L'ATTACCO DELL'ASCOM

Spese di sanificazione
contributo solo del 15%

15/09/2020 15:07

Non ci sono solo i banchi che non ci sono nelle scuole.

Ci sono anche i contributi che non ci sono più per le imprese.

Nello specifico, per quanto riguarda il contributo relativo alle spese di sanificazione, nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 11 settembre viene infatti resa nota la percentuale che permette di calcolare l'importo spettante ad ogni richiedente: la misura del credito effettivamente utilizzabile è pari al 15,6423 per cento del credito richiesto. “In uno slancio di straordinaria burocrazia – commenta un deluso (termine eufemistico) presidente dell’Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin – si specifica che questa percentuale è il risultato del rapporto tra gli importi richiesti dai contribuenti entro il 7 settembre 2020, pari a 1.278.578.14 euro, ed il limite massimo di spesa fissato dalla legge in 200 milioni di euro. Risultato: chi aveva contato sul contributo (si parlava del 60%) adesso mastica amaro”.

Il problema, ancora una volta, come è accaduto già per i bonus delle autovetture, è quello degli annunci che sembrano non avere limiti ma che poi si scontrano con la realtà che invece i limiti di spesa li hanno eccome. “Dispiace – continua Bertin – vedere che ancora una volta le aziende non vedono coperti in modo adeguato i costi che hanno dovuto affrontare per far fronte al contenimento dei rischi dovuti al contagio Covid. Le imprese ci avevano fatto affidamento e a loro non si può imputare se, per rispondere all’esigenza di sicurezza, hanno investito sulla sanificazione convinti che, in questo sforzo, sarebbero state sostenute dallo Stato. A questo punto si rende necessario provvedere ad un rifinanziamento urgente dello stesso fondo e ad innalzarne l’importo. Diversamente la sfiducia avrà gioco facile nei confronti di chi, con fatica, sta cercando di ripartire”.


 
Nessun commento per questo articolo.