Bonus mobilità, ultimi passaggi

01/08/2020 11:14

È in programma per il 6 agosto la Conferenza delle Regioni che avrà il compito di definire le procedure prima dell'attivazione del portale per l'accesso al Bonus Mobilità. "Si tratta - riferisce una nota del ministero dell'Ambiente Sergio Costa - dell'ultimo passaggio prima della pubblicazione del testo in Gazzetta Ufficiale e del via libera alla successiva attivazione della piattaforma telematica, che sarà accessibile dal sito del ministero".

Email inviata con successo

Imprenditrice si fa male solidarietà femminile

01/08/2020 10:23

Fuori gioco per un infortunio, scatta una gara di solidarietà per sostenere Cristina Salvan, titolare dell’azienda agricola Il Lavandeto di Arquà Petrarca.

L’associazione Donne in Campo – Cia Padova si è subito attivata per raccogliere la lavanda al posto suo, dopo l’incidente occorsole. “Grazie all’altruismo e alla disponibilità delle nostre imprenditrici – commenta il presidente di Cia Padova, Roberto Betto – in questi giorni i lavori all’interno dell’attività sono comunque andati avanti”. Fra le operazioni portate a termine con successo, la lavanda è stata appesa per l’asciugatura. “Le colleghe si sono messe immediatamente in gioco, a costo zero – aggiunge Betto - Si tratta di un grande esempio e messaggio di speranza insieme”.

Milena Prando è la presidente di Donne in Campo: “L’aiuto reciproco è una delle parole chiave che identifica le nostre donne, sempre disponibili quando è ora di dare una mano, gratuitamente. Dovunque vi sia necessità, rispondiamo presente. Sono orgogliosa di questa empatia che si è creata fra noi imprenditrici; siamo sicure che il bene fatto, senza chiedere nulla in cambio, poi torna indietro sotto altre forme. Continueremo lungo questa strada”.

Email inviata con successo

CGIA: a rischio default 1,7 mln di micro imprese

01/08/2020 10:20

Quattro micro imprese su 10, poco meno di 1,7 milioni di attività, rischiano la chiusura a causa della crisi economica provocata dall'emergenza Covid-19.

Lo rileva la Cgia sulla base dei risultati dell'Istat sull'andamento dell'economia italiana. "Ci riferiamo - spiega Paolo Zabeo - a quel ceto medio produttivo costituito da imprese dei servizi, negozianti, botteghe artigiane e partite Iva con meno di 10 addetti che dopo il lockdown non si sono più riprese e, ora, hanno manifestato l'intenzione di chiudere per sempre. I settori più vulnerabili alla crisi emersi da questa indagine sono stati i bar, i ristoranti, le attività ricettive, il piccolo commercio, il comparto della cultura e dell'intrattenimento. Nel produttivo - aggiunge - le difficoltà hanno investito soprattutto il settore del mobile, del legno, della carta e della stampa, nonché il tessile, l'abbigliamento e le calzature. Una situazione ritenuta irreversibile che sta inducendo tanti piccoli imprenditori a gettare definitivamente la spugna".

La Cgia torna a chiedere che con il decreto di agosto le micro realtà commerciali e produttive più fragili all'emergenza Covid siano aiutate a rimanere in vita, per esempio, attraverso una ulteriore e più robusta erogazione di contributi a fondo perduto; e poi con la cancellazione delle scadenze fiscali erariali, almeno sino a fine 2020.

Le previsioni, purtroppo non lasciano presagire nulla di buono.La Cgia ricorda che nel 2009 il Pil era sceso del 5,5%, mentre il tasso di disoccupazione nel giro di 2 anni è salito dal 6 al 12%. Con un Pil che nelle più rosee previsioni quest'anno dovrebbe calare del 10%, quasi il doppio della contrazione registrata nel 2009, il pericolo che il numero dei disoccupati aumenti esponenzialmente è molto alto.

Per la Cgia oltre a dare liquidità, tagliare le tasse e alleggerire la burocrazia è altresì necessario rivalutare il lavoro manuale. Negli ultimi 40 anni c'è stata una svalutazione culturale spaventosa. Attraverso le riforme della scuola avvenute di questi ultimi anni e, specie, con il nuovo Testo unico sull'apprendistato, alcuni passi importanti sono comunque stati fatti. Ma non basta. Serve una vera e propria rivoluzione per ridare dignità, valore sociale e un giusto riconoscimento economico a tutte quelle professioni dove il saper fare con le proprie mani costituisce una virtù aggiuntiva che rischiamo di perdere.

Nonostante la crisi c'è un grande paradosso: mentre tante micro attività chiudono, molti settori, almeno fino a poco tempo fa avevano difficoltà a reperire personale qualificato. Ci sono realtà dove fino allo scorso febbraio si faceva fatica ad assumere autisti di mezzi pesanti, conduttori di macchine a controllo numerico, tornitori, fresatori, verniciatori e battilamiera.

Senza contare che nell'edilizia è sempre più difficile reperire carpentieri, posatori e lattonieri. "Gli effetti economici del Covid - dice Renato Mason, segretario Cgia - si sono sovrapposti ad una situazione generale che era già profondamente deteriorata. Tra il 2009 e il 2019 si sono perse 180mila aziende artigiane. Circa il 60%erano attività legate al comparto casa: edili, lattonieri, posatori, dipintori, elettricisti, idraulici, etc. hanno vissuto anni difficili e molti sono stati costretti a chiudere. La crisi dell' edilizia e la caduta verticale dei consumi delle famiglie sono stati letali. Purtroppo, le profonde trasformazioni in atto e la drammatica crisi che vivremo nei prossimi mesi cancelleranno molte attività che cambieranno il volto delle nostre città, incidendo negativamente anche sulla coesione sociale del Paese".

Email inviata con successo

Teatro Stabile, ecco il programma spettacoli

31/07/2020 12:31

Sono 11 gli appuntamenti estivi che la prossima settimana, dal 3 all’8 agosto, animeranno i palcoscenici dei teatri Verdi di Padova, Mario Del Monaco di Treviso e Goldoni di Venezia per la Stagione Estiva 2020 dello Stabile del Veneto “Tutti i gusti del teatro”.


Ad aprire la settimana di eventi al Teatro Verdi è Vitaliano Trevisan che, accompagnato sul palco da Angelica Leo e Giorgio Sangati, porta in scena una lettura tratta dal suo testo Il Mondo e i Pantaloni (3>4 agosto). Si prosegue poi con l’anteprima dello spettacolo Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia (5>6 agosto), una nuova co-produzione dello Stabile del Veneto con Stivalaccio Teatro e OperaEstate Festival Veneto che dà voce alla storia della prima colonia veneta in Australia e con lo spettacolo Binario Vivo interpretato dall’attore padovano Loris Contarini (7>8 agosto).


Il cartellone padovano della prossima settimana presenta, inoltre, due appuntamenti al Castello Carrarese per il Castello Festival: il debutto in prima regionale di Paolo Rossi con Pane o libertà. Su la testa (4 agosto), una co-produzione dello Stabile del Veneto con lo Stabile di Bolzano in cui stand up comedy, commedia dell’arte e commedia greca si mescolano in un solo spettacolo dando voce alle storie di maestri come Jannacci, Gaber, De Andrè, Fo, e lo spettacolo Don Chisciotte. Tragicommedia dell’arte di Stivalaccio Teatro (6 agosto).


Al Teatro Mario Del Monaco di Treviso il programma settimanale presenta Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia di Stivalaccio Teatro (3>4 agosto) e l’attesissimo concerto Omaggio a Ennio Morricone con Claudia Sasso, Luca Minelli e l’Orchestra Ritmico Sinfonica diretti dal maestro Diego Basso. Il 6 e il 7 agosto è invece il turno di Vitaliano Trevisan, in scena con Giorgio Sangati e Angelica Leo, con lo spettacolo Il Mondo e i Pantaloni, mentre a chiudere la settimana è la chitarra di Massimo Scattolin che, accompagnato dall’Orchestra da Camera di Radio Veneto Uno diretta da Giorgio Sini, suona in concerto Spagna e Veneto nella chitarra contemporanea (08 agosto, ore 20.45).


Al Teatro Goldoni, infine, il programma si apre con Lucia Schierano e il suo omaggio alla grande artista Franca Valeri con lo spettacolo Franca, come te solo la Valeri (6 agosto) e prosegue poi con Cèa Venessia. Odissea nostrana dal NordEst all’Australia di Stivalaccio Teatro (7>8 agosto).



Teatro Verdi | Padova


03 > 04 Ago 2020, ore 19.00


Teatro Verdi

Vitaliano Trevisan

Il Mondo e i Pantaloni




04 Ago 2020, ore 21.15


Castello Carrarese

Paolo Rossi

Pane o libertà

Su la testa - prima regionale




05 > 06 Ago 2020, ore 19.00

Teatro Verdi

Stefano Rota

Cèa Venessia

Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima




06 Ago 2020, ore 21.15

Castello Carrarese

Stivalaccio Teatro

Don Chisciotte

Tragicommedia dell’arte




07 > 08 Ago 2020, ore 19.00

Teatro Verdi

TOP Teatri Off Padova

Binario Vivo




https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-padova-tutti-i-gusti-del-teatro/




Teatro Mario Del Monaco | Treviso




03 > 04 Ago 2020, ore 19.00

Stefano Rota

Cèa Venessia

Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima




05 Ago 2020, ore 20.45

Claudia Sasso

Luca Minnelli

Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana

Diego Basso

Omaggio a Ennio Morricone




06 > 07 Ago 2020, ore 19.00

Vitaliano Trevisan

Il Mondo e i Pantaloni



08 Ago 2020, ore 20.45

Massimo Scattolin

Orchestra da Camera di Radio Veneto Uno

Giorgio Sini

Spagna e Veneto nella chitarra contemporanea




https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-treviso-tutti-i-gusti-del-teatro/




Teatro Goldoni | Venezia




06 Ago 2020, ore 19.00


Lucia Schierano


Franca, come te solo la Valeri – studio




07 > 08 Ago 2020, ore 19.00


Stefano Rota


Cèa Venessia


Odissea nostrana dal NordEst all’Australia – anteprima






https://www.teatrostabileveneto.it/events/category/stagione-estiva-2020-venezia-tutti-i-gusti-del-teatro/





Email inviata con successo

Centro San Gaetano chiuso le domeniche

31/07/2020 12:29

Centro Culturale Altinate San Gaetano: chiuso le domeniche di agosto.


Il Centro Culturale Altinate/San Gaetano - via Altinate 71 - rimane chiuso tutte le domeniche di agosto (2,9,16,23,30 agosto '20) e a ferragosto (sabato 15).

Si ricordano i normali orari di apertura dello spazio cittadino dedicato alla cultura: dalle 8 alle 18 dal lunedì al sabato.

Email inviata con successo

68% dei padovani beve l'acqua di rete

30/07/2020 11:39

Quasi il 70% dei padovani apprezza e utilizza regolarmente l’acqua del rubinetto. É quanto emerge dall’analisi La Tua Acqua, svolta dai gestori del servizio idrico AcegasApsAmga, Cafc, Irisacqua insieme a Coop Alleanza 3.0.

L’iniziativa congiunta è nata dalla volontà di scoprire cosa pensano i cittadini dell’acqua di rubinetto distribuita nei territori di Trieste, Gorizia, Udine e Padova, con l’obiettivo di trarre spunti per campagne di comunicazione e sensibilizzazione verso la cittadinanza per promuovere l’utilizzo dell’acqua di rete.

FIDUCIA NEI CONTROLLI

Sono stati circa 1.500 i cittadini che hanno compilato il questionario online e nei supermercati Coop, esprimendo così le loro preferenze ma anche le perplessità sull’utilizzo dell’acqua di rete che arriva nelle loro case. Dai risultati emerge che due terzi dei cittadini preferisce bere l’acqua di rubinetto, grazie anche alla fiducia sui controlli svolti quotidianamente sulla qualità dell’acqua.

Per quanto riguarda il dettaglio dei risultati di Padova, emerge innanzitutto come dai 40 anni in su, aumenti progressivamente il consumo di acqua di rete. Se nelle fasce di età fino a 44 anni mediamente il 63% dichiara di bere sempre o spesso l’acqua del rubinetto (dato comunque apprezzabile), a partire dai 45 anni si sale progressivamente, fino al 75% dei padovani oltre i 60 anni.

LE RAGIONI

Per quanto riguarda le ragioni della preferenza dell’acqua di rete, Padova rispetto agli altri territori analizzati, pare avere una sua peculiarità tutta “ambientalista”. L’acqua del Sindaco infatti, viene scelta in primo luogo perché “non produce rifiuto plastico” (28%), denotando una forte sensibilità anche a un tema spesso trascurato dell’uso dell’acqua in bottiglia. Tanto che l’Italia risulta ancora al terzo posto, dopo Messico e Thailandia, nella classifica mondiale per consumo pro capite di acqua in bottiglia.

A seguire di questa prima ragione di scelta, ve ne sono poi altri due piuttosto funzionali: “è comoda” (27%) ed “è economica” (23%). Del resto, come rendicontato sul report “In buone acque”, pubblicato annualmente dal Gruppo Hera, scegliendo di bere acqua di rubinetto una famiglia di 3 persone può arrivare a risparmiare anche 440 euro l’anno.

POCHI TIMORI LEGATI ALLE TUBATURE

L’indagine ha anche sondato quali siano, specularmente, le ragioni per cui può esistere diffidenza rispetto all’acqua del rubinetto. Coerentemente con la generale propensione al consumo di acqua di rete, le risposte che esprimono timori sono complessivamente infatti assai esigue.

Le perplessità maggiori discendono dal timore di eventuali contaminazioni dell’acqua nel fluire lungo le tubazioni sia pubbliche private. Tuttavia, solo il 7% dei cittadini ha dichiarato di aver effettuato le analisi alle tubature di casa: da questo potrebbe emergere una componente più emotiva e psicologica che influenzerebbe la propensione a non utilizzare dell’acqua di rubinetto perché si ritiene possa essere contaminata dalle tubazioni.

Email inviata con successo

Ostellari presidente della Comm. Giustizia

30/07/2020 09:28

Il senatore leghista Andrea Ostellari è stato confermato alla presidenza della Commissione Giustizia eletto con 13 voti favorevoli. "Con il voto segreto vengono premiati il buon lavoro e la competenza della Lega. La maggioranza e' in frantumi, completamente saltato l'inciucio 5Stelle-Pd'" ha detto il il leader della Lega Matteo Salvini.

Saltato l'accordo che prevedeva di portare alla presidenza della commissione Pietro Grasso, che ha ottenuto 11 voti.

Email inviata con successo

Canali cittadini puliti da piante "acquatiche"

30/07/2020 08:47

Nei giorni scorsi è stato avviato il taglio sperimentale delle piante acquatiche che crescono sul fondale del canale Piovego. Un tipo nuovo di intervento, con una modalità "antica".

Lo sfalcio, che serve a limitare la proliferazione delle alghe nel tratto di Ponte Molino, ed il conseguente ristagno di rifiuti flottanti e di resti organici, è svolto a mano da operatori dotati di falce e stivali.

"Questo modo di operare - racconta l'assessore al verde Chiara Gallani - è nelle condizioni date, il migliore, per due ragioni: in quel tratto, il canale è poco profondo, ed ostacola l'utilizzo di attrezzature più performanti come, per esempio, imbarcazioni dotate di barra falciante meccanizzata; la vegetazione acquatica è presente in quantità ingente, e deve essere sfalciata con gradualità per evitare che si formino accumuli di biomasse vegetali che ostacolino il deflusso delle acque. Interventi manutentivi così manuali, caduti in disuso, restano insomma gli unici in grado di contrastare l'iperproliferazione delle piante acquatiche. E lavorare a mano - conclude -, permette di agire con maggior rispetto per la biodiversità dei canali".

Per tutte le informazioni clicca QUI.

Email inviata con successo

Cuamm: volo d'emergenza in Sud Sudan causa Covid

29/07/2020 11:20

È partito dalla Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) di Brindisi, questa mattina, un volo umanitario diretto a Juba, capitale del Sud Sudan, con un carico di materiali indispensabili per rispondere all’emergenza Covid-19 nel Paese, messi a disposizione da Agenzie delle Nazioni Unite, Ong italiane e internazionali. Il volo è il risultato di una sinergia proficua tra una serie di attori. Parte del materiale è stato raccolto da Medici con l’Africa Cuamm, presente in Sud Sudan dal 2006 a sostegno di 140 strutture sanitarie, ed è il frutto della generosità di diversi donatori italiani e internazionali.

Il volo è stato organizzato dalla Direzione Generale per la Protezione Civile e le operazioni di aiuto umanitario europeo (DG ECHO) della Commissione europea, in collaborazione con la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

I materiali raccolti dal Cuamm e inviati in Sud Sudan comprendono termometri a infrarossi e concentratori di ossigeno, ma anche filtri e serbatoi per l’acqua ed ecografi portatili: verranno distribuiti in cinque ospedali sostenuti dall’organizzazione che complessivamente in un anno forniscono cure e servizi ad una popolazione di oltre un milione di persone. In queste strutture Medici con l’Africa Cuamm ha allestito negli ultimi mesi aree e tende di isolamento per i casi sospetti o confermati di Covid-19.

Con il materiale inviato, Medici con l’Africa Cuamm potrà supportare al meglio le strutture sanitarie sud sudanesi per la risposta all’emergenza e migliorarne le condizioni igienico-sanitarie per il futuro dati i bisogni sanitari sono cronicamente alti. "L’operazione – spiega don Dante Carraro, direttore di Medici con l’Africa Cuamm – è stata facilitata dal partenariato tra Cuamm e le Basi di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) gestite dal Programma Alimentare Mondiale, tra cui figura Brindisi, collaborazione avviata in piena emergenza Covid nell’aprile 2020. Un accordo prezioso e strategico che permette di accedere a una rete di voli e hub umanitari sempre attivi, per garantire il trasporto tempestivo di materiali indispensabili in situazioni di emergenza".

I cinque ospedali interessati (Rumbek, Yirol, Cueibet, Lui e Maridi) ricevono una media di 21.000 pazienti ambulatoriali al mese, che ad oggi sono sottoposti allo screening all'ingresso per escludere la presenza di positivi al virus. L'Ospedale di Rumbek è stato il primo ad attivare un sistema interno di prevenzione e gestione dell'epidemia: in tre mesi sono state 15.000 le persone sottoposte ai controlli prima di accedere ai servizi ospedalieri.

La sfida di mettere in sicurezza ospedali e comunità coinvolge anche gli altri 7 paesi in cui Medici con l’Africa Cuamm è presente. Per ciascuno occorre assicurare mascherine, tute e guanti per il personale dell’ospedale, ma anche termometri e saturimetri, oltre che fare formazione al personale e sensibilizzare le comunità sulla gestione di casi Covid-19.

Email inviata con successo

Strade chiuse in città per lavori, ecco dove

29/07/2020 10:55

Saranno chiuse temporaneamente al traffico veicolare:

- Riviera Albertino Mussato, tratto compreso tra via Rolando Da Piazzola ed il numero civico 6, da giovedì 30/07/2020 a venerdì 31/07/2020 dalle ore 8.00 alle ore 18.00, per un intervento di manutenzione urgente ad un presa gas;

- via Giacomo Andrea Giacomini, tratto prospiciente il numero civico 6, da lunedì 3/08/2020 a martedì 4/08/2020 dalle ore 8.00 alle ore 18.00, per un intervento di riparazione della condotta fognaria;

- via Pietro Pomponazzi, tratto secondario compreso tra i numeri civici 27 e 29, giovedì 30/07/2020, dalle ore 8.00 alle ore 12.00, per poter effettuare un getto di calcestruzzo in un cantiere edile;

- Per un intervento di pulizia idrodinamica con canal jet e di video ispezione del tratto della condotta fognaria, via Cesare Battisti, tratto compreso tra via Santa Sofia e via Santa Caterina, domenica 2/08/2020, dalle ore 8.00 alle ore 13.00, con contemporanea inversione dell’attuale senso unico di circolazione in via Santa Sofia, tratto compreso tra via C. Battisti e via S. Francesco, con questa nuova direzione di marcia; via San Francesco, tratto compreso tra via Santa Sofia e via G. Galilei, con questa direzione di marcia; via Cesare Battisti, tratto compreso tra via Ospedale Civile e via Santa Caterina, con questa direzione di marcia. In via Damiano Chiesa infine, verrà istituito il senso unico alternato “a vista”.

Email inviata con successo