RAPPORTO TRA TEST E CONTAGI

L'Anpo: "Tamponi e test,
criteri vanno chiariti"

13/01/2021 16:08

"Il personale sanitario dell'Azienda Ospedaliera di Padova viene sottoposto a due tamponi in contemporanea, quello rapido e quello molecolare. Vorrei che venisse data un'informazione più puntuale: è importante non tanto il numero di tamponi in assoluto, quanto il numero di persone che sono testate rispetto ai contagi. Non è che il numero di tamponi eseguito corrisponda al numero delle persone testate, oppure, se così è, bisognerebbe dirlo. Ad esempio, nel nostro caso: facciamo due tamponi per ogni persona, se siamo 8mila sarebbe bene che, per chiarezza informativa, si sapesse se i prelievi vengono conteggiati per 16mila". Così il Presidente dell'Anpo di Padova, l'Associazione nazionale dei primari ospedalieri, dott. Giampiero Avruscio, sui dati che quotidiamente vengono forniti dalla Regione al Comitato Tecnico Scientico nazionale, in base ai quali si stabilisce il rapporto tra test eseguiti e contagi in un territorio. Dati che portano alla classificazione del rischio e alle relative restrizioni.


 

Guarda anche:

Nessun commento per questo articolo.