DIESEL

Proroga stop Euro 4:
"Rischio confusione"

31/07/2020 12:22

Gli assessori regionali di Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto, riuniti ieri nel tavolo per discutere delle modifiche dell’ormai noto Accordo padano per il miglioramento della qualità dell’aria del 2017, hanno deciso di comune accordo di spostare il blocco degli Euro 4 Diesel dal 1 ottobre 2020 al 1 gennaio 2021.


Ma l'assessore Chiara Gallani non ci sta: "Negli ultimi mesi abbiamo lavorato per affrontare la prossima stagione invernale e le misure a contenimento dell'inquinamento da polveri sottili. Ci siamo riuniti tra assessori dei sette comuni capoluogo e il 9 luglio scorso al CIS - Comitato di Indirizzo e Sorveglianza della Regione Veneto- abbiamo sollecitato la Regione a confrontarci con anticipo, anche per affrontare il tema alla luce dell'emergenza sanitaria che ci ha investiti, con conseguenze sia sul nostro ambiente e la nostra aria che sulla situazione socio economica.

È di ieri l'importante notizia dell'accordo tra le quattro regioni del bacino padano (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna) per rinviare il blocco degli euro 4 diesel, previsto per il prossimo autunno, al primo gennaio 2021.

È certamente positivo che tutte le Regioni coinvolte discutano e trovino soluzioni assieme, perché l'aria è un tema complesso, che riguarda tutte e tutti e deve essere affrontato in maniera condivisa.

Non nascondo però una forte preoccupazione: l’accordo padano è costruito sulla stagione inquinata (ottobre - marzo) e non sull’anno solare. Introdurre delle limitazioni a metà della stagione può creare grossi problemi sia nella gestione da parte dei comuni, che nella stessa stagione si troveranno a gestire due differenti provvedimenti, sia per quanto riguarda i cittadini, ormai abituati a ragionare su un certo tipo di stagionalità e il rischio è quello di generare ulteriore confusione.

Nel comunicato stampa congiunto degli assessori regionali si possono individuare le ragioni che hanno portato a tale scelta: da un lato l’effetto che il lockdown ha avuto sulle emissioni complessive (una minore quantità di inquinanti immessi in atmosfera) dall’altro una giusta considerazione sull'incertezza di quello che sarà il futuro dal punto di vista economico e sociale, con forti vincoli per l’utilizzo del trasporto pubblico locale, legati anche a norme sul distanziamento e alla tutela sanitaria, e persistenza dello smartworking che ridurrà necessariamente la mobilità dei lavoratori.

Proprio perché condivido queste premesse e sono dell’idea che fosse necessario rivedere l’accordo per questo 2020, mi chiedo perché non si sia deciso di posticipare le nuove limitazioni all’autunno 2021, senza inserire un’ulteriore scadenza che ha come risultato solo generare confusione.

A tutto ciò va aggiunta anche l’incertezza generale sullo stato dei contagi e sulla diffusione del virus. Non sappiamo che cosa succederà il prossimo autunno e il rischio è quello di lavorare su una misura che poi dovrà essere posticipata data la situazione.

Comprendo le necessità di mediazione tra assessori regionali ma avrei preferito una misura univoca. Invece questo risultato è un nonsense da ogni punto di vista, scientifico e di gestione, senza aspetti positivi né per l’ambiente né per i cittadini.

Di nuovo, l'invito alla Regione è quello di lavorare per la salute ed il territorio, nel merito delle questioni, con razionalità."


 
Nessun commento per questo articolo.