Tornano i sabati ecologici all'Arcella

24/02/2021 11:18

A partire da sabato 27 febbraio, ogni ultimo sabato del mese, tornerà in piazzale Azzurri d’Italia l’appuntamento con i “Sabati Ecologici”, iniziativa lanciata da Comune e AcegasApsAmga per essere più vicini alle esigenze dei padovani e contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti ingombranti nelle vie del territorio.

I cittadini troveranno come sempre ad accoglierli gli operatori della Multiutility, pronti ad assisterli nella consegna di quei rifiuti non conferibili nei contenitori stradali della raccolta differenziata, come ad esempio piccoli e grandi elettrodomestici, rifiuti da apparecchiature elettroniche ed elettriche (RAEE), materassi, divani, contenitori contaminati, pile e batterie, etc. L’accesso contingentato sarà consentito nel rispetto delle misure adottate in materia di contenimento e gestione dell’emergenza COVID-19 e verrà disciplinato dagli operatori.

2.300 ACCESSI E OLTRE 100 TONNELLATE DI INGOMBRANTI

I Sabati Ecologici hanno riscosso da subito un grande successo tra i padovani, in particolare residenti dell’Arcella. Dal 2018, anno di lancio dell’evento, ad oggi sono state raccolte più di 100 tonnellate di materiale ingombrante in 28 giornate di servizio. Negli ultimi due anni l’affluenza è stata di oltre 2.300 accessi, con un picco di 180 accessi lo scorso mese di settembre. Tra gli ingombranti più conferiti si trovano al primo posto i materassi, seguiti da reti del letto, divani, mobiletti e sedie in plastica. Successivamente, il legno rappresentato per la maggior parte da porte, sedie, comodini e bancali. Televisori, monitor e frigoriferi sono gli elettrodomestici più raccolti in occasione dei Sabati Ecologici in piazzale Azzurri d’Italia, dove è possibile conferire anche i tubi al neon dismessi.

SABATO DEL RIUSO

Accanto all’area destinata alla raccolta rifiuti, i cittadini troveranno anche il desk gestito dall’Associazione “Rete Riuso Padova”, a cui donare in alternativa al conferimento ad AcegasApsAmga. Gli oggetti, anziché essere trattati come rifiuti, potranno essere risistemati e quindi portati a nuova vita. Quanto raccolto da Rete Riuso Padova contribuirà a sostenere programmi di inserimento lavorativo, servizi di accoglienza residenziale e progetti di solidarietà. Inoltre, la promozione del riuso mira a sensibilizzare tutti verso una cultura del consumo responsabile e del risparmio sia economico che di risorse. Gli operatori di Rete Riuso raccoglieranno solo alcune tipologie di oggetti, fra cui: mobili, soprammobili, casalinghi, biciclette, dischi vinile, dvd, libri.

MODALITA' DI ACCESSO

In linea con le direttive di contrasto al Covid19, l'accesso al centro di raccolta mobile sarà regolato dagli operatori. L'ingresso sarà consentito a un massimo di due utenti alla volta, solo indossando mascherine, mantenendo una distanza interpersonale di almeno un metro tra i presenti.

L’obiettivo è quello di garantire la salute di cittadini e operatori, razionalizzando lo spostamento delle persone, minimizzando i rischi di assembramento e garantendo nel modo migliore possibile il rispetto di tutte le misure precauzionali.

CALENDARIO DEI SABATI ECOLOGICI

L’iniziativa si svolgerà ogni ultimo sabato del mese, sempre in piazzale Azzurri d’Italia, dalle ore 9 alle ore 13. Dunque, i prossimi appuntamenti che vedranno sempre la possibilità di donare anche oggetti riutilizzabili, si svolgeranno con il seguente calendario:

• 27 marzo

• 24 aprile

• 29 maggio

• 26 giugno

• 31 luglio

• 28 agosto

• 25 settembre

• 30 ottobre

• 27 novembre

• 18 dicembre

Email inviata con successo

Fondazione Cariparo: 40mln per il 2021

24/02/2021 07:13

Ammontano a 40 milioni di euro le risorse previste dalla Fondazione Cariparo per le attività filantropiche che verranno sostenute nel 2021. Una cifra che era stata già stanziata lo scorso ottobre.

Obiettivo della Fondazione per quest'anno - spiega una nota - è di essere a fianco delle comunità di Padova e Rovigo non solo attraverso l'apporto di risorse, ma anche di competenze e di crescita delle reti di relazioni.

I fondi saranno suddivisi in 8 linee strategiche nelle quali rientreranno tutte le iniziative (bandi e progetti) sostenute o promosse direttamente dalla Fondazione. "Stiamo monitorando l'evoluzione del contesto, con l'obiettivo di contribuire a superare la crisi generata dalla pandemia - spiega il presidente Gilberto Muraro - E seguiamo con la massima attenzione le iniziative messe in campo a livello europeo, nazionale e locale per poter agire ottimizzando le risorse e migliorando l'efficacia degli interventi. Allo stesso tempo le 8 linee strategiche, individuate nella nostra programmazione pluriennale, costituiscono il "cruscotto" che ci guida nella costruzione dei progetti, nella scelta degli interventi e nel fornire un indirizzo ai nostri stakeholder. È evidente che tali linee sono declinate in base ai bisogni emergenti e che, dato lo scenario estremamente variabile, questa programmazione di massima potrà subire alcune revisioni".

Le linee strategiche e la distribuzione delle risorse sono le seguenti: salute e corretti stili di vita (3 mln), formazione del capitale umano (7 mln, inclusione sociale (8 milioni di euro), ricerca e sviluppo (8 mln), partecipazione alla vita culturale (7,5 mln), valorizzazione del patrimonio artistico (4,5 mln), protezione e valorizzazione dell'ambiente e del paesaggio (1,5 mln), housing sociale (0,5 mln).

Email inviata con successo

Case a Padova valgono 1.950 al metro quadro

23/02/2021 13:32

A Padova aumenta la richiesta di bivani, di bifamiliari, di villette a schiera e di case indipendenti. Per contro diminuisce la richiesta di locali commerciali, di pentavani e di loft.

E’ quanto risulta dall’OMI, l’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate secondo il quale il prezzo degli appartamenti nelle 22 diverse zone nelle quali è divisa la città, è compreso tra 950 €/m² e 3.600 €/m² per la compravendita e tra 4,2 €/m² mese e 10,2 €/m² mese per quanto riguarda le locazioni.

Dati che sono stati analizzati dal consiglio della Fimaa Ascom Confcommercio che si è riunito, per un pranzo conviviale nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, presso il Pepe Nero di Noventana ed al quale sono interventi, oltre alla presidente Silvia Dell’Uomo anche i consiglieri Samuele Bozza, Alcide Chinello, Luigi Ferrarese, Monica Gilli, Antonio Lovison, Francesco Macola e Sandro Pintonello.

Si è così appreso che il prezzo medio degli appartamenti in vendita (1.950 €/m²) è di circa il 5% superiore alla quotazione media della regione ed è anche di circa il 18% superiore alla quotazione media della provincia che si attesta sui 1.650 €/m². “Se consideriamo che Padova – ha commentato la presidente Dell’Uomo - ha un prezzo medio degli appartamenti in vendita che è all’incirca il 48% in meno rispetto ai prezzi medi di Firenze che è la città italiana coi prezzi più alti ed il 106% in più rispetto ai prezzi medi di Reggio Calabria che è la città coi prezzi più bassi tra quelle comprese tra 100 e 500mila abitanti, viene da dire che la nostra città si colloca, per usare un gergo sportivo, nella parte sinistra della classifica, ovvero al di sopra della media nazionale”.

“Certo – ha proseguito Dell’Uomo – la pandemia ha cambiato molto il nostro lavoro, modificandolo piuttosto repentinamente, nel senso che le limitazioni agli spostamenti e dunque la maggiore presenza in casa, anche per lavoro, ha spostato l’interesse degli acquirenti su case un po’ più grandi e magari con un pezzetto di giardino”.

Email inviata con successo

A Discovery of Witches al Castello di Monselice

23/02/2021 12:22

La Rocca di Monselice sarà ancora la location della serie tv “A Discovery of Witches" prodotta per Sky Atlantic, dramma fantasy con vampiri e magia tratto dai best seller di Deborah Harkness.

Tra qualche giorno sarà avvolto da un’atmosfera perduta e insolita, adatta alla tipologia della serie e alla storia del Castello, uno dei più suggestivi di Padova e del Veneto.

Le ultime riprese erano state girate dal 17 al 26 ottobre 2019 per la seconda stagione e il castello era diventato un maniero popolato da creature magiche.

Email inviata con successo

AcegasApsAmga, in arrivo un questionario

23/02/2021 11:36

“Come vorrebbe essere informato sulla gestione dei rifiuti?”, “Quali sono le difficoltà che incontra nel differenziare?” ma anche “Quali sono gli ambiti in cui intervenire per la salvaguardia del Pianeta?”. Queste sono alcune delle domande che AcegasApsAmga pone ai cittadini mettendo al centro dell’indagine le loro idee e i loro contributi, non solo sulla gestione dei rifiuti ma anche sui temi della sostenibilità ambientale.

Obiettivo dell’indagine è ottenere spunti di miglioramento per una comunicazione sempre più vicina alle aspettative del cittadino nell’ottica di potenziare, con il contributo che ognuno potrà dare, la cultura della sostenibilità, del riciclo e dell’economia circolare.

Il questionario, che sarà compilabile presso gli sportelli della multiutility presenti nella città di Padova, permetterà di comprendere, inoltre, quali siano le reali esigenze dei cittadini in tema di raccolta differenziata e come queste esigenze siano cambiate nell’ultimo anno, anche per effetto dell’emergenza sanitaria.

Dal 23 febbraio al 12 marzo, i clienti potranno prendere parte a questa importante iniziativa recandosi presso lo sportello del servizio Tari di via J. Corrado, 1, aperto su prenotazione, e presso lo sportello del servizio idrico di Passaggio Saggin 3 nel complesso della Cittadella.

Email inviata con successo

Voucher Sapori Padovani come welfare aziendale

22/02/2021 16:13

Trasformare una criticità in opportunità. E’ quanto ha realizzato la Provincia di Padova grazie all’iniziativa “Sapori Padovani”, un voucher del valore di 30 euro che le imprese possono acquistare e offrire ai loro dipendenti come welfare aziendale.

La proposta è stata presentata dal presidente della Provincia di Padova Fabio Bui, dal consigliere delegato all’Agricoltura Fabio Miotti, da Coldiretti, Cia, Confagricoltura, grazie alla partecipazione di Assindustria, Ordine dei Consulenti del lavoro e dei Dottori Commercialisti.

E’ la prima volta che un'iniziativa legata all'agricoltura e alla promozione del territorio coinvolge queste realtà che hanno peraltro manifestato un grande entusiasmo ed una fattiva collaborazione, hanno fornito idee concrete per iniziare a lavorare assieme e offerto massima disponibilità al confronto. “Lavorare insieme – ha detto il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui – è la caratteristica che ci deve contraddistinguere in questo momento critico per uscire dall’emergenza. Oggi c’è il rischio di guardare il presente senza pensare in prospettiva, invece dobbiamo iniziare proprio dalle piccole iniziative concrete per generare buona economia, quindi imprese che aiutino altre imprese, magari nello stesso territorio. A Natale è stata una valida alternativa alla solita cesta, oggi sta prendendo piede e la proponiamo come opportunità per rilanciare l’economia. E’ un’idea originale per avvicinare la filiera produttiva agricola alle nostre tavole. Un’occasione per sostenere gli agricoltori locali e l’economia di prossimità, per favorire la prosperità e il benessere del nostro territorio”.

L’istituto denominato “Cessione di beni di modico valore” in altri termini il voucher, sta cominciando a prendere piede e non è più relegato esclusivamente alle aziende più importanti, ma anche a quelle più piccole perché sono beni esenti da tasse e non soggetti a contributi. “In questo periodo estremamente complesso – ha concluso Fabio Miotti – la Provincia di Padova vuole promuovere l’intero comparto che rappresenta le eccellenze a Km zero. Per rimanere accanto alle aziende agricole e tentare di trovare un’alternativa alle manifestazioni, abbiamo convertito la mostra mercato, in “buoni” acquistabili on line del valore di 30 euro e spendibili fino al 30 giugno presso le aziende agricole locali aderenti all’iniziativa “Sapori Padovani” www.saporipadovani.it. La proposta è stata condivisa da Assindustria, Ordine dei Consulenti del lavoro e dei Dottori Commercialisti, che si sono impegnati a divulgare la possibilità di inserire i “buoni acquisto” all’interno del welfare aziendale, in modo che possa diventare un’opportunità reciproca per le imprese: l’esenzione fiscale per l’una e l’occasione di fare conoscere i propri prodotti per l’altra. Da un lato quindi è emersa la possibilità di generare buona economia e dall’altro di avvicinare il consumatore che tende ad avere sempre più consapevolezza di acquistare prodotti a Km zero. Siamo vicini alla soglia dei 500 buoni venduti ed oltre all’indotto creato, questa iniziativa sta portando dei nuovi clienti a conoscere le aziende agricole del territorio. Anche l’agricoltura è cambiata, non è più fatta di antichità e tradizioni, ma anche di grande passione e innovazione”.

Visita il sito www.saporipadovani.it

Email inviata con successo

Smog: allerta 1 in gran parte della Regione

22/02/2021 11:49

I livelli di pm10 oltre il valore limite giornaliero fanno scattare in Veneto l'allerta "1" in molte aree della regione. Lo rende noto l'Arpav.

Dalla metà della scorsa settimana, a causa della stabilità atmosferica, è iniziato l'accumulo del particolato pm10, che ha portato al superamento del valore limite giornaliero di 50 µg/m3 per alcuni giorni consecutivi. Ieri il valore limite è stato superato in tutte le centraline, ad eccezione di Belluno, Pieve d'Alpago (Belluno) e Adria (Rovigo), evidenziando una situazione di generale scarsità della qualità dell'aria in tutta la regione.

Il superamento è il più diffuso del semestre invernale, su livelli comunque sempre inferiori a 90 µg/m3. L'allerta "1" (arancio), che non prevede particolari misure scatta da domani, almeno fino a tutta la giornata di giovedì 25 febbraio, in gran parte del territorio regionale, mentre rimangono in allerta "0" (verde) le aree di Belluno, Adria, Conegliano, Chioggia.

Nei prossimi giorni si consolideranno le condizioni di alta pressione, non sono quindi previste precipitazioni e intensificazioni dei venti per la dispersione degli inquinanti. L'unico fattore che potrebbe contenere l'accumulo o determinare una parziale diminuzione delle concentrazioni di pm10 sarà la probabile deposizione umida nelle zone centro-meridionali, con nebbie fitte dalle ore serali fino alla mattina, specie fino a mercoledì.

Email inviata con successo

Inquinamento: scatta il semaforo arancione

22/02/2021 10:14

La qualità dell'aria è peggiorata negli ultimi giorni e così da oggi fino a giovedì 25 febbraio saranno attive le limitaizoni alla circolazione dei mezzi previste dal semaforo arancione. Va ricordato che il livello di allerta arancione scatta dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore consentito di PM10.

Questo vuol dire che dalle 8.30 alle 18.30 non potranno girare le moto a 2 tempi Euro 0, le auto a benzina Euro 0 e 1 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4 e i mezzi commerciali diesel Euro 0, 1, 2, 3.

L’area interessata dalle limitazione è quella del territorio comunale a eccezione della Zona Industriale, dell’anello delle tangenziali e delle grandi strade di collegamento ai parcheggi scambiatori e ai capolinea dei mezzi pubblici.

Possono circolare i veicoli con motore elettrico o ibrido, veicoli alimentati a Gpl o gas metano e veicoli alimentati a benzina o a gasolio trasformati a Gpl o gas metano.

Con livello di allerta arancione sono previsti inoltre il divieto di utilizzo di stufe a biomassa di classe inferiore a 3 stelle, la limitazione della temperatura degli ambienti (che non deve superare i 19 gradi nelle abitazioni, negli uffici e negli esercizi commerciali e i 17 gradi negli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali), il divieto di combustioni all'aperto di piccoli cumuli di materiale vegetale da attività agricole e forestali.

L’assessore all’ambiente Chiara Gallani spiega: “Un semaforo arancione che era annunciato. L’aria nella nostra città infatti, nonostante il primo semaforo arancione sia scattato solo ora, continua ad essere terribilmente inquinata. Sono molti i servizi che mettiamo in campo per andare incontro ai disagi che le misure di contenimento portano ai cittadini: ricordiamo i contributi per la trasformazione dell’alimentazione dei veicoli (da benzina o diesel a gpl o metano) e lo sportello per l’efficienza energetica, implementato da quest’anno per garantire supporto e informazione anche sulle pratiche del super bonus 110%. Per non parlare dei grandi investimenti sul trasporto pubblico locale, come ad esempio l’annunciato progetto del sistema metropolitano a rete tranviaria. Sono infatti molte le occasioni per agire nella direzione di una città meno inquinata. A noi sta coglierle e ricordare che un’aria più pulita dipende anche dalle piccole azioni quotidiane di ognuno di noi".

SANZIONI

Chiunque, violando le limitazioni previste, circoli nel territorio di applicazione del provvedimento con veicoli appartenenti relativamente alle emissioni inquinanti a categorie inferiori a quelle prescritte, è soggetto ad una sanzione amministrativa pari a 168. Se il pagamento avviene entro 5 giorni dalla data di accertamento o dalla notificazione del verbale viene applicata la misura agevolata pari a 117,60 euro.

In caso di reiterazione della violazione nel biennio, è prevista la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da 15 a 30 giorni.

Email inviata con successo

6.839 confezioni di farmaci donate a Padova

22/02/2021 10:06

Durante la GRF - Giornata di Raccolta del Farmaco di Banco Farmaceutico (9 - 15 febbraio), i cittadini hanno donato 468.000 confezioni di medicinali, pari a un valore superiore a 3,5 milioni di euro. Questi farmaci aiuteranno più di 434.000 persone povere di cui si prendono cura 1.790 realtà assistenziali convenzionate con la Fondazione Banco Farmaceutico onlus. Tali realtà hanno espresso a Banco Farmaceutico un fabbisogno pari a oltre 979.000 confezioni di farmaci che, grazie alla raccolta, sarà coperto al 48%.

All’iniziativa hanno aderito 4.869 farmacie e sono stati coinvolti oltre 17.000 farmacisti. I titolari delle farmacie hanno donato circa 730.000 euro.

A Padova e provincia, sono state raccolte 6.839 confezioni di farmaci in 90 farmacie, che aiuteranno le persone indigenti di 13 realtà assistenziali del territorio. Gli enti padovani a cui saranno devoluti i farmaci raccolti sono:

- Cucine Economiche Popolari

- Croce Rossa Italiana, sezione di Padova

- Casa Madre Teresa

- Casa Massimiliano Kolbe

- Opera della Provvidenza di Sant’Antonio

- ANFFAS Onlus Padova

- Associazione Casa IN-CON-TRA

- Cooperativa Sociale “Il Glicine”

- Centro Aiuto alla Vita – Padova

- Opera Casa Famiglia

- Associazione Papa Giovanni XXIII

- Domus Familiae Padre Daniele

- Associazione Francescane con i poveri

Le realtà che offrono cure e medicine alle persone indigenti, sono state particolarmente danneggiate dalla pandemia e avranno sempre più bisogno del nostro aiuto. Come emerge dall’8° Rapporto sulla Povertà Sanitaria (disponibile a questo link: https://bit.ly/2OKnrjQ), il 40,6% ha sospeso alcuni servizi. Il 5,9% ha chiuso e non ha ancora riaperto.

Email inviata con successo

Blitz animalista in Prato: "Orsi liberi"

21/02/2021 11:32

“Orsi liberi! 14 marzo corteo al Casteller di Trento!"

Questo è l'esaustivo messaggio riportato sui manifesti comparsi in prima serata di sabato 20 febbraio nelle città di Torino, Milano, Roma, Lodi, Tortona, Padova, Belluno, Bassano, Vicenza, Verona, Saronno, Asiago (Altopiano dei sette comuni), Trieste, Verbania, Trento, Pavia, Rimini, Genova, Monza, Bologna, Ancona, Novara, Parma, Sassari, Alessandria, Firenze, Perugia, Castellammare del Golfo, a poche settimane dall'evento previsto nel capoluogo Trentino.

Non si ferma la dura protesta contro la detenzione dei tre orsi M49, M57 e DJ3 presso il centro vivaistico Casteller di Trento, struttura già da mesi al centro di un aspro dibattito circa le condizioni critiche in cui versano i plantigradi ivi rinchiusi.

La manifestazione nazionale, programmata per il 14 marzo, promossa dal Coordinamento Animalista, in collaborazione con numerose associazioni, chiama alla mobilitazione generale le principali sigle del panorama animalista italiano, per esprimere un forte dissenso verso le decisioni della giunta Fugatti in materia di gestione e conservazione della fauna selvatica.

Email inviata con successo