Gardaland aumenta orari e capienza

03/08/2020 10:19

Il parco divertimenti Gardaland, dopo i segnali positivi di crescita registrati nel primo mese e mezzo di apertura, ha avuto il nullaosta per aumentare la capienza massima giornaliera e ha deciso così di aumentare la propria offerta con il prolungamento dell'orario di apertura e la disponibilità di ulteriori attrazioni. "Di settimana in settimana - dichiara l'ad Aldo Maria Vigevani - stiamo registrando un aumento di circa il 20% di visitatori e questo ci rende ottimisti anche per le previsioni di affluenza dei prossimi mesi".

A partire dall'8 agosto fino al 13 settembre il sabato il parco sarà aperto fino alle 22.00; tutti i sabati in chiusura gli ospiti potranno anche assistere al nuovo spettacolo serale "We Are Gardaland" con coreografie, giochi d'acqua ed effetti speciali, fino a concludersi con fuochi d'artificio. In agosto, da domenica a venerdì l'apertura è fino alle 20.00, dal 31 agosto al 13 settembre, la domenica fino alle 20.00 e dal lunedì al venerdì fino alle 19.00.

La Prefettura di Verona ha dato l'autorizzazione per un aumento del limite massimo degli ingressi giornalieri, che è passato da 10 a 15 mila. Il prolungamento dell'orario di apertura, l'aumento della capienza massima e l'apertura di nuove attrazioni ha permesso di assumere 200 persone in più.

A completare l'offerta aperti anche Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel dove, per soggiorni fino al 31 dicembre 2020, sarà possibile per gli aventi diritto usufruire del Bonus Vacanze previsto dal Decreto Rilancio.

Email inviata con successo

Diocesi celebra la festa di San Gaetano

02/08/2020 16:26

Musica, arte e spiritualità per “celebrare” san Gaetano da Thiene. Il Centro universitario di Padova e la chiesa di San Gaetano propongono, a ridosso della festa di san Gaetano da Thiene (7 agosto), una serie di appuntamenti nella omonima chiesa di via Altinate 73: le Noctes Cajetanae (martedì 4, mercoledì 5 e giovedì 6 agosto) e il Dies Cajetanus il 7 agosto.



Si inizia martedì 4 agosto, con un concerto alle ore 20.30 con l’Ensembe El Melopeo con musiche di Georg Philipp Telemann, seguito alle ore 21.30 dalla visita accompagnata alla chiesa e all’affresco della cupola.


Il concerto proporrà brani da “Essercizii musici” e dalle 12 sonate metodiche, con la partecipazione di Carolina Putica al flauto dolce, Luca Ranzato al violino barocco; Martina Baratella alla viola da gamba e Chiara De Zuani al clavicembalo.


L’ensemble strumentale El Melopeo, a organico variabile, inizia le sue attività nel 2007 dall’incontro di tre giovani musicisti che si dedicano all’esecuzione del repertorio barocco su strumenti originali. Da allora si esibisce in numerose manifestazioni in Italia, Francia, Ungheria, Slovenia e Russia avvalendosi dalla collaborazione dell’Associazione Culturale “Danzar Cortese” (danze storiche) e del Coro da Camera dell’Università degli Studi di Padova.




Mercoledì 5 agosto, si replica con il concerto alle 20.30, del sodalizio armonico di allieve e allievi del conservatorio, con musiche di Giuseppe Tartini, Johann Sebastian Bach e Georg Friedrich Händel. L’appuntamento musicale è proposto in collaborazione e con il patrocinio del conservatorio Cesare Pollini di Padova. A seguire, alle ore 21.30 la visita accompagnata “I santi Teatini e il coro ligneo”.



Terza “notte di san Gaetano” giovedì 6 agosto, con una meditazione davanti alla Trasfigurazione alle ore 20.30, seguita dalla visita accompagnata alle opere dedicate alla passione e alla cappella della croce.



Per tutti i concerti e le visite (a piccoli gruppi) è necessaria la prenotazione su eventbrite: www.eventbrite.it/e/114139863404



Infine nella festa di san Gaetano da Thiene, il Dies Cajetanus, venerdì 7 agosto, alle ore 8 e alle ore 19 sarà celebrata l’eucaristica, mentre la chiesa rimarrà aperta al pubblico dalle 10 alle 12 e dalle 16 in poi.


Email inviata con successo

Color Week, ecco chi ha vinto veicoli elettrici

01/08/2020 11:55

Con l’estrazione finale dei vincitori si è conclusa l’iniziativa “Padova Abano Color Week”, l’evento che ha permesso la ripartenza dell’economia e la rinascita della vita sociale di Padova e Abano Terme, un nuovo format che ha ricalcato le orme della più classica e conosciuta “Notte dei Colori” di Padova, con l’introduzione di alcune novità, che lascia spazio ora all’inizio dei saldi estivi.

Proprio le novità hanno conquistato il favore delle piccole e medie attività di Padova e Abano Terme che, rispondendo attivamente all’iniziativa, si sono rese protagoniste di questo nuovo format che è stato attivo fino al 31 luglio 2020. Oltre 250 le realtà che hanno distribuito e raccolto i Gratta e Vinci a fronte dei numerosi acquisti effettuati dai clienti nel circuito commerciale dei due Comuni padovani.

Un grande successo mediatico è stato registrato grazie alla condivisione e ri-condivisione sui canali social (Facebook e Instagram) delle numerosissime foto dei palazzi illuminati. Nel sito dell’iniziativa le visite sono state più di diecimila e i codici concorso immessi per provare a vincere le due Renault Twizy sono stati oltre 2.000.

I Gratta e Vinci consegnati sono stati più di 75 mila, tra i premi non solo buoni sconto ma anche ingressi piscina, trattamenti wellness&beauty in collaborazione con gli hotel di Abano Terme, Alea il Gioiello delle Terme e tantissimi altri.

L’iniziativa ha riscosso un grande interesse anche per la presenza del concorso a premi finale dei due veicoli 100% elettrici Renault Twizy messe in palio dalla concessionaria Autobase. L’estrazione del 1° agosto, in presenza di un Funzionario Camerale, ha decretato le due fortunate vincitrici: Gloria Zagato di Cavarzere (VE) con il codice NA2GDUGG e Mariella Corazzina di Abano Terme con il codice UM9D2BCX. “Per tutto il mese di luglio abbiamo sostenuto i consumi a favore del commercio padovano con la Color Week e la diffusione di buoni spendibili fino a fine mese. Anche grazie a questo, nonostante il periodo sia molto complesso, registriamo una certa vivacità in città, certamente maggiore rispetto ad altri centri, e questo ci dà la forza per guardare avanti - afferma Antonio Bressa, Assessore alle attività produttive e al commercio di Padova -. Ringrazio quindi tutte le associazioni di categoria, il Comune di Abano Terme e la Camera di Commercio per la collaborazione, ma soprattutto i cittadini, vincenti e non, che hanno partecipato a questo progetto insieme a noi per sostenere i nostri preziosi negozi. Ora l’appuntamento è con i saldi che mai come quest’anno possono rappresentare una vera occasione per i cittadini ed anche per le attività economiche. Neanche ad agosto infatti Padova vuole fermarsi nella strada del recupero di quanto perso durante il lockdown."

“Nella consapevolezza delle difficoltà che sta attraversando l'economia e in particolar modo il settore del commercio, un'iniziativa come quella appena realizzata rappresenta un aiuto concreto per cercare di affrontare la crisi di questo periodo - dichiara Federico Barbierato, Sindaco di Abano Terme -. Ciò è stato possibile grazie alla collaborazione di tutti gli attori e per questo ringrazio il Comune di Padova, l'assessore Bressa per la collaborazione intrapresa, tutti i partner, le associazioni, gli enti e tutte le oltre 100 attività di Abano Terme che hanno aderito all'iniziativa e alle strutture alberghiere che hanno messo a disposizione i premi. Ringrazio anche gli sponsor e la World Appeal che ha curato ed organizzato l'evento.”

“L’iniziativa Padova Abano Color Week è stata una bellissima esperienza che ha fatto convivere due comuni, Padova e Abano Terme, e ha portato stimolo e voglia di rientrare nei negozi di vicinato - aggiunge Patrizio Bertin, Presidente Ascom Confcommercio - . Grazie alla formula Instant Win si è data luce e speranza alle attività commerciali che hanno soffrendo questo periodo storico in modo particolare e con l’arrivo dei saldi la speranza è che riprenda positivamente l’economia per vedere in modo positivo il futuro. L’obiettivo è quello di proporre ancora iniziative di questa tipologia per dare fiducia ai negozi di vicinato e far tornare i cittadini nei nostri centri storici e turistici.”

“In un momento così difficile per l’economia nazionale e soprattutto territoriale, venendo da una situazione economica ante Covid già complessa e con il Covid diventata ancora più seria, iniziative come la Padova Abano Color Week sicuramente danno un forte contributo e un aiuto non solo ai pubblici esercizi ma anche alla filiera delle attività del commercio di vicinato" afferma Nicola Rossi, Presidente di Confesercenti.

“Si è conclusa l’iniziativa Padova Abano Color Week, un’esperienza veramente importante e interessante quale lavoro di squadra grazie anche alla partecipazione di molti cittadini in queste due anime della nostra provincia, quella termale e quella cittadina - dichiara Franco Conzato, Direttore Padova Promex - . Abbiamo atteso con ansia l’estrazione finale delle due vetture elettriche, due premi in linea con la sostenibilità, tema molto sentito e portato avanti da questa settimana. L’auspicio è di poterci incontrare nuovamente in un’edizione invernale, dove poter ritrovare le luci che hanno addobbato i nostri monumenti per riscoprire la sensazione di comunanza e di lavoro di squadra.”

“L’evento Padova Abano Color Week è stato un incentivo necessario per fare in modo che le amministrazioni comunali andassero incontro concretamente alle attività commerciali e ai pubblici esercizi in questo periodo difficile - afferma Filippo Bernardi dell'APPE -. Un’iniziativa che va apprezzata e ha avuto un ottimo risultato anche dal punto architetturale grazie all’illuminazione dei monumenti storici.”

Email inviata con successo

Bonus mobilità, ultimi passaggi

01/08/2020 11:14

È in programma per il 6 agosto la Conferenza delle Regioni che avrà il compito di definire le procedure prima dell'attivazione del portale per l'accesso al Bonus Mobilità. "Si tratta - riferisce una nota del ministero dell'Ambiente Sergio Costa - dell'ultimo passaggio prima della pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale e del via libera alla successiva attivazione della piattaforma telematica, che sarà accessibile dal sito del ministero".

Email inviata con successo

Imprenditrice si fa male solidarietà femminile

01/08/2020 10:23

Fuori gioco per un infortunio, scatta una gara di solidarietà per sostenere Cristina Salvan, titolare dell’azienda agricola Il Lavandeto di Arquà Petrarca.

L’associazione Donne in Campo – Cia Padova si è subito attivata per raccogliere la lavanda al posto suo, dopo l’incidente occorsole. “Grazie all’altruismo e alla disponibilità delle nostre imprenditrici – commenta il presidente di Cia Padova, Roberto Betto – in questi giorni i lavori all’interno dell’attività sono comunque andati avanti”. Fra le operazioni portate a termine con successo, la lavanda è stata appesa per l’asciugatura. “Le colleghe si sono messe immediatamente in gioco, a costo zero – aggiunge Betto - Si tratta di un grande esempio e messaggio di speranza insieme”.

Milena Prando è la presidente di Donne in Campo: “L’aiuto reciproco è una delle parole chiave che identifica le nostre donne, sempre disponibili quando è ora di dare una mano, gratuitamente. Dovunque vi sia necessità, rispondiamo presente. Sono orgogliosa di questa empatia che si è creata fra noi imprenditrici; siamo sicure che il bene fatto, senza chiedere nulla in cambio, poi torna indietro sotto altre forme. Continueremo lungo questa strada”.

Email inviata con successo

CGIA: a rischio default 1,7 mln di micro imprese

01/08/2020 10:20

Quattro micro imprese su 10, poco meno di 1,7 milioni di attività, rischiano la chiusura a causa della crisi economica provocata dall'emergenza Covid-19.

Lo rileva la Cgia sulla base dei risultati dell'Istat sull'andamento dell'economia italiana. "Ci riferiamo - spiega Paolo Zabeo - a quel ceto medio produttivo costituito da imprese dei servizi, negozianti, botteghe artigiane e partite Iva con meno di 10 addetti che dopo il lockdown non si sono più riprese e, ora, hanno manifestato l'intenzione di chiudere per sempre. I settori più vulnerabili alla crisi emersi da questa indagine sono stati i bar, i ristoranti, le attività ricettive, il piccolo commercio, il comparto della cultura e dell'intrattenimento. Nel produttivo - aggiunge - le difficoltà hanno investito soprattutto il settore del mobile, del legno, della carta e della stampa, nonché il tessile, l'abbigliamento e le calzature. Una situazione ritenuta irreversibile che sta inducendo tanti piccoli imprenditori a gettare definitivamente la spugna".

La Cgia torna a chiedere che con il decreto di agosto le micro realtà commerciali e produttive più fragili all'emergenza Covid siano aiutate a rimanere in vita, per esempio, attraverso una ulteriore e più robusta erogazione di contributi a fondo perduto; e poi con la cancellazione delle scadenze fiscali erariali, almeno sino a fine 2020.

Le previsioni, purtroppo non lasciano presagire nulla di buono.La Cgia ricorda che nel 2009 il Pil era sceso del 5,5%, mentre il tasso di disoccupazione nel giro di 2 anni è salito dal 6 al 12%. Con un Pil che nelle più rosee previsioni quest'anno dovrebbe calare del 10%, quasi il doppio della contrazione registrata nel 2009, il pericolo che il numero dei disoccupati aumenti esponenzialmente è molto alto.

Per la Cgia oltre a dare liquidità, tagliare le tasse e alleggerire la burocrazia è altresì necessario rivalutare il lavoro manuale. Negli ultimi 40 anni c'è stata una svalutazione culturale spaventosa. Attraverso le riforme della scuola avvenute di questi ultimi anni e, specie, con il nuovo Testo unico sull'apprendistato, alcuni passi importanti sono comunque stati fatti. Ma non basta. Serve una vera e propria rivoluzione per ridare dignità, valore sociale e un giusto riconoscimento economico a tutte quelle professioni dove il saper fare con le proprie mani costituisce una virtù aggiuntiva che rischiamo di perdere.

Nonostante la crisi c'è un grande paradosso: mentre tante micro attività chiudono, molti settori, almeno fino a poco tempo fa avevano difficoltà a reperire personale qualificato. Ci sono realtà dove fino allo scorso febbraio si faceva fatica ad assumere autisti di mezzi pesanti, conduttori di macchine a controllo numerico, tornitori, fresatori, verniciatori e battilamiera.

Senza contare che nell'edilizia è sempre più difficile reperire carpentieri, posatori e lattonieri. "Gli effetti economici del Covid - dice Renato Mason, segretario Cgia - si sono sovrapposti ad una situazione generale che era già profondamente deteriorata. Tra il 2009 e il 2019 si sono perse 180mila aziende artigiane. Circa il 60%erano attività legate al comparto casa: edili, lattonieri, posatori, dipintori, elettricisti, idraulici, etc. hanno vissuto anni difficili e molti sono stati costretti a chiudere. La crisi dell' edilizia e la caduta verticale dei consumi delle famiglie sono stati letali. Purtroppo, le profonde trasformazioni in atto e la drammatica crisi che vivremo nei prossimi mesi cancelleranno molte attività che cambieranno il volto delle nostre città, incidendo negativamente anche sulla coesione sociale del Paese".

Email inviata con successo

Teatro Stabile, ecco il programma spettacoli

31/07/2020 12:31

Sono 11 gli appuntamenti estivi che la prossima settimana, dal 3 all’8 agosto, animeranno i palcoscenici dei teatri Verdi di Padova, Mario Del Monaco di Treviso e Goldoni di Venezia per la Stagione Estiva 2020 dello Stabile del Veneto “Tutti i gusti del teatro”.


Ad aprire la settimana di eventi al Teatro Verdi è Vitaliano Trevisan che, accompagnato sul palco da Angelica Leo e Giorgio Sangati, porta in scena una lettura tratta dal suo testo Il Mondo e i Pantaloni (3>4 agosto). Si prosegue poi con l’anteprima dello spettacolo Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia (5>6 agosto), una nuova co-produzione dello Stabile del Veneto con Stivalaccio Teatro e OperaEstate Festival Veneto che dà voce alla storia della prima colonia veneta in Australia e con lo spettacolo Binario Vivo interpretato dall’attore padovano Loris Contarini (7>8 agosto).


Il cartellone padovano della prossima settimana presenta, inoltre, due appuntamenti al Castello Carrarese per il Castello Festival: il debutto in prima regionale di Paolo Rossi con Pane o libertà. Su la testa (4 agosto), una co-produzione dello Stabile del Veneto con lo Stabile di Bolzano in cui stand up comedy, commedia dell’arte e commedia greca si mescolano in un solo spettacolo dando voce alle storie di maestri come Jannacci, Gaber, De Andrè, Fo, e lo spettacolo Don Chisciotte. Tragicommedia dell’arte di Stivalaccio Teatro (6 agosto).


Al Teatro Mario Del Monaco di Treviso il programma settimanale presenta Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia di Stivalaccio Teatro (3>4 agosto) e l’attesissimo concerto Omaggio a Ennio Morricone con Claudia Sasso, Luca Minelli e l’Orchestra Ritmico Sinfonica diretti dal maestro Diego Basso. Il 6 e il 7 agosto è invece il turno di Vitaliano Trevisan, in scena con Giorgio Sangati e Angelica Leo, con lo spettacolo Il Mondo e i Pantaloni, mentre a chiudere la settimana è la chitarra di Massimo Scattolin che, accompagnato dall’Orchestra da Camera di Radio Veneto Uno diretta da Giorgio Sini, suona in concerto Spagna e Veneto nella chitarra contemporanea (08 agosto, ore 20.45).


Al Teatro Goldoni, infine, il programma si apre con Lucia Schierano e il suo omaggio alla grande artista Franca Valeri con lo spettacolo Franca, come te solo la Valeri (6 agosto) e prosegue poi con Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia di Stivalaccio Teatro (7>8 agosto).



Teatro Verdi | Padova


03 > 04 Ago 2020, ore 19.00


Teatro Verdi

Vitaliano Trevisan

Il Mondo e i Pantaloni




04 Ago 2020, ore 21.15


Castello Carrarese

Paolo Rossi

Pane o libertà

Su la testa - prima regionale




05 > 06 Ago 2020, ore 19.00

Teatro Verdi

Stefano Rota

Cèa Venessia

Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima




06 Ago 2020, ore 21.15

Castello Carrarese

Stivalaccio Teatro

Don Chisciotte

Tragicommedia dell’arte




07 > 08 Ago 2020, ore 19.00

Teatro Verdi

TOP Teatri Off Padova

Binario Vivo




https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-padova-tutti-i-gusti-del-teatro/




Teatro Mario Del Monaco | Treviso




03 > 04 Ago 2020, ore 19.00

Stefano Rota

Cèa Venessia

Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima




05 Ago 2020, ore 20.45

Claudia Sasso

Luca Minnelli

Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana

Diego Basso

Omaggio a Ennio Morricone




06 > 07 Ago 2020, ore 19.00

Vitaliano Trevisan

Il Mondo e i Pantaloni



08 Ago 2020, ore 20.45

Massimo Scattolin

Orchestra da Camera di Radio Veneto Uno

Giorgio Sini

Spagna e Veneto nella chitarra contemporanea




https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-treviso-tutti-i-gusti-del-teatro/




Teatro Goldoni | Venezia




06 Ago 2020, ore 19.00


Lucia Schierano


Franca, come te solo la Valeri – studio




07 > 08 Ago 2020, ore 19.00


Stefano Rota


Cèa Venessia


Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima






https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-venezia-tutti-i-gusti-del-teatro/





Email inviata con successo

Centro San Gaetano chiuso le domeniche

31/07/2020 12:29

Centro Culturale Altinate San Gaetano: chiuso le domeniche di agosto.


Il Centro Culturale Altinate/San Gaetano - via Altinate 71 - rimane chiuso tutte le domeniche di agosto (2,9,16,23,30 agosto '20) e a ferragosto (sabato 15).

Si ricordano i normali orari di apertura dello spazio cittadino dedicato alla cultura: dalle 8 alle 18 dal lunedì al sabato.

Email inviata con successo

68% dei padovani beve l'acqua di rete

30/07/2020 11:39

Quasi il 70% dei padovani apprezza e utilizza regolarmente l’acqua del rubinetto. É quanto emerge dall’analisi La Tua Acqua, svolta dai gestori del servizio idrico AcegasApsAmga, Cafc, Irisacqua insieme a Coop Alleanza 3.0.

L’iniziativa congiunta è nata dalla volontà di scoprire cosa pensano i cittadini dell’acqua di rubinetto distribuita nei territori di Trieste, Gorizia, Udine e Padova, con l’obiettivo di trarre spunti per campagne di comunicazione e sensibilizzazione verso la cittadinanza per promuovere l’utilizzo dell’acqua di rete.

FIDUCIA NEI CONTROLLI

Sono stati circa 1.500 i cittadini che hanno compilato il questionario online e nei supermercati Coop, esprimendo così le loro preferenze ma anche le perplessità sull’utilizzo dell’acqua di rete che arriva nelle loro case. Dai risultati emerge che due terzi dei cittadini preferisce bere l’acqua di rubinetto, grazie anche alla fiducia sui controlli svolti quotidianamente sulla qualità dell’acqua.

Per quanto riguarda il dettaglio dei risultati di Padova, emerge innanzitutto come dai 40 anni in su, aumenti progressivamente il consumo di acqua di rete. Se nelle fasce di età fino a 44 anni mediamente il 63% dichiara di bere sempre o spesso l’acqua del rubinetto (dato comunque apprezzabile), a partire dai 45 anni si sale progressivamente, fino al 75% dei padovani oltre i 60 anni.

LE RAGIONI

Per quanto riguarda le ragioni della preferenza dell’acqua di rete, Padova rispetto agli altri territori analizzati, pare avere una sua peculiarità tutta “ambientalista”. L’acqua del Sindaco infatti, viene scelta in primo luogo perché “non produce rifiuto plastico” (28%), denotando una forte sensibilità anche a un tema spesso trascurato dell’uso dell’acqua in bottiglia. Tanto che l’Italia risulta ancora al terzo posto, dopo Messico e Thailandia, nella classifica mondiale per consumo pro capite di acqua in bottiglia.

A seguire di questa prima ragione di scelta, ve ne sono poi altri due piuttosto funzionali: “è comoda” (27%) ed “è economica” (23%). Del resto, come rendicontato sul report “In buone acque”, pubblicato annualmente dal Gruppo Hera, scegliendo di bere acqua di rubinetto una famiglia di 3 persone può arrivare a risparmiare anche 440 euro l’anno.

POCHI TIMORI LEGATI ALLE TUBATURE

L’indagine ha anche sondato quali siano, specularmente, le ragioni per cui può esistere diffidenza rispetto all’acqua del rubinetto. Coerentemente con la generale propensione al consumo di acqua di rete, le risposte che esprimono timori sono complessivamente infatti assai esigue.

Le perplessità maggiori discendono dal timore di eventuali contaminazioni dell’acqua nel fluire lungo le tubazioni sia pubbliche private. Tuttavia, solo il 7% dei cittadini ha dichiarato di aver effettuato le analisi alle tubature di casa: da questo potrebbe emergere una componente più emotiva e psicologica che influenzerebbe la propensione a non utilizzare dell’acqua di rubinetto perché si ritiene possa essere contaminata dalle tubazioni.

Email inviata con successo

Ostellari presidente della Comm. Giustizia

30/07/2020 09:28

Il senatore leghista Andrea Ostellari è stato confermato alla presidenza della Commissione Giustizia eletto con 13 voti favorevoli. "Con il voto segreto vengono premiati il buon lavoro e la competenza della Lega. La maggioranza e' in frantumi, completamente saltato l'inciucio 5Stelle-Pd'" ha detto il il leader della Lega Matteo Salvini.

Saltato l'accordo che prevedeva di portare alla presidenza della commissione Pietro Grasso, che ha ottenuto 11 voti.

Email inviata con successo