 monografie. Ha vinto 10 premi di studio e tenuto 280 letture su invito a congressi Nazionali ed internazionali. È Past- Chairman del WG “Development, Anatomy and Pathology” della European Society of Cardiology (2015-2016); Board Member della Association for European for Cardiovascular Pathology europea (2017-2020); President della Society for Cardiovascular Pathology americana (2017-2018); e membro del Congress Programme Committee della European Society of Cardiology per il prossimo biennio (2017-2018). Direttore Master di 2° livello “Patologia cardiovascolare”, Università di Padova. Socio Ordinario della Classe di Scienze e Tecnica, Accademia Olimpica di Vicenza.

Email inviata con successo

Il Comune risponde alle domande dei cittadini

08/07/2020 11:38

Al via dal mese di luglio sul sito istituzionale www.padovanet.it la rubrica mensile “Il Comune risponde: le domande più frequenti dei cittadini”. Quando scade la Tari? Quando partono i saldi? Dove trovo il modulo per il 730? Queste, solo per citarne alcune, sono le informazioni che vengono maggiormente richieste all’Ufficio Relazioni con il Pubblico e che scandiscono proprio il mese d’inizio estate. E così via, mese per mese: risposte e informazioni ai quesiti più rilevanti per la cittadinanza. “Il nostro obiettivo è l’ascolto e l’attenzione verso le necessità dei tanti cittadini che, ogni giorno, si rivolgono al Comune per avere informazioni chiare e precise – commenta il sindaco, Sergio Giordani – E con l’ascolto si scopre che sono in molti ad avere dei dubbi in proposito alla scadenza del pagamento dell’asporto rifiuti o a non ricordare che la modulistica per la dichiarazione dei redditi non si trova più in Comune. Del resto, è difficile tenere sempre tutto sotto controllo soprattutto quando ci si interfaccia con la burocrazia. Con questa piccola guida alle domande frequenti vogliamo e speriamo di esser d’aiuto nella gestione della quotidianità. Questo – chiude il sindaco - possiamo farlo grazie al monitoraggio delle istanze che pervengono all’Amministrazione che ci consente sia di intercettare ciò che periodicamente interessa e ricorre e con più frequenza, che di fornire delle risposte utili che orientino e facciano risparmiare tempo alle persone”.


Nel 2019 ogni mese, in media, sono pervenute all’Urp tramite i diversi canali – sportello, mail, telefono, social – circa 2.500 domande. Dall’inizio del 2020 a fine giugno ne sono giunte circa 12.300; solo sull’uso delle protezioni individuali e sui comportamenti da tenere in tempi Covid sono state gestite dagli uffici circa 2.800 istanze; tra le più frequenti nel mese di luglio dell’anno in corso, e anche in quello precedente, ricorrono quelle relative alla distribuzione dei modelli per le dichiarazioni dei redditi, la scadenza della Tari, l’inizio dei saldi estivi, le informazioni sul piano anti-zanzare del Comune e, appunto, le richieste che riguardano l’emergenza sanitaria in corso.

La guida alle domande frequenti dei cittadini, on line da mercoledì 8 luglio, è un’iniziativa del Gabinetto del Sindaco dell’Amministrazione Comunale e viene gestita da personale dipendente del settore.

Email inviata con successo

Carne bianca: dal decreto nuove risorse

08/07/2020 11:21

"Sul decreto dedicato alle filiere zootecniche in crisi ha prevalso la linea del buonsenso di Veneto e Lombardia, volta a difendere lo stanziamento di risorse destinate al settore dei vitelli a carne bianca e l'ammasso privato di carne, che alcune Regioni volevano togliere".

Lo afferma l'assessore all'agricoltura del Veneto Giuseppe Pan, al termine della commissione agricoltura della Conferenza Stato Regioni, in una nota comune con il collega della Lombardia, Fabio Rolfi. "Servono questi interventi - prosegue Pan - per un settore danneggiato dalla crisi e dal mancato riconoscimento dell'ammasso europeo, che viene consentito solo su vitelli da 8 mesi in su, tipologia produttiva del Nord Europa".

Il decreto prevede un fondo totale da 90 milioni di euro, di cui 20 per le carni da vitello e 15 per l'ammasso privato. "Questa filiera - aggiunge Pan - produce carni di alta qualità e ha subito un crollo verticale per la chiusura dei mesi scorsi di ristoranti e bar. Rischiamo l'invasione di carni estere che, rientrando nel provvedimento europeo, hanno prezzi più vantaggiosi. Il comparto dei vitelli a carne bianca conta circa 500 mila animali allevati in Italia, la maggior parte nel bacino padano, tra Lombardia e Veneto.. I prezzi al chilo sono crollati da 5,30 euro a 3 euro circa. Dobbiamo difendere questo settore distintivo del Nord Italia", conclude.

Email inviata con successo

Salute della donna: gli incontri dell'Ulss 6

08/07/2020 09:46

In programma dal 13 al 18 luglio la "Settimana per la salute della donna", promossa in collaborazione con Onda - Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Fitto il calendario delle iniziative previste, la maggior parte delle quali in modalità di videoconferenze o con video informativi sui temi della perinatalità e della salute al femminile in generale.

OSPEDALE DI CAMPOSAMPIERO

Dal 13 luglio alle 15: video informativi su sito e facebook Ulss 6 su "nascere a Camposampiero", "percorso nascita presso il nido", "cuore di donna: come prendersi cura del nostro cuore mangiando correttamente"

17 e 17 luglio dalle 8 alle 14: consulenza rivolta alle neo mamme

15 luglio dalle 14.30 alle 16.30: consulenza telefonica sull'allattamento e la cura del neonato

OSPEDALE DI PIOVE DI SACCO

Dal 13 al 17 luglio: distribuzione materiale informativo su ipertensione, malattie cardiache, menopausa, osteoporosi, malattie reumatiche, aiuto alle donne vittime di violenza

Dal 18 luglio ore 15: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "accoglienza in ospedale della donna vittima di violenza".

OSPEDALE DI CITTADELLA

Dal 13 luglio ore 15: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "incontinenza urinaria"

Dal 13 al 18 luglio: distribuzione materiale informativo sul diabete gestazionale

OSPEDALI RIUNITI PADOVA SUD

Dal 13 luglio ore 15: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "Rispettiamo la nascita"

Dal 13 luglio ore 17: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "Ambulatori a basso rischio ostetrico"

Dal 14 luglio alle 17: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "corsi online di accompagnamento alla nascita"

Dal 15 luglio ore 17: video informativo sul sito e facebook Ulss 6 "attività a sostegno della donna nel post partum"

15 luglio dalle 17 alle 18: videoconferenza Meet "parto e... arrivo: nascere a Padova sud".

Dal 18 luglio ore 15: video informativo su sito e facebook Ulss 6 "accoglienza in ospedale della donna vittima di violenza e rete territoriale".

Email inviata con successo

Tangenziale sud-est Riasfaltatura notturna

07/07/2020 17:02

Al via in alcuni tratti della tangenziale sud est - corso 1 Maggio i lavori di riasfaltatura con cantieri predisposti in orario notturno da martedì 7 a giovedì 9 luglio, dalle ore 20 fino alle ore 7 del mattino successivo.

"Asfaltiamo alcuni tratti della tangenziale, direzione Padova sud, in particolare dal ponte verso Salboro fino allo svincolo autostradale - precisa l'assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Micalizzi - Quello che inizia oggi, con il cantiere in notturna per cercare di contenere quanto più possibile i disagi ai cittadini, è un intervento previsto nell'ambito dell'ordinaria manutenzione delle tangenziali che conferma l'attenzione dell'Amministrazione alla manutenzione e alla sicurezza delle strade".

Email inviata con successo

Lavori in via Friburgo: la viabilità alternativa

07/07/2020 16:21

Sono in corso i lavori di messa a norma del guard rail in via Friburgo, nel tratto sovrappassante la linea ferroviaria commerciale Padova – Interporto.

Il settore Lavori Pubblici informa che per consentire l’esecuzione in sicurezza degli interventi, considerata anche la presenza del cantiere sulla carreggiata di larghezza limitata, viene disposta fino al 31 luglio la chiusura temporanea al traffico del tratto stradale di collegamento tra la sommità del cavalcavia Grassi e via Friburgo, in direzione fiera.

"In attesa della riapertura della bretella d’uscita - precisa l'assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Micalizzi - è stata realizzata una viabilità alternativa che consente, comunque, agli automobilisti di raggiungere il centro città o altre direzioni. Deviazione in caso di arrivo da via Plebiscito, verso il centro, passando per via Avanzo e Ponte Unità d'Italia, oppure verso zona Stanga, lungo via Maroncelli. I lavori - chiude l'assessore - rientrano nel progetto della complessiva messa a norma e dell'adeguamento delle barriere presenti in città per garantire una viabilità in sicurezza. L'anno scorso siamo intervenuti sui guard rail di via Brusegana e del cavalcavia Grassi. Quest'anno abbiamo stanziato 200 mila euro per le barriere sul cavalcavia Montà e sullo svincolo di via Friburgo".

Email inviata con successo