Fisco: 192 scadenze per imprese e professionisti

15/09/2020 09:16

Scatta domani il "tour de force" del fisco per imprese e professionisti, che si troveranno a dover onorare 187 versamenti, di cui 13 posticipi provocati dal Covid-19, due comunicazioni e tre adempimenti, per un totale di 192 scadenze. "Una giornata campale - afferma l'Ufficio studi della Cgia di Mestre - che metterà a dura prova la tenuta finanziaria di tantissime imprese, soprattutto di piccola dimensione".

Non tutte le 192 scadenze andranno subito rispettate, tuttavia la giornata sarà molto impegnativa, soprattutto dal punto di vista economico, e la quota da versare all'erario sarà molto impegnativa.

Tra le principali scadenze, in particolare, l'Iva, i contributi previdenziali, l'Ires, l'Irap e il saldo/acconto Irpef (queste ultime per coloro i quali hanno optato per la rateizzazione). Sono 13 i pagamenti sospesi in questi ultimi mesi, a seguito della crisi sanitaria da Covid-19. Con il decreto di agosto (in fase di conversione di legge) è prevista un'ulteriore parziale proroga: il 50% si può versare in un'unica soluzione entro il 16 settembre o in quattro rate mensili di pari importo, di cui la prima sempre domani; il restante 50% si può rateizzare al massimo in 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata dal 16 gennaio 2021.

Per il segretario della Cgia, Renato Mason, "aspettando che arrivino i soldi del Recovery Fund, il Governo ha l'obbligo di mettere mano al sistema fiscale e renderlo più giusto ed equo. Solo con una tassazione a livello europeo possiamo porre le basi affinché il nostro settore produttivo possa confrontarsi ad armi pari con i concorrenti stranieri".

Email inviata con successo

Photo Open Up, via alla seconda edizione

15/09/2020 08:48

Torna a Padova la grande fotografia, con la seconda edizione del Festival Photo Open Up che si snoderà lungo un percorso espositivo attraverso i principali spazi espositivi della città dal 26 settembre al 25 ottobre. E’ una edizione che inevitabilmente fa i conti con le limitazioni dovute al Covid con l’impossibilità per molti autori, istituzioni museali e culturali di operare e prestare le opere, ma che proprio grazie a questa situazione coglie l’occasione per raccontare come la fotografia contemporanea racconti il quotidiano, gli oggetti comuni e i paesaggi che dietro a un apparente aspetto ordinario celano delle visioni “altre” , significati e sentimenti che lo sguardo frettoloso di tutti i giorni non riesce a cogliere. Una riflessione che il festival riassume nel titolo di quest’anno: “Latitudini Quotidiane”.

Il Festival propone diverse mostre che, attorno al tema prescelto, accendono un riflettore sulla fotografia contemporanea con oltre sessanta artisti, partendo da quella nazionale per allargarsi a quella internazionale, con un'esposizione dedicata alla fotografia cinese e una a quella iraniana, per arrivare fino alle sperimentazioni più innovative legate all’immagine dei nostri giorni.

A questo respiro nazionale e internazionale si affianca l’attenzione alla città attraverso alcune mostre che valorizzano sconosciuti materiali d’archivio, ma anche autori e realtà che sono i nuovi occhi del territorio.

Il Festival si snoderà lungo un percorso espositivo attraverso i più importanti musei e location del centro cittadino: si parte idealmente dai Musei Civici agli Eremitani e Palazzo Zuckermann attraversando le vie principali toccando Galleria Cavour, Palazzo Moroni e arrivando alla suggestiva struttura della Cattedrale Ex Macello.

Date le restrizioni imposte dalla pandemia in corso, il Festival sarà anche sul web e sui canali social con una serie di iniziative come talk e incontri con l’autore.

Le mostre saranno visitabili, gratuitamente, dal venerdì alla domenica con orario 10- 19 e l’accesso sarà regolamentato secondo le norme anticovid in vigore.


Email inviata con successo

Interruzione servizio idrico a Rubano

14/09/2020 14:31

Nella notte tra giovedì 17 e venerdì 18 prossimi una parte del territorio comunale di Rubano sarà oggetto di un intervento di manutenzione, finalizzato alla attività di ricerca di perdite, effettuato dal personale tecnico del Settore Idrico di Etra.

L’intervento si inserisce nell’ambito delle attività di ricerca programmata delle perdite finalizzate alla conservazione della risorsa idrica in un’ottica di maggiore sostenibilità.

Si segnala pertanto che a partire dalle ore 24.00 di giovedì 17 settembre fino alle 6.00 di venerdì 18 settembre sarà possibile il verificarsi di interruzioni totali del servizio idrico e cali di pressione dell’acqua agli utenti delle seguenti zone e vie:

- Area a sud di Via Provvidenza nel tratto compreso tra Via Galilei e Via Brentelle, in particolare:

Dante Alighieri

Dei Campolongo

Fatima

Giotto

Manzoni

Provvidenza tra Via Galilei e Via Brentelle

San Antonio

Schiavi

Valeri

Verdi

- Quadrilatero Mazzini – Boschetta – Borromeo – Brenta:

Arno

Bacchiglione

Battisti

- Borromeo tra incrocio con Via Vernise Frascà e campi da Rugby:

Boscato

Boschetta

Brenta

Brunacci

Cairoli

De Nicola

Einaudi

Filzi

Fratelli Bandiera

Gatari

Gloria

Gronchi

Mazzini

Mussato

Orsato

Pellico

Pertini

Piovego

Po tra incrocio con Via Brenta e Via Moiacche

Rolandino

Saragat

Sartori

Segni

Si invita pertanto l’utenza a spegnere elettrodomestici e altre apparecchiature che utilizzano acqua, durante le ore previste per l’esecuzione dei lavori.

La stabilizzazione definitiva della pressione avverrà nell'arco di qualche ora nella mattinata di venerdì 18.

Nel caso l'acqua si presentasse con una lieve torbidità, prima di utilizzarla è sufficiente farla scorrere per alcuni minuti fino a che non ritorna limpida.

Se il problema dovesse persistere i Clienti sono invitati a contattare il Servizio manutenzione al numero verde 800 566766. In caso di maltempo l’intervento verrà rinviato di una settimana, ovvero alla notte tra giovedì 24 e venerdì 25 settembre.

Email inviata con successo

Padovanonsiferma: pranzo con Casa Priscilla

14/09/2020 11:30

Un mezzogiorno di festa quello di domenica per oltre un centinaio di amici della onlus "Casa Priscilla" allo spazio "The Lake" vicino al laghetto di Camin.

Ed un'occasione anche per finanziare la nuova struttura di via Vlacovich che ospiterà i bambini che attualmente sono accuditi da suor Miriam e dagli operatori della struttura della Diocesi che si occupa di minori in emergenza sociale ed abitativa.

Ad organizzare il pranzo di finanziamento, il primo dopo che la nuova struttura è stata acquistata dalla Onlus con un rogito da 320mila euro a favore del Comune, è stata l'associazione PadovaNonSiFerma, il gruppo di ristoratori che durante il lock down ha sostenuto i reparti covid, le cucine popolari e strutture come Casa Priscilla, con oltre 15.000 pasti realizzati e consegnati gratuitamente dagli imprenditori aderenti all'associazione, presieduta dal ristoratore milanese Ivan Totaro.

Al termine del pranzo ha superato la cifra di 6000 euro la colletta organizzata informalmente: l'intero ricavato in quanto il menù è stato cotto e donato gratuitamente con il salumificio Fratelli Scapocchin che ha donato la carne ed i salumi, Balan e Carsberg hanno donato le bibite, Casa Vecchiato 1889 ha donato pane e grissini, Box Pizza la Trattoria Nalin e Shangai di via Marsala si sono occupati dei primi mentre le pasticcerie Le Sablon e Racca si sono occupate della frutta donata da Fruit Service facendone una doppia torta tagliata in 120 fette, tanti erano gli ospiti di ieri. Hamerica's, Caffeine assieme a Diemme Caffè si sono occupati del dopo dolce.

"E' stato un lavoro di squadra - ha detto Ivan Totaro - che continua e continuerà tutto questo ed anche il prossimo anno. Perchè una associazione che si chiama PadovaNonSiFerma apputno, non può fermarsi".

Email inviata con successo

Fiera: nuovo format per 'Casa su misura'

14/09/2020 11:06

Il mondo della casa, dell’arredo e dell’architettura sempre più protagonisti alla Fiera di Padova grazie a una nuova manifestazione e alla ridefinizione dei contenitori esistenti.

Due le novità: il 18 e il 19 novembre prima edizione di Africa ArchitecTour, appuntamento B2B dedicato alle eccellenze italiane dell’architettura, dell’interior design e dell’arredamento che incontreranno i buyer di nove paesi africani ad alto tasso di crescita; nel maggio 2021, poi, Casa su Misura troverà accoglienza all’interno della Fiera Campionaria, portando in dote la sua lunga storia e il suo brand riconosciuto dai padovani (e non solo).

Padova Hall aggiunge così un nuovo tassello alla strategia di ripartenza e di ridefinizione del calendario espositivo padovano dopo gli stop forzati del 2020 causati dalla pandemia da Coronavirus. "Il mondo dell’abitare è uno dei punti fermi per la Fiera di Padova – afferma Luca Veronesi, direttore Padova Hall – e con questa nuova formula proseguiamo nell’identificazione di format più adatti alle sempre nuove tendenze del mercato, ascoltando le esigenze degli operatori economici e i gusti del pubblico. Assieme alla ridefinizione di Casa su Misura, lanciamo una nuova iniziativa all’insegna di internazionalizzazione, Africa ArchitecTour, format B2B destinato a far incontrare le eccellenze italiane, e in particolare venete, con i buyer di nove paesi africani ad alto tasso di crescita. Un posizionamento distintivo che fa parte di una strategia complessiva che proietta Fiera di Padova e il territorio in nicchie internazionali ancora da sviluppare".

Africa ArchitecTour porterà a Padova il 18 e 19 novembre buyer di Marocco, Etiopia, Ghana, Costa d’Avorio, Nigeria, Sudafrica, Camerun, Senegal e Benin. Tutti Paesi verso i quali l’export del nostro Paese cresce a un tasso superiore del 6% annuo. Gli operatori in arrivo dall’Africa sub-sahariana incontreranno aziende del Made in Italy e studi nazionali di architettura attraverso un fitto programma di matching B2B e tavole tematiche. Tra le tante aziende che hanno già aderito al nuovo evento ci sono rappresentanti di un vasto mondo che va dall’arredamento per abitazioni e uffici (mobili, cucine, camere, sedute etc) all’interior design (illuminazione, mosaici, marmi, complementi), dai professionisti della progettazione (architetti e urbanisti) alle nuove tecnologie della domotica (sicurezza, automazione, smart-home). L’evento, che vede in prima linea le aziende del Nordest, è organizzato con il supporto di ICE, Regione Veneto, Promex, Nuovo Centro Estero delle Camere di Commercio del Veneto e Made in Vicenza.

Per quanto riguarda Casa su Misura dopo un positivo confronto con le categorie economiche della città (Confesercenti, Confartigianato Imprese Padova, Cna e Ascom Confcommercio) si è decisa una nuova collocazione del salone all’interno della Campionaria. Obiettivo comune: valorizzare, all’interno di un contesto più grande, la produzione locale (e non solo) del settore del mobile e della casa consentendo alle aziende di raggiungere un pubblico ancora più vasto. L’edizione 101 della Fiera Campionaria, nel maggio 2021, vedrà quindi una vasta area caratterizzata dal marchio Casa su Misura e permetterà alle aziende del territorio di accedere a un bacino ancor maggiore di clientela. "Il mobile, alla Fiera di Padova, è stato storicamente un elemento fieristico importante per molti decenni – dichiara Nicola Rossi, presidente di Confesercenti del Veneto Centrale –, e mi fa piacere ricordare che il Salone Triveneto del Mobile nacque negli anni ‘50 proprio nella Campionaria per poi diventare un vero e proprio punto di riferimento su scala nazionale tra gli anni ‘70 e ‘90. Oggi Casa su Misura esprime sicuramente il gusto e la raffinatezza dei nostri artigiani nonché la capacità distributiva dei nostri commercianti. Auspichiamo quindi che, con questa nuova conformazione, in cui vengono concentrate le risorse in una manifestazione più grande, Casa su Misura continui ad essere un riferimento per questo settore a livello nazionale".

"Casa su misura è da sempre un appuntamento importante per le imprese del comparto casa aderenti alla nostra associazione – spiega Roberto Boschetto, Presidente di Confartigianato Imprese Padova –. Ora più che mai, vogliamo fare squadra per individuare soluzioni efficaci di visibilità e promozione per le imprese del territorio. Per questo, siamo stati da subito disponibili a trovare, insieme a PadovaFiere, una diversa collocazione ad un evento che siamo certi continuerà ad essere di grande attrattivà per il pubblico padovano e non solo".

"Data la difficile situazione economica legata all'emergenza Covid – è il commento Luca Montagnin, presidente di CNA Padova –, le aziende legate alla filiera del mobile valutano positivamente la decisione di far confluire la storica manifestazione di settore nel contenitore della Campionaria, che garantisce un ampio flusso di visitatori".

"La forzata permanenza in casa durante il lockdown ha evidenziato l’esigenza, da parte delle famiglie, di una rimodulazione degli spazi abitativi – afferma il presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova Patrizio Bertin –. Collocare Casa su Misura all’interno della Campionaria del prossimo maggio va dunque nella giusta direzione: quella di offrire ad un pubblico molto più vasto l’opportunità di conoscere da vicino la grande e qualitativamente elevata produzione delle aziende del nostro territorio".

Email inviata con successo

Planetario: evento speciale il 3 ottobre

14/09/2020 11:04

L'estate sta finendo ma al Planetario di Padova continuano gli eventi astronomici speciali. Sabato 3 ottobre grande serata a tema spaziale: alle ore 20.30, nell'aperto del Parco dell'Ex Macello dove si trova il Planetario, la conferenza “INTERSTELLAR: Le Voyager oltre i confini del nostro tempo” tenuta da tre ospiti d'eccezione: gli astronomi Matteo Miluzio. Lorenzo Colombo e Filippo Bonaventura di “Chi ha Paura del Buio” , tra i gruppi Facebook di divulgazione scientifica più seguiti in Italia. Un tema oggi più che mai attuale: a oltre 40 anni dal loro lancio entrambe le sonde Voyager ora sono nello spazio interstellare. Pochi dati, un segnale debole, ma sono ancora in grado di comunicare con noi. Percorreremo, insieme, uno dei viaggi più straordinari che gli uomini abbiano mai intrapreso, un segno della loro infinita speranza e determinazione e del loro disperato bisogno di sopravvivere al loro tempo in un universo vasto e fantastico.


La serata proseguirà con le osservazione del cielo ai telescopi, riconoscimento delle costellazioni più evidenti del cielo di inizio autunno e proiezioni promozionali nella sala cupola del Planetario.


Biglietto 10 euro. Prenotazioni sul sito www.planetariopadova.it o scrivendo a [email protected]

Email inviata con successo

Martedì 15 settembre sciopero alla Fedex TNT

13/09/2020 12:36

Filt Cgil Padova annuncia: martedì 15 settembre i lavoratori che operano nel turno serale e notturno nei magazzini di Fedex TNT sciopereranno.

Queste le motivazioni. "Lo sciopero è diventato inevitabile quando abbiamo riscontrato la volontà dell'azienda che ha in appalto la gestione del magazzino, di procedere al decurtamento della quota prevista dall'Accordo Integrativo Regionale Veneto e la sostanziale indifferenza di Fedex tnt a questa operazione. L'hanno voluto loro: adesso pretendiamo l'applicazione del Contratto Collettivo Nazionale della Logistica”, ha commentato Andrea Rizzo, segretario provinciale della Filt Cgil di Padova.

SCIOPERO. È quanto deciso al termine Dell’assemblea, tenutasi in settimana, dei lavoratori di Eurocoop S.r.l. – l'azienda che ha in appalto la gestione del Magazzino Fedex Tnt in Zona Industriale a Padova – dopo che la loro richiesta di vedersi aggiunta in busta paga, come spetta loro di diritto, la quota prevista dall’Accordo Integrativo Regionale Veneto è stata cassata dai vertici aziendali. E dunque sciopero, dalle 16.00 di martedì 15 settembre fino alle ore 06 del giorno successivo.


“E non solo – promette Rizzo – contemporaneamente verrà effettuato un presidio informativo presso l'accesso principale del Magazzino di Via Inghilterra, dove distribuiremo materiale informativo e dove potrebbero verificarsi sporadici rallentamenti al passaggio dei veicoli, diciamo…". "Sono gli strumenti – spiega il sindacalista della categoria dei trasportatori e degli addetti alla logistica – che i lavoratori hanno a disposizione per cercare di ottenere quel che spetta loro di diritto. Riteniamo ingiusto che l'azienda abbia sostituito la quota prevista dall’Accordo Integrativo Regionale Veneto in cambio dei buoni pasto e ora non voglia riconoscerla come prevede il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro che, a questo punto, è quello che chiedono I lavoratori che si riconoscono nella Filt Cgil: vogliono vedersi applicato il Contratto Nazionale della Logistica. Niente di più e niente di meno di quel che spetta loro di diritto". "La verità – conclude Andrea Rizzo – è che se siamo arrivati a questo punto è anche per l'atteggiamento di sostanziale indifferenza, dimostrato fino ad ora da Fedex Tnt, riguardo alle questioni da noi sollevate. Non è raro, purtroppo, che le aziende committenti si comportino così nell’ambito della logistica ma non è accettabile. È per questo motivo che quando ci incontreremo con i dirigenti di Eurocoop S.r.l. chiederemo anche la presenza di Fedex Tnt. La riteniamo una condizione necessaria per una soluzione definitiva delle questioni che abbiamo posto sul tavolo. Oppure continueremo con gli scioperi, i presidi e lo stato di agitazione. Ne stiano certi".

Email inviata con successo

Coldiretti: scatta la corsa ai porcini

13/09/2020 12:26

Scatta la corsa a porcini, finferli, trombette, chiodini nei boschi italiani con le piogge delle ultime settimane che hanno creato le condizioni favorevoli alla crescita dei funghi, soprattutto al Nord e nelle zone appenniniche mentre al Sud si dovrà ancora attendere.

In Veneto si annuncia una stagione più che favorevole – sottolinea Coldiretti - per tutte le specie che si trovano nei boschi galletti, porcini, mazza di tamburo, finferli. E’ buona la raccolta in Cadore, nell’agordino, nella Val Zoldana e nelle zone colpite dalla tempesta Vaia, quindi pure nel vicentino sull’Altopiano, dove continua la proliferazione dopo lo stop dovuto allo schianto di alberi.

E’ quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti sull’inizio delle attività di raccolta lungo la Penisola che registra un vero boom spinta dal ritorno del bel tempo ma anche dalla voglia di trascorrere tempo libero all’aria aperta passeggiando tra i boschi senza stress da distanziamento sociale per l’emergenza covid. Un’opportunità anche per gli 8,8 milioni gli italiani che hanno scelto di trascorrere almeno parte delle vacanze a settembre, secondo l’indagine Coldiretti-Ixe’, mese ideale proprio per il turismo ambientale e le passeggiate in montagna, nei parchi e nelle campagne rispetto alle mete tradizionali.


E’ necessario tuttavia evitare le improvvisazioni e seguire alcune importanti regole che – precisa la Coldiretti – vanno dal rispetto di norme e vincoli specifici presenti nei diversi territori, alla raccolta solo di funghi di cui si sia sicuri e non fidarsi assolutamente dei detti e dei luoghi comuni, ma anche rivolgersi sempre, in caso di incertezza, per controlli ai Comuni o alle Unioni micologiche e utilizzare cestini di vimini ed evitare le buste di plastica.

La nascita di porcini, chiodini, finferli e altre varietà – sottolinea la Coldiretti – per essere rigogliosa richiede come condizioni ottimali terreni umidi senza piogge torrenziali, una buona dose di sole e 18-20 gradi di temperatura all’interno del bosco. Una risorsa importante per un Paese come l’Italia che puo’ contare su circa 11,4 milioni di ettari di bosco che copre il 40% della superficie del Paese, segnati spesso purtroppo – precisa la Coldiretti - dall’abbandono, incuria e dall’azione criminale dei piromani. L’attività di ricerca – continua la Coldiretti – non ha solo una natura hobbistica che coinvolge moltissimi vacanzieri e svolge anche una funzione economica a sostegno delle aree interne boschive dove rappresenta un’importante integrazione di reddito per migliaia di “professionisti” impegnati a rifornire negozi e ristoranti di prodotti tipici locali, con effetti positivi sugli afflussi turistici.

Per i meno avventurosi il consiglio è comunque quello di recarsi nei mercati di Campagna Amica dove molto spesso è possibile acquistare anche funghi coltivati. In questo caso la Coldiretti invita a verificare l’indicazione il luogo di raccolta o coltivazione, dell’origine in etichetta o su appositi cartellini che deve essere riportato obbligatoriamente. Le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l’indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, compresi tartufi e funghi spontanei. Una garanzia – continua la Coldiretti - per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti nella Penisola o se sono arrivati in Italia da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualità e sicurezza alimentare. I funghi sono ricchi di proteine e fibre, poco calorici, poveri di sodio e ricchi di potassio e in Italia durante l’anno – conclude Coldiretti – se ne consumano in media circa un chilo a testa.

IL DECALOGO DI COLDIRETTI PER IL “CACCIATORE DI FUNGHI”

– Documentarsi sull’itinerario e scegliere i percorsi adatti alle proprie condizioni fisiche

– Comunicare a qualcuno il proprio tragitto evitando le escursioni in solitaria

– Attenzione ai sentieri nel bosco che possono diventare scivolosi a causa della pioggia

– Consultare i bollettini meteo e stare attenti al cambio del tempo

– In caso di rischio fulmini non fermarsi vicino ad alberi, pietre e oggetti acuminati

– Usare scarpe e vestiti adatti con scorte di acqua e cibo.

– Non raccogliere funghi sconosciuti

– Verificare i limiti alla raccolta di funghi con i servizi micologici territoriali

– Pulire subito il fungo da rami, foglie e terriccio

– Per il trasporto meglio usare contenitori rigidi e areati che proteggono il fungo

Email inviata con successo

The Struts a Padova Concerto annullato

11/09/2020 14:49

Il tour italiano dei The Struts, programmato per lo scorso luglio, è cancellato e non potrà essere recuperato. La band avrebbe dovuto esibirsi il 12 luglio al Rock in Roma, il 14 a Padova, il 15 a Brescia. Gli organizzatori fanno sapere di essere al lavoro per riportare la band in Italia nel 2021. Nel frattempo, The Struts hanno pubblicato il video del loro nuovo singolo con Robbie Williams. Per i tre show cancellati sarà possibile richiedere il rimborso monetario a partire dal 18 settembre 2020 e non oltre il 17 ottobre 2020.

Email inviata con successo

Testimonianza di donne vittime di violenza

10/09/2020 14:03

"Com'eri vestita? - Rispondono le sopravvissute alla violenza sessuale”: al via dal 14 al 24 settembre '20, nello spazio espositivo al piano terra del Centro Culturale Altinate San Gaetano, la tappa padovana della mostra-installazione errante promossa da Cerchi d’Acqua, Centro antiviolenza Contro la violenza alle donne Contro la violenza in famiglia con il sostegno di D.I.Re Donne in Rete contro la violenza.

Esposti in mostra, e accompagnati da brevi suggestioni che le donne hanno voluto condividere, sono gli abiti delle vittime di violenza che rappresentano simbolicamente quelli indossati durante l’esperienza subita.

"Com'eri vestita?", una domanda troppo spesso rivolta alle donne, vuole puntare i riflettori su chi subisce violenza e non su chi la agisce e vuole essere testimonianza, occasione di riflessione e confronto sul tema della parità di genere per sfatare gli stereotipi e continuare ad aiutare le donne a trovare la forza per liberarsi dalla violenza.

La mostra-installazione, nella tappa padovana è parte del progetto “Step 4 Young: conoscere per riconoscere” del Centro Veneto Progetti Donna.

L’esposizione promossa da Cerchi d’Acqua con il sostegno di D.I.Re è partita due anni fa da Milano e si muove attraverso i centri antiviolenza del territorio nazionale.

A Padova è realizzata dal Centro Veneto Progetti Donna con il contributo del Comune di Padova, della Regione Veneto, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Ingresso gratuito. Orario di apertura: dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 17.

Email inviata con successo