Crisi dei benzinai, la protesta di CasaPound

15/07/2020 10:04

Volantini di solidarietà nei distributori di benzina e cartonati a grandezza d’uomo davanti alle sedi della Camera di Commercio di Padova e Confcommercio di Monselice, per denunciare la crisi in cui versa la categoria dei benzinai e stigmatizzare l’inerzia del Governo: questa l’azione compiuta da CasaPound Italia questa notte a Padova, Monselice e in decine di città italiane. “Tra le tante categorie penalizzate dal Covid-19 - spiega il movimento in una nota - quella dei benzinai rientra tra quelle più in difficoltà: se già prima della pandemia versava in una crisi senza fine, oggi nonostante i vari proclami politici di aiuto, viene sistematicamente dimenticata dallo Stato”.

“Nonostante un'attività ridotta dell'85% e l’assenza di protezioni sanitarie ed economiche adeguate - prosegue la nota - i benzinai hanno comunque garantito il servizio di rifornimento alla Nazione, ma per poter essere ascoltati sono stati costretti a fine marzo a minacciare uno sciopero che avrebbe avuto ripercussioni enormi sulla viabilità nazionale. Per questo riteniamo inaccettabile che il Governo continui a non adottare misure di sussidio sia per la categoria, sia per automobilisti e autotrasportatori, che nonostante il crollo del prezzo del greggio hanno visto calare in maniera impercettibile il prezzo di benzina e diesel”.

“Per non parlare - prosegue CasaPound - delle zone di confine del Paese, dove i gestori delle pompe di benzina locali hanno dovuto confrontarsi ad armi impari con i prezzi proposti dagli Stati confinanti, più bassi di 30/40 centesimi al litro, come nel caso di Austria e Slovenia. Una differenza dettata soprattutto dalla presenza sulla benzina “italiana” di imposte nettamente maggiori rispetto al resto d’Europa e di accise che non avrebbero ormai più motivo d'essere applicate, perché decadute le ragioni della loro introduzione: basti pensare ad esempio a quelle per il finanziamento della guerra d’Etiopia del 1935”.

Email inviata con successo

Poste: online la richiesta di successione

15/07/2020 08:57

Da oggi parte anche in 144 uffici postali della Provincia di Padova il nuovo servizio di Poste Italiane per la richiesta online dell’avvio delle pratiche di successione.

I cittadini potranno avviare online la pratica di successione dal loro computer, attraverso una modalità semplice e veloce nel pieno rispetto del distanziamento interpersonale. Nelle famiglie della provincia di Padova sono presenti in questo momento circa 312.000 libretti di risparmio postale e 481mila buoni fruttiferi.

Per ottenere la dichiarazione di credito (ossia il documento necessario per la presentazione della dichiarazione di successione all’Agenzia delle Entrate) è infatti sufficiente, una volta effettuato l’accesso alla propria pagina personale del sito di Poste Italiane, compilare la parte anagrafica con i dati personali, caricare i documenti richiesti e selezionare l’Ufficio Postale di riferimento.

Conclusa questa prima fase online, una volta ricevuta la Dichiarazione di Credito, l’erede o il soggetto legittimato si recherà nell’Ufficio Postale selezionato per la presentazione della Dichiarazione di Successione insieme ai documenti originali, riducendo in maniera notevole i tempi dell’intera richiesta. Questa nuova modalità di accesso al servizio, che parte da oggi in tutta la regione, conferma il processo di digitalizzazione avviato da Poste Italiane. Un impegno concreto per il Paese che, attraverso nuovi canali di accesso ai servizi, permette di intraprendere un percorso di trasformazione digitale in grado di interpretare e anticipare i bisogni dei cittadini.

La richiesta online della dichiarazione di credito si aggiunge ai tanti servizi forniti dall’Azienda per semplificare le procedure di richiesta documenti al fine di ridurre i tempi per il rilascio ed offrire un servizio sempre più rapido ed efficiente. Poste Italiane ha inoltre previsto una serie di agevolazioni per tutti gli eredi che intenderanno avvalersi anche di questa modalità.

Per accedere al nuovo servizio digitale è possibile collegarsi al sito www.poste.it ed accedere alla sezione “Successioni” nell’ambito dei “Servizi al Cittadino”.

Email inviata con successo

-150 posti in residenza all'Università

14/07/2020 12:18

L'allarme arriva dal sindacato degli studenti "Studenti Per Udu Padova", dal prossimo anno 150 posti in meno in residenza.

Oggi infatti durante la seduta del CdA dell'ESU Padova è stato confermato quanto previsto: dal prossimo anno accademico i posti disponibili nelle residenze universitarie passeranno da 750 a 600. "Nulla si è potuto fare per evitare questa decisione, dettata dalle norme di contenimento della diffusione del virus, ma il servizio pubblico di alloggi per universitari era già insufficiente prima della pandemia" dichiara Nicolò Silvoni, rappresentante ESU dell'UDU Padova. "Sarebbe servito più coraggio, fin da subito, investendo nel Diritto allo Studio e nella costruzione di nuovi studentati, sbloccando finalmente, dopo 8 anni, il fondo di investimenti per il diritto allo studio, ma Zaia sembra avere altre priorità per la testa, come la campagna elettorale verso le regionali di settembre".

E intanto le residenze chiudono una dopo l'altra per il loro stato di inagibilità: l'ultima ad aver chiuso le porte agli studenti è stata la residenza Ederle, a causa dei suoi problemi strutturali mai risolti ed aggravatisi con il tempo. Lo scenario si ripete anche sul fronte mense: "sono due anni ormai che la mensa San Francesco, punto di riferimento per gli studenti dei poli umanistici e giuridici del centro storico, è chiusa per lavori di ristrutturazione, impedendo agli universitari di fruire di un servizio fondamentale, a cui la sola mensa Piovego non ha potuto sopperire da sola. La soluzione non può essere far stare a casa gli studenti! Siamo stanchi di un Regione che sta riducendo all'osso anche quei pochi servizi essenziali dedicati agli studenti, è il momento di cambiare rotta: noi non ci stiamo!"

Email inviata con successo

Aspiag: certificazione per salute e sicurezza

14/07/2020 11:41

Aspiag Service, società concessionaria del marchio Despar per il Triveneto ed Emilia-Romagna - ha ottenuto la certificazione ISO 45001 dall'ente di certificazione internazionale Dnv Gl-Business Assurance.

La certificazione riguarda il sistema di gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro, e segue lo standard ISO cui aderiscono 164 Paesi. Aspiag Service ha terminato la fase di certificazione con grande anticipo, evolvendo le proprie procedure e metodi. "Si potrebbe pensare che la certificazione riguardi solamente elementi astratti e procedure amministrative - ha commentato l'ad Francesco Montalvo - invece, questa porta con sé aspetti estremamente concreti: persone, investimenti, condivisione e obiettivi. In tempi come questi, nei quali l'importanza delle regole e procedure volte a tutelare la salute è sotto gli occhi di tutti".

La certificazione ISO 45001 ha quale obiettivo quello di migliorare ulteriormente, rispetto allo standard precedente, la sicurezza e la salute in azienda: il percorso di certificazione consiste nell'analisi di tutte le procedure e nella definizione, applicazione e condivisione delle migliori pratiche per garantire sicurezza e salute in ogni operazione, in ogni reparto e in tutte le sedi di Aspiag Service.

La certificazione garantisce grande impegno nel metodo di divulgazione delle procedure.

Email inviata con successo

Magazzino Amazon, via selezione per fornitori

14/07/2020 11:37

Amazon ha ufficialmente avviato il processo di selezione dei fornitori di beni e servizi per il nuovo centro logistico di distribuzione che aprirà tra i comuni di Castelguglielmo e San Bellino, in provincia di Rovigo.

A partire da oggi, le aziende interessate potranno inviare la loro candidatura via mail; Amazon è alla ricerca di fornitori e produttori di: hardware e strumenti elettronici; dispositivi di protezione individuale; corsi di formazione; pallet; manutenzione elettrica, idraulica e edile; attività di consulenza in ambiti tra cui la sicurezza e le pratiche edilizie; trasporti e logistica; copisterie; gadget e regalistica. Inoltre, sta cercando aziende locali che siano interessate a proporre convenzioni dedicate ai futuri dipendenti del centro di distribuzione.

In questi giorni prosegue anche la selezione del personale, per cui è possibile candidarsi sul sito aziendale alle posizioni di operatore di magazzino; l'azienda prevede di creare 900 posti di lavoro a tempo indeterminato entro tre anni dall'avvio dell'attività. Chiunque sia interessato avrà la possibilità di iscriversi agli incontri virtuali organizzati dalle agenzie per il lavoro che collaborano con Amazon per la selezione del personale. In corso anche la ricerca dei profili per le posizioni manageriali e le funzioni di supporto del nuovo magazzino.

Lo stabilimento, che si aggiunge ai due depositi di smistamento Amazon già presenti in Veneto, a Vigonza e Verona, costituirà un rilevante fattore di crescita economica e occupazionale per il territorio di Castelguglielmo, San Bellino e dei comuni limitrofi.

Email inviata con successo

Nuova settimana di Pride, gli appuntamenti

14/07/2020 09:57

L’apertura della settimana targata Padova Pride Village, mercoledì 15 luglio alla Fiera di Padova, è all’insegna della musica di Tiziano Ferro, artista molto amato anche dalla comunità LGBT. A rendergli omaggio sarà il gruppo Xverso, prima tribute band dedicata esclusivamente al cantante di Latina. I cancelli de Village si apriranno come di consueto alle 19.00. I “villeggianti” avranno disposizione una pizzeria, due ristoranti e una paninoteca. Per l’aperitivo e il dopo cena potrà scegliere tra quattro bar e una caffetteria. Al termine del live, protagonista del dancefloor sarà Ovren, specializzato in EDM, Progressive ed Electro House. [ingresso gratuito dalle 19.00 alle 21.00; 3€ dalle 21.00].

Qual è il segreto che tiene unite famiglie tanto diverse rendendole, ognuna a modo proprio, felici? Questa è quello che cercherà di scoprire Lotsi, protagonista del libro per bambini (e adulti) “Tutto un altro pianeta” che verrà presentato giovedì 16 luglio dal suo autore: Claudio Rossi Marcelli, giornalista e scrittore che si occupa da anni di famiglie e diritti civili Giunto sulla terra insieme alle sorelle Luna e Clio durante la notte di Halloween, il giovane protagonista passa di casa in casa e, grazie al suo lo sguardo ultrasensoriale, riesce a ad attraversare microcosmi fatti di vite e affetti diversi e a leggerne la loro storia. Arrivando a scoprire che, per essere felici, le famiglie non devono essere necessariamente composte da un papà, una mamma, un figlio, una figlia e un cane o un gatto, come pensavano gli abitanti del suo pianeta. La serata proseguirà con la musica pop "LGBT" di Stefano Radda, DJ che, dall’età di 17 anni, suona e collabora con locali e organizzatori di eventi di fama nazionale. [ingresso gratuito dalle 19.00 alle 21.00; 5€ dalle 21:00].

Venerdì 17 luglio ad accogliere i Villeggianti ci penserà il flusso musicale di Radio Wow che quest’anno trasmetterà non solo all’interno del Boulevard ma, grazie ad uno studio mobile progettato ad hoc e con la presenza della squadra di speaker diretti da Stefano Mattara, anche sulle frequenze FM dell’emittente del gruppo Sphera Holding. Anche i più superstiziosi saranno chiamati a tentare la sorte con il “Bingay” di Paolo Tuci, la classica smorfia rivisitata in versione hot con premi trasgressivi, consegnati da inimitabili drag-vallette. Gran cerimoniere del dancefloor sarà poi Mattia Matthew, DJ resident al RED di Bologna e collaboratore di alcune delle più famose realtà LGBT italiane. [ingresso gratuito dalle 19:00 alle 21:00; 5€ dalle 21:00]

Tra palco e consolle sabato 18 luglio sarà tutto al femminile. La prima serata vedrà salire sul palco del Pride Village Annie Mazzola, speaker di punta di R105 e nota sui social grazie alle sue ormai amatissime Instagram Stories dove racconta la sua vita senza filtri, da lei stessa definita TV verità. Regina della notte sarà, invece, Manuela Doriani, speaker nei principali network italiani: Radio Deejay, Radio Capital, Radio Dimensione Suono, Play Radio, M2O) e Radio Wow, dove conduce “Mainzone” e “Citofonare Wow”. [ingresso gratuito dalle 19.00 alle 21.00; 10€ dalle 21:00].

Domenica 19 luglio bisognerà entrare al Pride Village con le corde vocali ben allenate. Torna infatti il karaoke di Mariano e Elda, che metteranno alla prova gli ospiti con un repertorio che spazia dalla musica italiana a quella internazionale, passando da un genere all’altro senza soluzione di continuità. Il tutto accompagnato dalla simpatia dell’animazione del Festival, che al termine si sposterà in area disco per ballare al ritmo del sound di Axel Dj. [ingresso gratuito dalle 19.00 alle 21.00; 3€ dalle 21.00]

LA SICUREZZA

Il Padova Pride Village ha elaborato con le autorità preposte e in conformità alle direttive regionali e ministeriali un piano di straordinario anti Covid per garantire la completa sicurezza dei propri ospiti. Gli accessi al Village, che quest’anno si svolgerà esclusivamente all’aperto, saranno controllati e sarà possibile accedere solamente previa misurazione della temperatura corporea. Anche l’ingresso all’area della discoteca sarà contingentato e prevederà l’uso della mascherina e il rispetto delle distanze di sicurezza. Non sarà possibile consumare direttamente al banco, una volta ricevuta la propria ordinazione, sarà possibile usufruire dei posti disponibili sui plateatici oppure uscire dall’area bar. L’intera area sarà sanificata periodicamente e i bagni, che saranno accessibili solo con mascherina addosso, igienizzati continuamente con un presidio fisso. All’ingresso e in prossimità di ogni bar e ristorante sarà disponibile, inoltre, il disinfettante per le mani. Oltre agli uomini della security, l’organizzazione ha coinvolto quest’anno un gruppo di volontarie e volontari che aiuteranno il pubblico ad attenersi al comportamento corretto. Nelle serate di maggiore affluenza sarà presente la Croce Bianca di Vicenza. Sarà premura inoltre dell’organizzazione aggiornare le misure di prevenzione al contagio qualora queste subissero dei cambiamenti.

Email inviata con successo

Al teatro ai Colli torna la stagione di prosa

13/07/2020 18:51

L’incredibile, fantastica storia di Danny Boodman T. D. Lemon Novecento, il pianista più grande del mondo, nato su una nave e di lì mai sceso, arriva venerdì 17 luglio (ore 21) sul palcoscenico della stagione di prosa estiva del Teatro ai Colli di via Monte Lozzo (Padova). I meravigliosi anni Venti, a cavallo tra le due guerre, l’età del jazz, quando ogni cosa sembrava muoversi seguendo quel ritmo irresistibile.

Una storia che racconta di musica, di mare, di immaginazione, di amicizia e di guerra. Una storia sulla vita che appassiona, colpisce duramente e che diverte. Il compito di interpretare quello che è uscito dalla penna di Alessandro Baricco spetta a Gioele Peccenini, accompagnato dal pianoforte di Giovanni Scalabrin “Quando nel preparare un nuovo spettacolo ci si emoziona al di là delle aspettative e si capisce che quel testo ha davvero qualcosa di nuovo e di importante che lascerà il segno su di sé, non si può non aver paura nel metterlo in scena – spiega Gioele Peccenini – Un attore non è fregato veramente finché ha da parte una buona storia, e qualcuno a cui raccontarla".

Email inviata con successo

Strade chiuse in città per lavori, ecco dove

13/07/2020 14:57

Per effettuare un intervento di manutenzione urgente ad un allaccio gas viene chiusa temporaneamente al traffico veicolare via San Giovanni Di Verdara, tratto compreso tra via Beato Pellegrino e via Suor Elisabetta Vendramini, da martedì 14/07/2020 a mercoledì 22/07/2020, dalle 8.00 alle ore 18.00.

Per provvedere allo scarico in quota di un manufatto in calcestruzzo viene chiusa temporaneamente al traffico veicolare via Andrea Briosco, in prossimità del numero civico 9, martedì 14/07/2020, dalle ore 9.00 alle ore 10.30 con istituzione temporanea del senso unico alternato, regolato da movieri, in via Giovanni Maria Falconetto per il medesimo periodo e con l’istituzione dell’obbligo di fermarsi e dare la precedenza per i veicoli percorrenti via Giovanni Maria Falconetto, giunti all’incrocio con via Beato Luca Belludi, per il medesimo periodo.

Per lavori di scavo e posa di cavi elettrici viene disposta la chiusura temporanea al traffico veicolare di via Lazzaro Mocenigo, tratto compreso tra via M. Michiel e via Piovese, da mercoledì 15/07/2020 a venerdì 17/07/2020, dalle ore 8.30 alle ore 18.00.

Email inviata con successo

Ipercity: è in arrivo una scultura di sabbia

13/07/2020 12:10

Non serve una spiaggia per giocare con la sabbia, e nemmeno per vederla trasformata in opere d'arte: da domani, 14 luglio, questo sarà possibile anche in città con "Sabbia... che meraviglia". Per caratterizzare l'estate rievocando il mare e la fantasia, infatti, l'Ipercity ha invitato Michela Ciappini e Antonio Molin, due dei più grandi artisti italiani di scultura su sabbia, a realizzare una monumentale opera d'arte vicino all'ingresso, alta 4 metri e che occuperà uno spazio di ben 25 metri quadrati. Il soggetto è una sorpresa: si svelerà giorno dopo giorno ai visitatori e clienti del Centro Commerciale, che potranno così seguire dal vivo il lavoro degli artisti. Lavoro che sarà documentato anche sui canali social dell'Ipercity. Nel frattempo, un unico indizio: la scultura è ispirata a uno dei più famosi romanzi per bambini.

Nonostante siano artisti internazionali, sia Ciappini che Molin sono molto legati al nostro Nordest, avendo partecipato ai tradizionali presepi sulla sabbia di Jesolo e di Lignano Sabbiadoro. Ciappini, scultrice e scenografa, non lavora solo con la sabbia, ma per le opere in questo materiale ha vinto numerosi premi e riconoscimenti. Molin, invece, è uno dei punti di riferimento dell'Accademia della Sabbia.

L'opera che realizzeranno per l'Ipercity sarà ultimata fra venerdì 17 e sabato 18 luglio, e rimarrà allestita fino al 31 agosto.

Email inviata con successo

Cardiopatie nei cani, ecco il nuovo test

13/07/2020 11:29

Come per l’uomo, anche nel cane le patologie cardiache rappresentano una delle principali cause di mortalità. Una diagnosi precoce, però, permette di mettere in atto protocolli terapeutici capaci di rallentare la progressione della malattia e migliorare, per quanto possibile, la loro qualità di vita.

L’esame radiografico è un passaggio fondamentale nell’iter diagnostico delle patologie cardiache canine. Il problema nella diagnosi tramite questa metodologia clinica è l’estrema eterogeneità morfologica del “paziente canino”. Nell’uomo, indipendentemente dalle dimensioni corporee, la conformazione del torace e quindi i punti di repere (le coordinate sul corpo per localizzare aree da investigare) sono standardizzati. Nel cane no: il torace di un bulldog, di un levriero o di un bassotto è diverso da razza a razza.

Uno dei segni radiografici più frequentemente associato alla presenza di una patologia cardiaca, nell’uomo come nel cane, è la cardiomegalia: l’ombra radiografica cardiaca risulta di dimensioni elevate per un aumento del volume o della massa del cuore causato da ispessimento delle sue pareti o a dilatazione abnorme delle sue cavità. Nel paziente canino l’interpretazione della cardiomegalia è piuttosto difficoltosa specie per un medico veterinario non specialista che svolge attività ambulatoriale. Se già dagli anni Novanta i medici veterinari “specialisti” utilizzano un sistema quantitativo per valutare le dimensioni del cuore del cane (vertebral heart score), ad oggi manca un ausilio diagnostico rapido e certo che possa aiutare i veterinari generici nella diagnosi. "Per sviluppare e testare questo modello diagnostico legato all’intelligenza artificiale sono state inizialmente recuperate tutte le immagini radiografiche del torace di cane presenti nell’archivio dell’O.V.U.D. e su di ognuna di esse è stato calcolato il vertebral heart score classificandole come normale o affetto da cardiomegalia - dice Tommaso Banzato del MAPS e autore responsabile della ricerca pubblicata -. L’algoritmo su cui abbiamo lavorato, basato sulle reti neurali convoluzionali cioè sistemi di intelligenza artificiale utili ad analizzare le immagini, è stato allenato per riconoscere la cardiomegalia su un pool di immagini radiografiche acquisite con l’apparecchio radiologico in uso all’O.V.U.D. fino al 2018. Successivamente l’algoritmo è stato testato su un pool di immagini acquisite con l’apparecchio radiologico in uso dal 2018 ad oggi. Questo passaggio è necessario per verificare la reale capacità dell’algoritmo di riconoscere le lesioni anche su immagini radiografiche ottenute con un macchinario diverso da quello usato per acquisire le immagini radiografiche con le quali è stato allenato, rendendolo pertanto utilizzabile in qualsiasi sede. Abbiamo verificato che l’algoritmo è capace di intercettare le anomalie cardiache, la cardiomegalia, con un’accuratezza di oltre il 92%. I risultati di questo studio, che rappresentano un’assoluta novità scientifica nella letteratura internazionale medico veterinaria, - continua Tommaso Banzato - aiuteranno il medico veterinario “generico” che si occupa di animali da compagnia: l’intelligenza artificiale ci dà la possibilità di creare strumenti sempre più efficienti nell’assisterlo nel suo complesso lavoro quotidiano".

L’equipe di Diagnostica per Immagini dell’Ospedale Veterinario Universitario Didattico (O.V.U.D.) del Dipartimento di Medicina Animale Produzioni e salute dell'Università di Padova - MAPS - sta lavorando ad una implementazione di questo strumento che permetta di individuare automaticamente la presenza di altre lesioni toraciche (polmonari e pleuriche) nel cane e anche nel gatto. Ciò permetterà al medico veterinario di avere a disposizione una gamma di soluzioni che gli permettano di svolgere il proprio lavoro con maggiore efficienza ed autonomia. "Questo lavoro è il frutto di una costante crescita scientifica dei giovani colleghi di MAPS che hanno coniugato l’attività di ricerca senza mai venir meno all’attività assistenziale dell’O.V.U.D. o sul territorio, anche durante il lockdown - commenta Alessandro Zotti, Direttore del Dipartimento MAPS -. L’attività assistenziale nonché i risultati di ricerca nei diversi campi della medicina animale conseguiti in questi ultimi anni sempre più contribuiscono a fare dell’O.V.U.D. il Policlinico Universitario degli animali come è nella Mission del nostro dipartimento".

Email inviata con successo